Tecnologia

Twitter raddoppia i caratteri da 140 a 280: la mossa che può salvare i…

SOCIAL NETWORK

Twitter raddoppia i caratteri da 140 a 280: la mossa che può salvare i conti

Ripartire dalla tecnologia. È questa la parola d'ordine in casa Twitter che ha appena raddoppiato il numero di caratteri a disposizione degli utenti, portandoli da 140 a 280. Dopo un'inattesa trimestrale che ha ridato ossigeno e speranze ai suoi azionisti, il social network si gioca la carta della rinascita sul versante tecnologico. La società di Dorsey ha introdotto la possibilità di scrivere tweet più lunghi. Una mossa che la società con sede a Market Street (San Francisco) aveva annunciato lo scorso 27 settembre, quando proprio il Ceo, Jack Dorsey, aveva postato il primo tweet da 280 caratteri: «È un piccolo cambiamento ma un grande passo per noi», aveva scritto Dorsey, rilanciando un blogpost che annunciava l'imminente modifica. E dopo poco più di un mese di test, la piattaforma è stata aggiornata e rilasciata.

2016: l'anno orribile
Per quanto possa sembrare strano, quella del raddoppio dei caratteri è una carta molto importante per il futuro della società californiana. Twitter arriva a questa piccola rivoluzione tecnologica dopo mesi molto difficili. Il 2016 è l'anno in cui le sue azioni si assestano verso il basso, scivolando attorno ai 14 dollari dopo il boom del gennaio 2014 (con punte da 70 dollari ad azione). I numeri iniziano a fare paura. Gli altri social scappano, Twitter è fermo al palo. A luglio l'ad Dick Costolo presenta le dimissioni e gli subentra il fondatore Jack Dorsey (poi confermato CEO ad ottobre dello stesso anno dagli azionisti). Il ritorno di Dorsey sembra una mossa per traghettare Twitter verso un'altra società. Le voci su una possibile cessione si fanno via via più consistenti. Da Google a Disney, fino a Salesforce, sono numerose le aziende vicine a comprare Twitter. Ma una trattativa vera e propria non decollerà mai.

Il rilancio tecnologico
I problemi finanziari e il tremendo 2016 sono tutti aspetti legati ad un collasso abbastanza grave nei numeri di utenti e nel tempo di utilizzo della piattaforma. Per questo, adesso, Dorsey ha deciso di riaprire la partita puntando sul problema di base: tornare a essere attrattivi. E i tweet più lunghi possono essere la chiave giusta.
Secondo indagini interne a Twitter, con 280 caratteri a disposizione la possibilità che un utente twitti con maggiore frequenza si alza. «Storicamente – è scritto nel comunicato ufficiale della società californiana - il 9% dei Tweet in inglese raggiunge il limite dei caratteri disponibili. Questo dato ben riflette la difficoltà di concentrare un pensiero all'interno di un Tweet, elemento che spesso si traduce in una grande quantità di tempo spesa nel modificare il testo o, spesso, addirittura nell'abbandonare il Tweet prima di inviarlo. Con l'espansione del limite dei caratteri, questo problema è stato ampiamente ridotto e il numero dei Tweet che prima si avvicinavano o raggiungevano il limite si è abbassato all'1%. Dato che abbiamo visto che i Tweet arrivavano al limite dei caratteri molto meno spesso, siamo convinti che le persone abbiano speso anche molto meno tempo nel modificare i Tweet prima di pubblicarli. Questo conferma come una maggior disponibilità di spazi renda molto più facile per le persone esprimere i propri pensieri in un Tweet, così che possano dire quello che vogliono, inviando il Tweet molto più velocemente di prima».

C'era una volta la brevità?
La preoccupazione sull'originalità di Twitter (cioè sulla brevità dei post) è reale. Ma dai test effettuati in questo mese, l'ipotesi sembra scongiurata: «Eravamo preoccupati – dicono da Twitter - che le timeline potessero riempirsi di Tweet di 280 caratteri, e che le persone che avevano a disposizione questo spazio lo avrebbero sempre utilizzato per intero. Ma non è successo. Solo il 5% dei Tweet inviati erano più lunghi di 140 caratteri e solo il 2% sopra i 190 caratteri. Di conseguenza, l'esperienza di lettura e browsing della timeline non cambierà sostanzialmente, perché continuerete a vedere grossomodo la stessa quantità di Tweet nella timeline. Giusto per precisazione, bisogna considerare che i Tweet contenenti un'immagine o un sondaggio solitamente occupano uno spazio maggiore di un Tweet di 190 caratteri». E ancora: «Abbiamo deciso di introdurre questo cambiamento dopo aver attentamente osservato e ascoltato una problematica spesso riscontrata dalla nostra community globale (il fatto che Twittare non risultasse così semplice!), aver analizzato i dati per capire come avremmo potuto migliorare, aver lanciato una fase di test e averne raccolto i feedback».

© Riproduzione riservata