Tecnologia

Google presenta Android 8. Ecco che cosa cambierà sugli smartphone

sistemi operativi

Google presenta Android 8. Ecco che cosa cambierà sugli smartphone

Fonte AP
Fonte AP

È il giorno di Android O. L'ottava versione del sistema operativo mobile più diffuso al mondo è stata presentata a New York, durante un evento ufficiale organizzato da Google. E le novità sono tante. Questa versione di Android - dove O sta per Oreo - sarà quella che andrà a scontrarsi con iOS 11. Anche il sistema operativo di Apple arriverà nelle prossime settimane.

Gli ingegneri di Google hanno lavorato molto sul campo dell'intelligenza e della sicurezza. Per questo Android 8 sembra aver fatto passi in avanti proprio su questi due fronti. Migliorati anche la fluidità di utilizzo e la funzione picture in picture (che stavolta renderà davvero semplice passare da un'attività ad un'altra).

«Avete mai provato a guardare un video-tutorial su YouTube prendendo contemporaneamente appunti sul telefono? - ha scritto Sameer Samat, VP Product Management, Android e Google Play sul blog ufficiale - Grado di difficoltà: 9 su 10. Android O risolve la situazione grazie a picture-in-picture, che consente di visualizzare due applicazioni simultaneamente: è come avere la capacità di essere in due luoghi allo stesso tempo! Siete sommersi dalle notifiche, ma mancano sempre quelle delle app che amate di più? Succede spesso anche a me. Con Android O, grazie agli indicatori di notifica potete semplicemente toccare l'icona per vedere cosa c'è di nuovo nelle applicazioni - tipo quelle più importanti che avete nella home - e poter agire rapidamente».

Maggiore sicurezza
Uno dei punti su cui gli sviluppatori hanno lavorato sodo è quello relativo alla sicurezza. Android è stato sempre un po' nell'occhio del ciclone in fatto di attacchi mobile (colpa di un sistema più aperto, ma anche più diffuso, rispetto a quello di Apple). Con Android O è stato introdotto il Google Play Protect, uno strumento con nuove funzionalità come i controlli di installazione delle applicazioni a livello sorgente, che migliora di molto la protezione contro i malware.

SOS Batteria
Funzioni migliorate anche in fatto di risparmio energetico. Il nuovo Android permette di ridurre al minimo le attività in background delle applicazioni meno utilizzate. Le limitazioni dell'attività in background aiutano a far durare la batteria più a lungo ed è un punto sul quale gli sviluppatori lavorano da tempo. Le premesse sono buone. Di certo andrà testato.

Più veloce
Rivedendo valanghe di codice, i programmatori di Google sono certi di aver prodotto un sistema operativo molto più veloce delle versioni precedenti. L'avvio del sistema è stimato in due volte più veloce rispetto al passato. Una volta ricaricato, inoltre, la funzione di Compilazione automatica di Android O richiama automaticamente le informazioni in memoria, ad esempio le password per il login (solo se hai dato il consenso), per accedere alle applicazioni preferite più velocemente. Inoltre, il supporto per Android Instant Apps consente di finire all'interno di nuove applicazioni senza doverle installare sul dispositivo.

Nuove emoji
Con Androdi O arriva un set di nuove emoji completamente ridisegnate. Ce ne sono oltre 60 e sarà utile capire quale sarà l'interazione con i sistemi iOS.

Quando arriva sugli smartphone
Da Google sono stati chiari: rilasceranno i codici sorgente di Android Open Source Project (AOSP) affinché possano essere accessibili sin da subito. Per quanto riguarda i modelli Pixel e Nexus 5X/6P, i test sono stati già avviati e la fase roll out non dovrebbe tardare molto (insieme a Pixel C e Nexus Player). Ma da Big G hanno fatto sapere di una stretta sinergia con i maggiori produttori (tra cui Essential, General Mobile, HMD Global Home of Nokia Phones, Huawei, HTC, Kyocera, LG, Motorola, Samsung, Sharp e Sony) che presto saranno pronti a lanciare o aggiornare i loro dispositivi con Android 8.0. Date certe non ce ne sono. Ma a giudicare dalle esperienze passate, sui top di gamma si potrebbe vedere qualcosa entro la fine dell'anno.

© Riproduzione riservata