Tecnologia

Google pronta a chiudere l'acquisizione della taiwanese HTC

strategie mercato smartphone

Google pronta a chiudere l'acquisizione della taiwanese HTC

Lo stand Htc al Mobile World Congress di Barcellona (Reuters)
Lo stand Htc al Mobile World Congress di Barcellona (Reuters)

Sono ore caldissime sul fronte Google-HTC. Secondo indiscrezioni riportate da Bloomberg, che cita fonti vicine alle due società, nelle prossime ore verrà formalizzata l'acquisizione dell'azienda taiwanese da parte di Big G. A conferma dell'operazione imminente c'è la sospensione del titolo di HTC dalla borsa di Taiwan previsto per la giornata di domani. Va detto che la notizia circolava con insistenza da qualche giorno. Ma Google (come HTC) ha sempre preferito non commentare le indiscrezioni. Adesso sembra arrivata l'ora X.

Per ora i termini finanziari della trattativa non sono noti, ma a Mountain View non hanno certo problemi di liquidità e l'operazione sembra alla portata. Per Google si tratterebbe di un'acquisizione decisamente importante dal punto di vista del business mobile. HTC, infatti, è la produttrice degli smartphone Google Pixel 2, che saranno svelati il prossimo 4 ottobre. Ed è molto probabile che questa partnership sia stata il preludio dell'acquisizione in corso.

Va ricordato che Google già qualche anno fa provò l'offensiva nel mercato mobile con l'acquisizione di Motorola. Un'operazione da 13,2 miliardi di dollari datata agosto 2011. Ma le cose non andarono bene, tanto che Motorola fu ceduta ai cinesi di Lenovo appena tre anni dopo, e ad un prezzo decisamente inferiore: 2,9 miliardi di dollari.

Ora Google ci riprova con HTC, dalla quale acquisterà soltanto il comparto smartphone. L'acquisizione, infatti, a quanto pare non riguarderà la divisione dedicata alla realtà virtuale, fiore all'occhiello dell'azienda taiwanese con il visore HTC Vive.

Fino a qualche anno fa HTC era fra i produttori di smartphone più considerato nel mondo Android, con modelli dal design molto apprezzato e dalle caratteristiche hardware di primo livello. Proprio ciò che manca a Google, che con questa acquisizione ormai imminente spera di trovare finalmente la strada giusta nel mercato degli smartphone, vero e proprio tarlo del padrone di Android.

© Riproduzione riservata