Tecnologia

Ecco Rog di Asus con il suo primo gaming-smartphone

  • Abbonati
  • Accedi
Prodotti

Ecco Rog di Asus con il suo primo gaming-smartphone

Da Taipei - Taiwan - Dopo Nubia (Zte), Razr, Blackshark (Xiaomi) e Motorola, arriva anche Rog (Republic of Gamers) di Asus con il suo primo gaming-smartphone: Rog Phone, cellulare potente e tecnicamente innovativo che vuole andare a far cassa sull'opportunità di mercato che si presenta in questo momento nel gaming.
È l'inizio dell'era del gioco mobile? Secondo Asus forse sì, almeno sui dati che vedono la crescita del settore del gaming in mobilità: se il mercato delle console vale 33,5 miliardi di dollari e quello su Pc 29,5 miliardi (con una crescita del 2.,5-3,5 anno su anno), invece quello su disposivo mobile vale più di 46 miliardi dollari, in crescita di quasi il 20% anno su anno. Insomma, la tentazione di entrare nel mercato dove ora dominano iPhone/iPad da un lato e Nintendo Switch dall'altro è irresistibile.
Inoltre, c'è da tenere conto anche dell'esplosione del fenomeno degli eSports e di giochi come Fortnite e PlayerUnknown Battlegrounds, tendenze che spingono al gioco collaborativo e in mobilità.
Tutto questo per Republic of Gamers si traduce in “Rog Phone”, uno smartphone Android che non deve avere compromessi per potenza e capacità di gaming, essere flessibile, ergonomico e avere il software giusto. I primi titoli ottimizzati per la piattaforma ovviamente già ci sono (a partire da Fortnite e PUBG, ma anche Asphalt e altri) ma è la dotazione hardware a mostrare che l'azienda taiwanese fa sul serio.
Rog Phone è il primo telefono con processore Snapdragon 845 di Qualcomm ottimizzato per far viaggiare a 2,96 GHz i suoi otto core, grazie a una selezione estremamente accurata (e costosa) di chip con il numero minimo di difetti che permette questo inedito overclock, più la GPU di Qualcomm Adreo 630. La potenza richiede però energia e soprattutto raffreddamento anche per un dispositivo così piccolo: «Abbiamo performance epiche, siamo i più veloci di tutti, compreso Samsung S9 e iPhone X», dice a Nova24 Chih-Hao Kung, che ha presentato il prodotto il giorno prima dell'apertura del Computex di Taipei – perché abbiamo ottimizzato tutto per la massima resa di gioco con il lag minimo, massima velocità e overboost».
Le performance sono possibili anche grazie al sistema con camera di raffreddamento 3D Vapor Chamber, con sistema ulteriore di raffreddamento opzionale, e con ottimizzazioni del software. Il display Amoled ha un refresh di 90 Hz e una latenza di 1 millisecondo, contrasto con rapporto di 10mila a uno e gamma dei colori Hdr del 108% dello standard P3.
La generosa batteria da 4mila milliampere ora si ricarica con Usb-C e permette di avere tempi rapidi sia con la QuickCharge di Qualcomm che con la power delivery di Usb-C (usata da Apple nei suoi caricabatterie Usb-C) e in 33 minuti rimette il 60% dell'energia, garantendo 11,5 ore di video via Wifi, 40 ore di musica livestream e 7 ore di gioco con WiFi. La connessione senza fili ha lo standard 802.11ad che supporta il remote display, mentre la memoria (8 giga di ram mentre la memoria interna arriva fino a 512 giga) è estremamente veloce. Le prese fisiche per ricaricare per la connessione Usb-C sono raddoppiate: sia sul lato che sotto il display sul lato lungo, perché quasi sempre si gioca in modalità orizzontale.
Rog ha presentato anche una serie di accessori, dock ed espansioni (secondo display, raffreddamento a ventola, duplicazione di schermo) per ottenere un set completo che andrà sul mercato tra fine agosto e i primi di settembre per un prezzo che deve ancora essere annunciato. Insieme alle altre scelte tecnologiche, ci sono gli aspetti di ergonomia per il gioco, incluso i due pulsanti virtuali sui bordi in alto (GameTrigger) basati sugli ultrasuoni, che permettono di avere una esperienza di gioco sempre più simile a quella di una console da passeggio.
Sappiamo da anni che il confine tra questi due mondi, console e smartphone, si è assottigliato se non è già scomparso del tutto. Ma sappiamo anche che Apple, che domina il settore per redditivà con il suo store, non ha finora mai voluto compromettere design ed ergonomia degli iPhone e iPad per trasformarli in piccole, vere console da gioco. Asus gioca la carta del telefonino dedicato, e spera di ripetere quel successo che Republic of Gamers è riuscita a raccogliere nel settore del gaming e accessori per Pc sia fissi che portatili. Una nicchia che secondo l'azienda potrebbe valere centinaia di milioni di dollari.
Per il presidente di Asus, Jonney Shih, infatti, «questa è una esperienza premium pensata per un pubblico esigente che vuole prendere sul serio il gaming in mobilità». Tra non molto potremo vederlo.
Antonio Dini

© Riproduzione riservata