Tecnologia

Fuggire con la matematica: al liceo di Caravaggio le Olimpiadi del…

gaming a scuola

Fuggire con la matematica: al liceo di Caravaggio le Olimpiadi del videogioco didattico

Dobbiamo uscire da una foresta fitta e per farlo ci troviamo inevitabilmente a fare i conti con le regole della fisica e della matematica: per attraversare il torrente bisogna valutarne la larghezza ma anche la velocità dell’acqua, per risalire il dirupo studiare l’altezza, il grado di ripidità e la forza di gravità, per correre e saltare gli ostacoli dobbiamo sapere la velocità e la direzione del vento. Con questa ambientazione il team “Void Man” del Liceo delle scienze applicate Galileo Galilei di Caravaggio (Bergamo) ha vinto la prima edizione di Game@School, le Olimpiadi nazionali del videogioco a scopo didattico.

Oltre trecento studenti di scuola primaria e secondaria organizzati in 74 squadre si sono sfidati lo scorso gennaio nel corso di un’intera giornata per utilizzare un videogioco per spiegare che la realtà è fatta di numeri: era questa infatti la missione richiesta nell’ambito dell’hackaton organizzato dal Centro Studi ImparaDigitale. La premiazione si è svolta il 16 maggio a Bergamo in occasione dell’appuntamento “Verso gli Stati generali della scuola digitale”.

Il vincitore assoluto è risultato l’escape game basato sul programma Cry Engine progettato dal liceo di Caravaggio nel quale “la matematica è vista come immanente alla realtà, dalla quale si traggono sputi per le sfide”, come recita la motivazione della giuria.

Nelle singole categoria sono stati inoltre premiati i gattini che giocano a tennis rispondendo a domande di carattere matematico ideati dai bambini della primaria di Darfo (Brescia), i personaggi che si spostano nei territori regionali sviluppati dai ragazzi della media di Fornovo San Giovanni (Bergamo) per la categoria delle secondarie di primo grado e l’esplorazione condotta sulla base di quiz in dieci livelli di difficoltà pensata dagli team del liceo scientifico Mascheroni di Bergamo per le secondarie di secondo grado.

Tenendo conto dell’elevata partecipazione al concorso e della qualità dei giochi ideati, la seconda edizione delle Olimpiadi del videogioco per la didattica si svolgerà l’anno prossimo su base nazionale, con diverse sedi territoriali regionali.

© Riproduzione riservata