Tecnologia

Kratos, le divinità norrene e la paternità. Ecco God of War 4

  • Abbonati
  • Accedi
Games

Kratos, le divinità norrene e la paternità. Ecco God of War 4

Kratos ha dei problemi di rabbia. Lo sappiamo. Nel quarto capitolo di God of War che uscirà in esclusiva per Playstation 4 il 20 aprile lo ritroviamo più invecchiato, con la barba e con un figlio. GoW 4 fin dalle prime scene iniziali si dimostra un titolo di rottura, una evoluzione vera, ricca e di sostanza. Ritroviamo il macellaio di divinità greche insieme a suo figlio Atreus in una casa di legno sulle montagne innevate mentre dà il suo estremo saluto alla sua compagna. Kratos porta i segni delle sue feroci vittorie contro Zeus e la sua corte di odiose divinità. È diverso, dolente, greve e stanco. Ma non è più solo. Atreus è il suo specchio deformato. I due inizieranno un viaggio di conoscenza reciproca, di passaggio dell'esperienza, dove l'essere guerriero diventa il pretesto per comprendere cosa vuol dire essere un padre. Dopo una trilogia estrema nella rappresentazione della violenza, i Santa Monica Studio sembrano volere uscire dall'età dell'adolescenza-ludica. Gli eroi guerrieri di questo capitolo riservano sorprese. Gli dei norreni sono gelidi come le terre di Midgar. La direzione artistica ci regala un viaggio tra rocce innevate, fiordi brillanti, strapiombi e panorami mozzafiato che difficilmente dimenticheremo.

Cosa non ci è piaciuto. Interessante l'impianto di ruolo che offre una nuova prospettiva a questo adventure.. Cambia anche il sistema di combattimento con la telecamera alle spalle di Kratos che ci costringerà, rispetto ai capitoli precedenti, ad avere un quadro della battaglia sempre parziale. E' un po' macchinoso all'inizio.

Il trailer

Cosa ci è piaciuto. Kratos è sempre Kratos anche nei panni di papà. Di amorevole e accudente c'è poco. I cultori della violenza cieca del guerriero sorrideranno nel ritrovarlo in questo nuovo ruolo ma resteranno appagati dalla furia di questo titolo che rappresenta a tutti gli effetti un nuovo inizio. E sicuramente il migliore titolo della serie.

© Riproduzione riservata