Tecnologia

Il «sorpasso» di Snapchat su Facebook tra i più giovani

social network

Il «sorpasso» di Snapchat su Facebook tra i più giovani

Negli Stati Uniti e in parte nel Regno Unito Facebook sta perdendo gli utenti più giovani a favore di Snapchat e Instagram. È uno scenario più volte previsto e ora sostenuto dai numeri della blasonata società di ricerca eMarketer. Nella fascia di età tra i 12 e i 17 anni gli utenti americani che vanno su Facebook almeno una volta al mese caleranno nel 2017 del 3,4% rispetto al 2016, segnando il secondo calo annuale consecutivo, anche se nel 2016 era stato solo dell’1,2%.

eMarketer ha ridotto le stime di utilizzo del social network anche tra i 18 e i 24 anni. «Osserviamo una migrazione di questi ragazzi e ragazze verso Snapchat e Instagram, perché offrono una servizio più in linea con le loro preferenze comunicative», sentenzia il ricercatore Oscar Orozco.

E infatti Snapchat cresce di quasi il 20% tra i 18-24 anni. Il risultato forse più clamoroso è che per la prima volta Snapchat supererà sia Instagram che Facebook nelle fasce di età 12-17 e 18-24 come numero di utenti negli Stati Uniti. «Facebook è fortunata ad avere Instagram» dice Debra Aho Williamson, visto che il social network delle foto dimostra una crescita importante tra i giovani.

Ma la fortuna c’entra poco. È strategia. Facebook ha comprato Instagram nel lontano 2012 dimostrando quanto Zuckerberg avesse già in mente di diventare cacciatore di ogni idea innovativa che potesse trovare il seguito dei teenager. E fosse consapevole del rischio che Facebook non restasse in eterno la loro piattaforma preferita.

Poi ha comprato WhatsApp e Oculus. Ma soprattutto ha cercato di mettere le mani su Snapchat, trovando però sulla sua strada la tenacia di Evan Spiegel, fondatore di Snapchat, che ha chiuso la porta a ogni ipotesi di vendita (anche a Google, almeno fino a oggi). Impossibilitato a poter fare sua l’azienda diventata famosa, specie negli Usa, per i messaggi che si cancellano da soli, Zuckerberg ha iniziato a introdurre diverse funzioni di Snapchat su Instagram e Facebook, arrivate di recente anche su WhatsApp.

US CHILD/YOUNG ADULT FACEBOOK, INSTAGRAM AND SNAPCHAT USERS, BY AGE
2017, millions (Source: eMarketer)

L’app di messaggistica ha appena introdotto gli stati animati, che ricordano le storie di Instagram e Facebook, che sono state copiate da Snapchat. Altro esempio palese è il diffondersi di animazioni che si possono aggiungere alle foto, con testi, adesivi e scenette varie.

Sembra non sia bastato. Il calo degli utenti 12-17 e 18-24 anni è visibile anche nel Regno Unito, dove Facebook nel 2017 perderà secondo eMarketer rispettivamente il 2,8% e il 3,1% degli utenti unici mensili.

UK SOCIAL NETWORK USER PENETRATION, BY PLATFORM
2017, % of population (Source: eMarketer)

Sono dati da non drammatizzare ma da tenere d’occhio. Perché Facebook è ormai un colosso che procede a gonfie vele sia a Wall Street che nel conto economico. E Zuckerberg ha detto di recente che è arrivato il momento di monetizzare anche la messaggistica (si parla, ad esempio, dell’arrivo di un servizio di scambio di denaro su WhatsApp), dunque procedere nella diversificazione. Dall’altra parte, Snapchat nell’ultimo trimestre ha segnato un rosso di 443 milioni di dollari, in aumento rispetto ai 115 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. E in Borsa continua a viaggiare sotto il prezzo dell’Ipo, anche se oggi, sull’onda della notizia, ha guadagnato il 6 per cento. Secondo gli analisti Snap soffre la morsa di Facebook. I teen pare che non se ne siano accorti.

© Riproduzione riservata