Tecnologia

I classici di Nintendo funzionano su Switch?

videogiochi

I classici di Nintendo funzionano su Switch?

Dopo il lancio a marzo della nuova console Nintendo ha annunciato che le vendite sono andate meglio del previsto: sono state consegnate 2,7 milioni di macchine da gioco e 5,4 milioni di videogiochi. Entro la fine dell'anno i manager giapponesi prevedono di raggiungere le dieci milioni di unità. Non siamo vicini ai record di altri debutti di alcuni competitor ma il dato fa ben sperare gli investitori di Nintendo. In particolare The Legend of Zelda: Breath of the Wild ha riscosso un grande successo con 3,8 milioni di copie di cui due terzi su Switch. In pratica ha venduto più Zelda della Nintendo Switch. Ma questo è normale, e non c'è da stupirsi. I classici di Nintendo, si sa, sono una certezza. Poi questo capitolo di Link&Co è davvero il più bello di sempre. Tuttavia, è chiaro che alla Switch in questo momento manca una killer application.

Nel documento finanziario non si danno numeri su 1-2 Switch, il titolo che rappresenta per Nintendo Switch quello che Wii Sports ha rappresentato per la Wii cioè una demo tecnica per mostrare le potenzialità della console. In sè non vuol dire molto (Wii Sports era offerto gratuitamente, era ben fatto e la Wii era veramente qualcosa di nuovo nel panorama di questa industria), il paragone non regge ma certamente il successo di Wii Sports ha contribuito molto a quella della Wii. Nintendo Switch è una creatura diversa, come Wolf del film di Tarantino il suo mestiere è quello di risolvere problemi. Risolve quello delle vacanze con i figli, delle feste con gli amichetti, del monopolio del televisore la sera. E' una macchina portatile e domestica con qualche intuizione di interfaccia (il gioco social) davvero geniale. L'arrivo di Mario Kart 8 Deluxe venerdì scorso probabilmente aiuterà ulteriormente a chiarire la vocazione della nuova console.
Le novità rispetto all'originale sono poche. Oltre alle 48 piste, gare multiplayer in locale e online e una nuova modalità di battaglia, Mario Kart 8 Deluxe presenta cinque classi di velocità tra le quali scegliere. Di nuovo c'è appunto la modalità del multiplayer online e locali, con i “telecomandini” davanti allo schermo piccolo, con i controller davanti alla tv o con più Switch. Per il resto Mario Kart resta Mario Kart, un classicone, un mostro sacro per l'intrattenimento formato famiglia. Sicuramente funzionerà non bene, benissimo su Switch. Ma resta il nodo di trovare un gioco che da solo renda unica la ragione di acquisto della Switch. In Italia probabilmente questo titolo sarà Fifa. Ci possiamo serenamente scommettere.

© Riproduzione riservata