Tecnologia

Il dato è mio e lo controllo sempre io

privacy

Il dato è mio e lo controllo sempre io

(Ansa)
(Ansa)

La parola chiave dell'Articolo 20 della Normativa Europea è “forniti”, almeno per comprendere l'impatto sulle aziende della portabilità dei dati stabilita dalla legge. Il Regolamento afferma che “l'interessato ha il diritto di ricevere in un formato strutturato, di suo comune e leggibile da dispositivo automatico i dati personali che lo riguardano forniti a un titolare del trattamento…”. Proprio l'interpretazione ufficiale di quel “forniti”, arrivata con le linee guida promosse dai Garanti Europei, ha chiarito che tra essi si devono annoverare anche i dati “derivanti dall'osservazione delle attività svolte” dall'interessato. In concreto significa che il diritto può essere esercitato anche su qualsiasi informazione si generi all'interno di un rapporto contrattuale o di un servizio.

Chiunque abbia una carta fedeltà potrà chiedere al gestore il dettaglio dei suoi consumi o acquisti e la stessa istanza potrà rivolgerla all'operatore energetico che gli ha installato un contatore intelligente a casa. Pazienti soggetti a monitoraggi continui o a telemedicina avranno facoltà di esercitare il diritto verso le strutture sanitarie, mentre operatori come Google si vedranno recapitare richieste per la portabilità delle caselle di posta elettronica. Un elenco infinito di organizzazioni si troverà a fare i conti con questa tematica, soprattutto perché i dati dovranno essere in un formato “strutturato, di uso comune e leggibile”.

L'operazione potrebbe non essere banale e richiedere interventi significativi sulle applicazioni che gestiscono i servizi e i dati. Aggiungiamo che sarà facoltà dell'interessato chiedere la trasmissione diretta tra due titolari diversi, casistica in cui diventa cruciale il tema dell'interoperabilità tra diversi sistemi. Naturalmente ogni comunicazione dovrà avvenire in modo sicuro, tale da evitare la compromissione di integrità, riservatezza e disponibilità delle informazioni, con relativi oneri. L'unica consolazione per le aziende è la limitazione della portabilità ai “trattamenti effettuati con strumenti automatizzati”, almeno la carta potrà restare chiusa negli armadi.

* presidente D.Gi Accademy

© Riproduzione riservata