Tecnologia

La startup dei mestieri Salty chiude un nuovo crowdfunding da 110mila euro e…

  • Abbonati
  • Accedi
Games

La startup dei mestieri Salty chiude un nuovo crowdfunding da 110mila euro e punta su Milano

L'idea di realizzare una piattaforma per mettere in contatto, tramite app o sistema di messaggistica proprietario, consumatori e professionisti di vari mestieri, dall'idraulico alla baby sitter passando per fotografi o estetiste, non sarà magari originale ma se ben ingegnerizzata e ben gestita può diventare un'idea di successo. E una startup. Salty è nata così, per intuizione di tre giovani under 30 di Latina trapiantati a Milano per ragioni di studio: Roberto Fratini, il fratello minore Gianmarco e l'amico Diego Capponi. Nel curriculum della società spiccano la vittoria alla prima edizione dei Myllennium Awards (nel 2015) come miglior startup (ricevendo nell'occasione un finanziamento di 45mila euro) e il premio ottenuto nel febbraio 2016 come startup dal grande potenziale nell'ambito del concorso FbStart di Facebok, dove ha guadagnato 30mila dollari in servizi.
Oggi Salty si dice pronta al salto di qualità dopo aver avviato il progetto “pilota” su Roma (il modello di business prevede un abbonamento trimestrale a carico del professionista che si propone sulla piattaforma), ottenuto un'ottima risposta dal pubblico e lanciato la sperimentazione del servizio su Milano. Per coprire i nuovi investimenti necessari per migliorare le funzionalità della piattaforma (dalla possibilità di creare promozioni personalizzate sui clienti da parte dei professionisti iscritti alla nuova chat in real-time) verranno utilizzati una parte dei fondi raccolti attraverso la campagna di crowdfunding che in meno di due mesi ha raccolto oltre 110mila euro da più di 70 investitori.

© Riproduzione riservata