Tecnologia

Musement compra Triposo: nasce una piattaforma di machine learning per i…

startup

Musement compra Triposo: nasce una piattaforma di machine learning per i viaggi da 12 milioni di utenti

  • –di

Uno strumento digitale per scoprire e prenotare itinerari e attrazioni turistiche in punta di smartphone: questa è Musement, startup nata a Milano nel 2013 per offrire servizi di prenotazione e proposte di viaggio esclusive attraverso il canale Web, l'immancabile app mobile e i portali dei partner commerciali. La società compie ora un importante salto in avanti con l'annuncio dell'acquisizione di Triposo, piattaforma di contenuti legati al travelling la cui app conta più di 10 milioni di download.
Triposo continuerà a operare dal quartier generale di Amsterdam e tale sede si aggiungerà agli uffici di Musement presenti a Milano, Barcellona, Londra, New York e Dubai. In base all'accordo, il venture capital InterWest Partners entra a far parte della compagine azionaria della startup, che già vanta un finanziamento di 18 milioni di dollari (15 milioni di euro) raccolto dal fondo francese 360 Capital Partners, dall'italiana P101 di Milano e da altri investitori.
Per effetto dell'operazione, nasce un soggetto in grado di raggiungere attualmente circa 12 milioni di viaggiatori e che si candida a diventare un riferimento assoluto per le attività in-destination e i tour locali. L'integrazione di Triposo, si legge in una nota, verrà completata nei prossimi mesi e punterà in modo particolare a rendere ancora più intuitivo e in tempo reale il servizio: l'algoritmo di apprendimento automatico di quest'ultima, che analizza ed elabora i dati di milioni di siti e di recensioni per riunirli tutti su un'unica piattaforma, permetterà a Musement di aggiungere contenuti iper-personalizzati alle sue opzioni di prenotazione all'interno di diverse aree verticali, dai tour guidati ai musei, dalle attività food & wine a quelle riguardanti il wellness.
Alessandro Petazzi, co-founder e Ceo di Musement, ha sottolineato in proposito come l'obiettivo sia quello di “costruire la migliore piattaforma possibile per prenotare e scoprire le attività disponibili una volta giunti a destinazione”. Il mercato a cui guarda la startup ha oggi un valore stimato di 135 miliardi di dollari ed è in fase di consolidamento ed evoluzione. Nel recente passato si sono registrate infatti operazioni quali l'acquisizione di Viator (nel 2014) ad opera di Tripadvisor e quella di Zozi da parte di Peek, conclusa nell'aprile 2017.

© Riproduzione riservata