Tecnologia

Mathesia cerca round da 500mila euro per crescere all'estero con Ban-Up

startup

Mathesia cerca round da 500mila euro per crescere all'estero con Ban-Up

Mathesia, piattaforma europea di crowdsourcing dedicata alla matematica applicata, e Ban-Up, società dedicata alla valorizzazione e all'accelerazione di progetti imprenditoriali innovativi, lavoreranno insieme per accelerare la crescita della startup, sia attraverso un rafforzamento della struttura finanziaria e industriale, sia ampliando lo sviluppo commerciale con campagne di marketing e comunicazione in Italia e all'estero.
Mathesia, si legge nella nota, si avvarrà inoltre della piattaforma digitale di Epic Sim, con cui Ban-Up ha una partnership privilegiata, per coinvolgere nuovi investitori privati qualificati e istituzionali.
Chi sono. Nata dalla collaborazione tra Moxoff (spinoff del Politecnico di Milano) e Yottacle, Mathesia (startup incubata presso il PoliHub, l'incubatore del Politecnico di Milano gestito dalla Fondazione Politecnico) è una piattaforma di crowdsourcing 3.0 con migliaia di iscritti tra ricercatori, consulenti, società, startup e studenti provenienti da più di 50 nazioni. Tra le aziende che per prime hanno scommesso su Mathesia per esternalizzare progetti di R&S ci sono Siemens, Nolan e De'Longhi. La piattaforma consente, infatti, di far dialogare esperti di matematica, modellistica, simulazione e statistica provenienti da tutto il mondo con realtà aziendali in cerca di soluzioni concrete per il miglioramento della loro produttività o per lo sviluppo di soluzioni di prodotto innovative, attraverso un modello rapido, economico ed efficace di open innovation per le imprese.

A caccia di finanziamenti. Attualmente stanno stanno facendo il giro degli investitori per raccogliere 500mila euro. Ban-Up li ha aiutati a strutturare meglio il pitch per diventare più appetibili a investitori e ha messo a disposizione la piattaforma di Epic, con cui ha una partnership privilegiata e su cui Mathesia presenta il suo progetto agli investitori privati qualificati e istituzionali della community.


© Riproduzione riservata