Tecnologia

Star Wars Battlefront II non cede al lato oscuro

Videogiochi

Star Wars Battlefront II non cede al lato oscuro

Star Wars Battlefront II non cede al lato oscuro. Nel 2015 è stato un titolo ambizioso ma deboluccio. Uno sparatutto in terza persona ambientato nei mondi di Guerre Stellari. Appagante per i fan della saga meno per il giocatore online. Tre diversi studi di gioco hanno collaborato nel tentativo di affrontare tutte le debolezze del gioco originale. La più importante di tutte è stata la più facile da risolvere. Guerre Stellari è più che altro una grandissima storia di fantascienza. E narrazione e personaggi incredibili. Perché limitare tutto a una mappa di gioco dove suonarsele di santa ragione? Da qui l'idea di una campagna per giocatori singoli, di una avventura quindi sviluppato in gran parte dal nuovo studio Motive di EA. Si racconta la storia di Iden Versio, un ufficiale delle forze speciali imperiali dopo la distruzione della Morte Nera alla fine del ritorno del Jedi. La campagna è “scritta” bene e offre per una volta la possibilità per i giocatori di assumere il ruolo dei cattivi.

Il trailer

Anche la modalità multiplayer è stata migliorata anche se ha scatenato un vespaio per l'introduzione di forme di micropagamenti. Pay for win, si paga per vincere. L'accusa è di avere reso più facile il gioco per chi è disposto a pagare per potenziamenti. In realtà per quel poco che ho capito e che ho letto sulle riviste specializzate il meccanismo di sblocco degli eroi e di potenziamento delle carte non genera sbilanciamenti tali da rendere la partita squilibrata. Più che altro siamo in presenza di un meccanismo per velocizzare l'acquisizione di elementi non consumabili, che comunque possono essere guadagnati giocando più a lungo.

Certo è una scorciatoia ma per gli editori rappresenta un modello di business su cui intendo puntare. Per un giocatore l'importante è che non vengano falsate le regole del gioco. In ogni caso le polemiche sono state così forti che Ea ha annunciato di aver bloccato il sistema di microtransazioni interno al videogioco Star Wars Battlefront 2. La sospensione pare temporanea e secondo un sito Venture Beat pare che sia arrivato dopo una lunga telefonata con Disney che detiene come sappiamo i diritti di Guerre Stellari.

© Riproduzione riservata