Tecnologia

Uber, le app, i taxi: unica via d’uscita aggiornare la…

Startup

Uber, le app, i taxi: unica via d’uscita aggiornare la normativa

fonte epa
fonte epa

Lo scriveva il mese scorso il giudice che voleva chiudere Uber, ora lo ribadisce anche il giudice che salva Uber dal ricorso dei tassisti romani: una riforma del trasporto pubblico non di linea è urgente. Non solo perché le norme attuali sono troppo pasticciate (nate nel 1992 e cambiate in parte alla fine dello scorso decennio per le pressioni della piazza e quelle del diritto UE) e lo diventano sempre più di proroga in proroga. Ma anche perché non tengono conto del fatto che nel frattempo sono arrivate le app.

Osservazione ormai scontata? Fino a un certo punto. Perché non c'è solo la app di Uber: ci sono anche quelle dei taxi. E, tra queste ultime, ce n'è una che ormai, come Uber, è anch'essa espressione di una multinazionale che opera nell'orbita Daimler: MyTaxi. Dunque, non sono solo app delle tradizionali centrali radio che raggruppano i tassisti. Non a caso, tastando il polso dei guidatori, c'è chi contesta anche MyTaxi.

E allora non resta che rifare tutto. Il Governo ci sta provando da febbraio e ha partorito una bozza di riforma. Che però non ha la copertura legislativa che verrebbe se fosse approvato il Ddl concorrenza, fermo da oltre due anni, dato per sbloccato proprio a febbraio e ora nuovamente impantanato.

© Riproduzione riservata