Tecnologia

Svelato il Samsung Galaxy S9: fotocamera intelligente e super moviolone

  • Abbonati
  • Accedi
Mobile World Congress

Svelato il Samsung Galaxy S9: fotocamera intelligente e super moviolone

Mettiamola così: una fotocamera così il mercato degli smartphone non l'ha mai vista. Come da attese, il nuovo primo della classe del produttore coreano reinventa la fotocamera puntando tutto su nuove forme di comunicazione visuale. Provato in anteprima a Londra pochi giorni prima del lancio di oggi al Mobile World Congress di Barcellona, il Samsung Galaxy S9 riparte dal successo dell'S8, a tutti gli effetti il più elegante smartphone del 2017. Nessuna rivoluzione sul fronte del design, quindi, ma una progettazione intelligente della fotocamera studiata per scattare foto in scarse condizioni di luce ed elaborare video e foto sfruttando meglio e di più le immagini.

Tecnicamente abbiamo un sensore da 12 Mpixel con diaframma regolabile. capace di variare l'apertura focale da f/1.5 e f/2.4. Parte del processore, spiegano gli uomini di Samsung nel corso delle demo di presentazione, è utilizzata per la gestione dell'immagine, il che permette una maggiore luminosità (30% in più rispetto all'S8) e la possibilità di “divorare” ed elaborare più frame al secondo. Messo frettolosamente vicino a un iPhone X la differenza di luminosità si vede a occhio nudo. Ma occorrerà averlo più a lungo tra le mani per esprimere un giudizio più completo. Non c'è sicuramente gara invece per l'effetto Super Slow-Mo (già introdotto da Sony nei suoi smartphone). Si tratta di un “super moviolone” che corre a 960 Fps con risoluzione Hd. Lo standard delle applicazioni da smartphone di questo tipo si ferma 240. L'effetto, in effetti, è impressionante come la possibilità di realizzare rewind (il palloncino che esplode al rallentatore e torna velocemente allo stato iniziale) e di inviare immagini animate. Tutto molto bello ma è chiaramente una applicazione che racconta bene le potenzialità della fotocamera. Potenzialità ancora tutte inesplorate e che potrebbero aggiungere tasselli al nuovo linguaggio visuale che passa sempre di più dai dispositivi mobili.

Lanteprima del Samsung Galaxy S9

More of the same? Chiuso il capitolo fotocamera, il resto è in linea con la tradizione del gigante coreano: innovazione incrementale spinta. Nessuna rivoluzione, questa volta. L'hardware come il design non sono stati ritoccati più di tanto. Il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali è stato collocato nella posizione giusta e promette di essere più performante. Come anche dovrebbe essere migliorato il riconoscimento dell'iride e quello del volto (anche al buio). Nessuna novità sul tasto molto criticato che attiva l'intelligenza di Bixby. L'assistente virtuale che ancora non sa parlare l'italiano è stato il punto debole dell'S8. Con il nuovo dispositivo si apprezza qualche passo in avanti sul fronte appunto della comunicazione visuale. Il machine learning coreano traduce la lista dei menù in tempo reale (e quindi quello che vede scritto), riconosce le qualità degli alimenti (ma solo di alcuni servizi commerciali) e capisce dove ci troviamo, semplicemente inquadrando un luogo.

Sulla scia di iPhone X arrivano anche le emoji ma in versione coreana. I software di riconoscimento del volto producono degli avatar che potranno essere trasformati in Gif animati o in vero e propri mini-video. La trovata già lanciata su iPhone non ha scaldato il pubblico degli appassionati della Mela. Difficile immaginare un effetto diverso per i fan del Galaxy. Rispetto a quelli di Cupertino sono più anni Novanta. E giocano sulle espressioni del volto.

S8 o S8 Plus? Questa volta la scelta è meno scontata. : Il display del Galaxy S9 è da 5,8 pollici. Quello del Galaxy S9 Plus da 6,2 pollici. Entrambi i telefoni presentano gli stessi display Super AMOLED a 2960 x 1440 nello stesso rapporto di aspetto 18,5: 9 e continueranno a essere classificati come IP68 per resistenza all'acqua e alla polvere. Come l'anno scorso, l'S9 ha una batteria non rimovibile da 3.000 mAh, mentre l'S9 Plus di poco più grande da 3.500 mAh. Il primo costerà cento euro in meno del secondo, 899 euro contro i 999 euro. Flashback: l'anno scorso il Galaxy S8 costavo 829 e il Plus invece 928. I prezzi salgono quindi.

Il rallentamento del mercato smarphone. Quanto venderà? Visto il rallentamento delle vendite registrato pochi giorni fa da Gartner, è lecito domandarsi se questi super-smartphone siano ancora al centro dei desideri del consumatore. Samsung da par suo sembra volere puntare forte sui pre-ordini. A partire da oggi sarà possibile ordinare il nuovo Galaxy fino al 15 marzo (il 16 è il giorno del debutto). Sarà possibile richiedere un rimborso fino a 450 euro sul vecchio smartphone (quindi anche di marche diverse da Samsung). Inoltre, col pre-ordine si riceverà lo smartphone una settimana prima del lancio. Il modello insomma sembra simile a quello del mercato automobilistico. Si dà dentro il vecchio per il nuovo.

Apple vs Samsung. Sono lontani i tempi dei tribunali e delle battaglie su chi-ha-copiato-cosa-prima. Con la famiglia Galaxy, Samsung ha trovato un design finalmente elegante e prezioso ma lontano dalle logiche da produttore di lusso della Apple. I margini degli iPhone sono irraggiungibili. Come ha dimostrato l'ultima trimestrale, i prodotti di Cupertino regalano magia e gioia pura soprattutto a chi ha investito nel titolo. Non a caso sopra i mille euro ci sono ormai solo loro. Sotto, la sfida è limitata al resto del mondo con Huawei e Samsung a giocarsi la partita più avvincente sul vastissimo e articolato mondo android.

© Riproduzione riservata