Tecnologia

Ora Minecraft ha la sua moneta. Nasce l’economia dei creatori di mondi

  • Abbonati
  • Accedi
videogiochi

Ora Minecraft ha la sua moneta. Nasce l’economia dei creatori di mondi

Nasce Minecraft Marketplace, avrà una sua moneta (i Minecraft coin) e i suoi imprenditori (Creators). Finisce un’era e ne inzia un’altra. Acquisita da Microsoft due anni fa a una cifra stratosferica di 2,5 miliardi di dollari oggi con 53.000 copie vendute al giorno e oltre 40 milioni utenti nel mondo Minecraft rappresenta la più grande scatola di costruzioni digitale del mondo. Per la prima volta un mondo così vasto prova a costruire al proprio interno una economia di scambio. La piattaforma, presentata in anteprima al Sole 24 Ore, partirà in primavera e sarà aperta a Creators scelti da Microsoft e quindi con identità registrate. Potranno condividere e vendere con Minecraft Coins dai singoli oggetti digitali fino a mondi più strutturati. Microsoft come avviene anche sugli app store tratterrà il 30% per ogni singolo acquisto.

Come funziona. I pagamenti sono in-app e quindi per accedere si dovrà entrare nel gioco. Anche i creators sono selezionati da Microsoft che si occupa di controllare i prodotti che vengono messi in commercio. Così non si rischiano virus o contenuti inappropriati. La valuta dei Minecraft Coins sarà acquistabile nei seguenti tagli : 1,99 dollari per 300 coins, 4,99 dollari per 840 coins e 9,99 dollari 1,720 coins. I giocatori potranno acquistare aprendo un account Xbox Live a pagamento. Una volta che acquistano le monete o li usano per ottenere contenuti, sia le monete e il contenuto sono immediatamente disponibili per loro su qualsiasi piattaforma, sia su device mobile via app che via Windows 10. Il Minecraft Marketplace sarà disponibile in primavera sia su “Minecraft: Windows 10 Edition” che su “Minecraft: Pocket Edition” attraverso il nuovo update. 1.1 Discovery Update.

Prime impressioni. Potrebbe nascere la più grande economia di scambio dei mondi digitali. Minecraft a differenza di altri giochi online che utilizzano al loro interno monete virtuali come World of Warcraft o Destiny (Activision) 

© Riproduzione riservata