Tecnologia

Crowdfunding: Oval Money in 72 ore raccoglie 500mila sterlina

Startup

Crowdfunding: Oval Money in 72 ore raccoglie 500mila sterlina

Oval Money, startup italo-inglese che lo scorso aprile ha lanciato un’app per accumulare risparmi in modo automatico, ha superato in 72 ore l’obiettivo di 500mila sterline sulla piattaforma di crowdfunding Crowdcube. Un risultato che arriva dopo quello del 2016 quanto la startup aveva chiuso un finanziamento da 1,2 milioni di euro con il Gruppo Intesa SanPaolo, il corporate venture capital b-ventures e Gruppo Bertoldi. «Continueremo con la raccolta per altri 7 giorni ma siamo davvero soddisfatti del risultato visto che l’investimento più grande è stato pari a 44mila e 200 sterline e a siamo quasi a 650mila sterline totali» spiega Claudio Bedino, coo e co-fondatore della startup insieme all’ex general manager di Uber Italia Benedetta Arese Lucini, al cto Simone Marzola e al cdo Edoardo Benedetto. Ad aver contribuito al finanziamento di Oval Money su Crowdcube, sono stati oltre 760 investitori, per la maggior parte italiani (43%) e inglesi (54%). La cifra raccolta tramite il crowdfunding - a cui si unirà a breve il contributo di un investitore istituzionale, così da raggiungere il milione di euro - servirà alla startup per integrare un nuovo servizio.

«Obiettivo della raccolta – spiega il coo - è quello di lanciare, tra aprile e maggio, un marketplace di investimento che darà la possibilità a coloro che già usano la nostra app per risparmiare, di investire quanto messo da parte». Ai propri utenti Oval Money metterà, infatti, a disposizione una serie di prodotti emessi da società già esistenti sul mercato (con cui la startup ha stretto circa 15 accordi di partnership) che offriranno investimenti in diversi settori dal peer-to-peer lending, passando per il crowdfunding, fino ai fondi pensione e ai conti deposito. «Noi non agiamo come un advisor. Il nostro compito è quello di rendere l’operazione di investimento quanto più trasparente possibile e tracciabile. Gli utenti infatti avranno sempre accesso ai dati sull’andamento del proprio investimento e potranno diversificare i propri capitali così da mitigare il rischio».

Grazie a questa novità, Oval Money - che è stata attualmente scaricata da circa 50mila utenti (60% dei quali basati in Italia e il 40% in Uk) - conta così di aumentare il proprio pubblico e di veder crescere anche la massa gestita. «Attualmente i nostri utenti mettono da parte tra i 130 e 140 euro. Pensiamo però che si possa arrivare a 200. In questo modo riusciremo anche a negoziare condizioni migliori con i partner, come avviene con i gruppi di acquisto». L’intento è quello di mantenere il servizio gratuito per tutti gli utenti e di guadagnare solo dalle fees raccolte attraverso la sottoscrizione di accordi con le piattaforme di investimento che, secondo le previsioni di Bedino, «consentiranno a Oval Money di iniziare a guadagnare e di raggiungerà così il break even tra circa 18 mesi». Un traguardo per il quale però la startup ha già previsto un nuovo round di investimento europeo che il coo definisce “importante” e che si svolgerà a fine 2018.

© Riproduzione riservata