Tecnologia

L’Europa ha scelto: a Bologna il nuovo centro per il meteo

dopo reading (uk)

L’Europa ha scelto: a Bologna il nuovo centro per il meteo

È arrivato il verdetto. Bologna e l'Emilia-Romagna hanno vinto la sfida: sotto le Due torri arriverà il data center del Centro meteo europeo (Ecmwf), finora con sede a Reading in Inghilterra. La decisione è stata presa oggi dal consiglio dell'istituto e da qui a giugno verranno definiti gli aspetti tecnici dell'accordo di sede che ratificherà l'arrivo a Bologna della struttura. A dare l'annuncio è stata la Regione Emilia-Romagna. Il capoluogo emiliano ha battuto la concorrenza delle inglesi Exeter e Slough (oltre a Reading), di Lussemburgo, della finlandese Espoo e dell'islandese Akureyri.

«Sono rimasta impressionata dalla qualità di tutte le proposte che abbiamo ricevuto, e ora non vedo l'ora di iniziare le discussioni con il Governo italiano. I prossimi mesi consentiranno a tutte le parti in gioco di discutere gli elementi giuridici, finanziari e tecnici della proposta in modo più dettagliato, in vista della prossima sessione del Consiglio degli Stati membri dell'European center medium weather forecast», ha affermato la direttrice dell'Ecmwf, Florence Rabier.

Il progetto italiano ha vinto, spiega la Regione, perché vengono messi a disposizione «servizi e infrastrutture logistiche di alto livello» nella sede del Tecnopolo di Bologna, dove prenderà casa il centro meteo, offrendo anche «rilevanti opportunità di sinergie tecnico-scientifiche» con gli altri centri di ricerca e non presenti sul territorio e nel resto del Paese. «È un risultato straordinario - commenta il governatore Stefano Bonaccini - che rende orgogliosa tutta la società regionale e rende concreto uno dei principali obiettivi che ci eravamo dati nel programma di mandato: fare dell'Emilia-Romagna la piattaforma europea per la ricerca e l'innovazione». Per Bonaccini, «ancora una volta il fare sistema è risultato vincente. Il risultato di oggi lo si deve infatti al gioco di squadra fra istituzioni, università e centri di ricerca».

Di «lavoro di squadra» e «sinergia istituzionale» ha parlato anche il sindaco di Bologna, Virginio Merola. L'arrivo del centro meteo sotto le Due torri «è la testimonianza di un territorio attrattivo, competitivo e che sa cogliere le opportunità e vincere le grandi sfide come questa- afferma il sindaco- Bologna, col suo territorio metropolitano, dimostra ancora una volta di essere un punto di riferimento per il nostro Paese e per l'Europa intera grazie alla posizione geografica, all'alta formazione professionale che offre, alla capacità di innovazione tecnologica e al buon vivere che esprime». Il Centro europeo, continua Merola, «qualificherà ulteriormente il progetto del Tecnopolo, che diventerà uno dei cuori pulsanti della ricerca scientifica e che abbiamo voluto con determinazione proprio destinato a questi usi».

Nell'area dell'ex Manifattura tabacchi, il centro dovrebbe occupare un'area di 9.000 metri quadri, compresa la zona per i supercomputer al piano terra e per gli uffici, con la possibilità di ampliare gli spazi di altri 6.000 metri quadri. «Oggi abbiamo la conferma che l'Emilia-Romagna è riconosciuta in tutto il mondo per il suo valore scientifico e culturale e che può competere a livello europeo con chiunque- esulta l'assessore regionale all'Istruzione, Patrizio Bianchi- soprattutto se tutte le istituzioni fanno rete, come avvenuto in questo caso». In Emilia-Romagna tra l'altro si concentra il 70% della capacità di calcolo nazionale e occupa oltre 1.700 ricercatori nell'ambito dei Big data.

© Riproduzione riservata