Tecnologia

La crociera del futuro con WiFi e beacon bluetooth

MSC Crociere

La crociera del futuro con WiFi e beacon bluetooth

«Una delle idee che ci ha guidato negli ultimi anni è che l'esperienza dei passeggeri a bordo non poteva più essere un'esperienza disconnessa perché siamo ormai abituati a vivere connessi grazie al nostro smartphone». Luca Pronzati, responsabile dell'Innovazione di MSC Crociere, spiega al Sole24ORE come sarà la crociera del futuro che i passeggeri della nuova MSC Seaside, appena salpata da Miami per il viaggio inaugurale nei Caraibi, possono già provare in questi giorni. Tutto gira attorno ad “MSC For Me”, un app per iOS e Android che funziona grazie ad una rete di 665 access point WiFi e 3275 beacon (antenne) bluetooth.

Tutta la nave è coperta e una delle funzioni più innovative è la geolocalizzazione del passeggero e la funzione di navigazione pedonale attraverso corridoi, ponti, scale e ascensori. Il sistema funziona molto bene ed è impossibile perdersi fra le oltre 2000 cabine già dalla prima notte, quando ancora non si è imparata bene la mappa di questo gigante dei mari costruito da Fincantieri in Italia e varato a fine novembre. “La nave ha 20 piani ed è una gabbia di ferro, per cui il normale segnale GPS non funziona – spiega Pronzati – abbiamo quindi dovuto costruire una infrastruttura di antenne WiFi e beacon bluetooth coprendo ogni angolo della nave. In questo modo, triangolando la posizione dello smartphone di un passeggero, riusciamo a capire precisamente dove si trova e lo possiamo guidare in modo dinamico (cioè nella stessa modalità dei navigatori di strada ai quali siamo abituati ndr) alla propria cabina, al ristornate o al teatro. Ma è anche possibile capire velocemente dove si trovano gli ascensori e le toilette più vicine.

È una funzione molto importante – dice Pronzati – perché le navi stanno diventando sempre più grandi e non sempre è facile orientarsi”. La MSC Seaside (porto di residenza Miami) è la più grande nave da crociera mai realizzata in Italia (lunga 323 metri, alta 72 e larga 41) e una delle più innovative al mondo, e Fincantieri ne sta costruendo una gemella che entrerà in servizio nella primavera del 2018. Si tratta della 14esima nave ad entrare nella flotta MSC Crociere ed è la seconda delle 12 unità del nuovo piano industriale della Compagnia che fra il 2017 e 2026 farà investire alla società della famiglia Aponte 10,5 miliardi di euro. La parte digitale di una nave ricopre un ruolo sempre più importante e per garantire l'affidabilità dei servizi: dall'app, ai registratori di cassa dei bar e ristoranti, i sistemi di intrattenimento delle cabine, la connessione ad internet via satellite, ecc. sono stati installati a bordo due importanti data center. “Uno a prua e uno gemello a poppa di backup per garantire la continuità dei servizi – spiega Alain Carpentier, senior VP Sales HPE Aruba – qui in mare non è possibile usare servizi cloud perché la nave è connessa ad internet tramite satellite e ancor oggi la banda non è sufficiente per gestire l'enorme quantità di dati che vengono generati ed elaborati a bordo della nave per erogare tutti i servizi al passeggero. Ci affidiamo dunque ad una soluzione on premise e possiamo paragonare questi data center a quelli di una piccola smart city”.

In effetti a pieno carico la nave può ospitare 5119 passeggeri che “tramite app possono anche prenotare il ristorante, il teatro o conoscere le attività in corso o quelle programmate e creare una propria agenda – spiega Luca Pronzati. Tutto ciò può essere fatto anche tramite 133 schermi interattivi perché “MSC For Me” è un sistema cross canale”. Questo nuovo approccio alla crociera ha reso necessaria la creazione del team multimediale di 4 o 5 persone che risiede a bordo della nave per monitorare e garantire l'andamento dei servizi ma “per noi questo è solo l'inizio di una serie di novità – spiega Pronzati – perché anche su una nave è possibile fare marketing di prossimità personalizzando le informazioni che diamo agli utenti in base alla loro posizione, alle preferenze o le attività che noi possiamo analizzare. Uno dei nuovi servizi che lanceremo nelle prossime settimane, e di cui andiamo particolarmente orgogliosi, – dice Pronzati – è quello dedicato alla posizione dei bambini: con un braccialetto con chip attivo possiamo sapere dove sono i bambini a bordo in tempo reale e forniremo questa informazione sullo smartphone dei genitori per la loro tranquillità. Un altro sistema tecnologicamente avanzato e realizzato anche in questo caso con HPE è operativo da giugno sulla nuova MSC Meraviglia e tramite un mix di telecamere e sensori consente di avvisare l'equipaggio se una persone finisce in mare durante la navigazione. Sia di giorno che di notte. “in questo caso si tratta veramente di una prima mondiale nel mondo della crociere” afferma Pronzati.

© Riproduzione riservata