Tecnologia

Il mondo a piccoli pezzi, visibile in time lapse anche grazie…

  • Abbonati
  • Accedi
in arrivo una costellazione di 60 mini satelliti

Il mondo a piccoli pezzi, visibile in time lapse anche grazie all’Italia

Il mondo intero, a piccoli pezzi, continuamente visibile in time lapse. È quanto promette l'accordo siglato oggi a Washington fra la Space Alliance, costituita da Thales Alenia Space e Telespazio, e la statunitense Spaceflight Industries, nella cornice del salone per lo spazio “Satellite”. Accordo che prevede l'acquisizione di una partecipazione di minoranza da parte di Space Alliance. Insieme produrranno una costellazione di ben 60 mini satelliti, e svilupperanno servizi innovativi comuni agli utenti a terra.

A costellazione e sistema completati e funzionanti, dal 2020 in avanti avremo la possibilità di avere l'immagine di una determinata area di globo terrestre con una frequenza di rivisitazione incredibile, fino a una immagine ogni 25 minuti, e con una risoluzione elevata, di 1 metro. Parametri sempre più richiesti dagli utenti, specie la risoluzione, che pongono questo progetto all'avanguardia nel mercato globale dei servizi e delle applicazioni spaziali, che cresce notevolmente, siamo all’ 8-10% annuo.

Interessante il modo previsto di produzione e messa in opera dei mini satelliti, del peso di soli 50-75 chilogrammi al lancio: i primi 4 saranno lanciati entro i prossimi 12 mesi, poi, grazie all'accordo siglato oggi e relativa iniezione di denaro fresco, entro il 2020 si avrà produzione e lancio di altri 20 satelliti. A quel punto il servizio completo di presa immagini e distribuzione dati potrà partire e i proventi finanzieranno le successive immissioni di altri set di satelliti fino ad arrivare al numero massimo previsto, 60.

Thales Alenia Space e Spaceflights Industries hanno messo in cantiere anche LeoStella LLC, una nuova joint adventure paritetica per produrre mini satelliti, come i prossimi 20 della costellazione, ma anche micro, coprendo bene il mercato americano con ottimo tempismo.

Anche Telespazio entra bene nel business, grazie all'accordo con BlackSky, società di Spaceflight Industries dedicata all'intelligence dallo spazio. I due potranno scambiarsi dati e servizi, sempre più richiesti dal mercato, compresi quelli della costellazione radar italiana CosmoSkyMed.

Lancio di due nanosat dalla Stazione spaziale Internazionale

Con questo l'italiana Leonardo, 33% di partecipazione in Thales Alenia Space e 67% in Telespazio, consolida bene la propria posizione nella Space Economy, che è in piena evoluzione. Copre tutte le fasi infatti, dal lancio di satelliti, di ogni dimensione a questo punto, fino alla sempre più ricca sezione dell'analisi e gestione dei Big Data dallo spazio e da terra, grazie anche all'elaborazione massiva e automatizzata di dati e immagini. I dati infatti debbono divenire oggi prodotti immediatamente utilizzabili per gli utenti tradizionali legati al geo informazione, ma anche a nuovi ambienti come quello minerario, dell'energia, trasporti, finanza, agricoltura. Il diavolo sta nei dettagli, e questo è vecchia storia, quella nuova è che ora con questi, dallo spazio, ci si fa un ottimo business,

© Riproduzione riservata