Tecnologia

Addio alla net neutrality: la Fcc ha votato per una rete a più…

  • Abbonati
  • Accedi
internet e regole

Addio alla net neutrality: la Fcc ha votato per una rete a più velocità

AFP
AFP

La Federal Communication Commission ha votato per la rimozione delle regole che garantivano un internet libera e aperta, la cosiddetta net neutrality. L’authority Usa per le tlc ha approvato con una maggioranza di tre voti a due la risoluzione proposta da Ajit Pai, il presidente nominato da Donald Trump per abolire la normativa approvata sotto la presidenza di Barack Obama che obbligava i provider di internet a non discriminare il traffico, trattando tutti i contenuti alla stessa maniera. Davanti alla sede della Fcc a Washington si sono radunati qualche centinaio di dimostranti per protestare contro la svolta.

Ora, invece, i fornitori di accesso a internet - in America si tratta dei colossi tlc come AT&T, Verizon e Comcast - potranno differenziare la velocità garantendo un accesso facilitato ai fornitori di contenuti disposti a pagare. La mossa era osteggiata dai democratici, da Hollywood e dai big di internet come Google e Facebook (pur con qualche distinguo), che avevano chiesto a Pai di non rinunciare alla regolamentazione. Il provvedimento votato stasera lascia campo libero ai fornitori di internet per decidere velocità diverse per i contenuti, dai video ai file musicali, e offerte differenziate per gli utenti a seconda dei servizi cui intendono accedere.

La competenza passa ora di fatto sotto l’authority della Federal Trade Commission che si limiterà a garantire che non ci siano comportamenti contrari alla concorrenza. L’ attorney general di New York ha immediatamente annunciato che promuoverà un ricorso da parte di diversi Stati contro la decisione della Fcc. Già in precedenza molti stati avevano preannunciato contestazioni, soprattutto in ragione di una presunta abdicazione da parte della stessa commissione alle proprie competenze.

Nel suo intervento Pai ha sottolineato che l’eccesso di regolamentazione ha provocato un periodo di stagnazione del business e dell’innovazione e che il provvedimento non comporterà «la fine di internet» o «la fine della democrazia», ma anzi che l’apertura al mercato garantirà ulteriore sviluppo del mondo di internet.

La commissaria democratica Jessica Rosenworcel ha spiegato il suo dissenso sostenendo che la decisione assicura agli internet provider un «potere straordinario » da parte della Fcc: «Hanno la possibiltà tecnica e l’incentivo di business per discriminare e manipolare il traffico internet. E adesso questa agenzia gli fornisce la luce verde per andare avanti».

© Riproduzione riservata