Tecnologia

Il successo della Switch spinge i conti di Nintendo. Ritorna la guerra…

  • Abbonati
  • Accedi
videogiochi

Il successo della Switch spinge i conti di Nintendo. Ritorna la guerra delle console

  • –di

Un numero per capire cosa è successo. In meno di un anno la Nintendo Switch ha superato in termini di vendite la precedente console Nintendo Wii U. Nell’ultima trimestrale pubblicata nella notte la Casa di Kyoto ha annunciato di aver venduto 7,2 milioni di Switch. Dal lancio a marzo sono in totale 14 milioni, uno in più della Wii U che è stata sul mercato dal 2012 al 2017. Un successo che rilancia il produttore di videogiochi giapponesi che ora può puntare Playstation il leader incontrastato del mercato console con 73 milioni di macchine da gioco vendute a quattro anni dal debutto. Sorridono quindi i giapponesi che tornano a essere i padroni incontrasti del videogioco domestico. Ma sorridono più di tutti gli investitori della Nintendo Il colosso giapponese ha chiuso il trimestre da ottobre a dicembre con un utile operativo di 860 milioni di euro (116,5 miliardi di
yen) su ricavi per 3,56 miliardi di euro (483 miliardi di yen), in netta crescita rispettivamente dai 32 e 174 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. I risultati, ampiamente superiori alle stime degli analisti, hanno spinto il Gruppo ad alzare da 14 a 15 milioni di unità le stime di vendita di Switch per l'anno fiscale che si chiude a marzo, con un utile operativo atteso ai livelli record di 160 miliardi di yen.

All’orizzonte quindi si profila una nuova guerra delle console che promette di rendere più vivace questa industria, da troppo tempo appannaggio del dominio di Playstation sia in termini di hardware che di sofrware. E ancora una volta la partita come dimostra Nintendo Labo sarà tra la creatività e la potenza, tra le idee fuori dagli schemi e la qualità del videogioco. Della partita c’è anche Microsoft che con la sua nuova macchina la Xbox One X per ora si distingue per avere la console più potente del mercato. Non per le vendite.

© Riproduzione riservata