Tecnologia

L’e-commerce B2B Mister Worker chiude round da 500mila euro con Ame…

  • Abbonati
  • Accedi
Startup

L’e-commerce B2B Mister Worker chiude round da 500mila euro con Ame Ventures

Nasce come marketplace digitale per operare da piazza virtuale per la compravendita di utensili professionali e attrezzi da lavoro per aziende e professionisti. Nel suo “score” c'è un riconoscimento ricevuto in occasione dei Netcomm e-commerce Awards edizione 2016 e il credito conquistato sul mercato da un software, sviluppato internamente, che ha saputo conquistare la fiducia di aziende come Ducati, Eni, Saipem, Birkenstock e Siemens.
L'avventura di Mister Worker, startup milanese fondata (nel 2013) e guidata (in veste di Ceo) da Gianluca Borsotti, 53 anni e un passato come dirigente alla Disney, Vodafone e Kraft, è arrivata a un momento di svolta. La società ha infatti appena chiuso un round di finanziamento da 500mila euro con Ame Ventures, lo stesso venture capital che ha scommesso in realtà come eDreams, Yoox e Volagratis. Si tratta, come spiegano i portavoce di Mister Worker, del primo finanziamento ottenuto dall'azienda dalla sua nascita (una parte del capitale ricevuto è stata convertita in quote, una parte come linea di credito) e servirà a consolidare il piano di sviluppo a livello internazionale, a partire dal rafforzamento della sede di Bangkok, in Thailandia, e il potenziamento della rete commerciale in Italia e nelle principali economie manifatturiere mondiali.
Sulla piattaforma sono disponibili oggi circa 25mila prodotti e uno dei vantaggi per gli operatori è quello di poter sfruttare l'integrazione della stessa con il Mepa (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione) per poter chiudere contratti con tutti gli enti della PA italiana, dalla singola scuola di provincia al Ministero della Difesa. L'altro vantaggio è relativo alle tempistiche di consegna, garantite tanto per il singolo pacchetto quanto per un intero bancale di merce, in 24/48 ore, in tutto il mondo. Al momento, come ha confermato Borsotti, “le vendite internazionali rappresentano oltre il 50% dei ricavi e il nostro obiettivo è quello di centrare il raddoppio del fatturato entro il 2018”. L'idea, insomma, è quella di ritagliarsi uno spazio significativo in un mercato, quello dell'e-commerce business-to-business, che secondo una recente indagine di Frost & Sullivan dovrebbe raggiungere nel giro dei prossimi cinque anni 6,7 trilioni di dollari, superando il giro d'affari delle vendite online business-to-consumer, che si fermerà a 3,2 trilioni di dollari.

© Riproduzione riservata