Tecnologia

Ecco macOS Mojave, così Apple cambierà i Mac

  • Abbonati
  • Accedi
wwdc 2018

Ecco macOS Mojave, così Apple cambierà i Mac

(Reuters)
(Reuters)

SAN JOSE (CALIFORNIA) – Sul finire del keynote principale del WWDC, sui maxi schermi del McEnery Convention Center è comparso un enorme “NO”. Era la risposta a chi si chiedeva se Apple annunciasse anche qualche nuovo device. Niente hardware, alla conferenza degli sviluppatori. Ma tanto software. E oltre ai nuovi sistemi operativi per device mobili tanto spazio è stato dedicato al nuovo macOS. Si chiamerà Mojave e porta con sé un importante pacchetto di novità. Vediamo quelle più interessanti.

Dark Mode
Molto apprezzata dalla platea californiana la novità del Dark Mode. Gli utenti di macOS Mojave potranno abilitare Dark Mode per trasformare la Scrivania con uno schema colori più scuro, che mette in risalto i loro contenuti mentre i controlli restano in background. Possono inoltre passare da una Scrivania chiara a una scura, e le app integrate come Mail, Messaggi, Mappe, Calendario e Foto includono tutte design pensati per la nuova Dark Mode. macOS Mojave presenta una nuova Dynamic Desktop che varia in automatico l'immagine della Scrivania in base all'ora del giorno. E gli sviluppatori potranno usare l'apposita API per implementare Dark Mode nelle loro app.

Scrivania sempre ordinata
Altra novità saliente, la funzione Stacks può organizzare persino le Scrivanie più disordinate impilando automaticamente i file in gruppi ben ordinati basati sul tipo di documento. Gli utenti possono personalizzare le Stacks in base ad altri attributi dei file, per esempio la data o i tag. Anche il Finder è stato significativamente aggiornato in macOS Mojave con una nuova Gallery View che consente agli utenti di scorrere visivamente i file. Arrivano nuove azioni rapide che consentono agli utenti di creare e proteggere tramite password un PDF oppure eseguire azioni Automator personalizzate sui file direttamente dal Finder. Visualizzazione rapida mostra rapidamente un'anteprima full-size dei documenti, così gli utenti potranno ruotare e ritagliare le immagini, annotare PDF e tagliare clip audio e video senza dover aprire l'app corrispondente.

News, Borsa, Memo vocali e Casa anche su Mac
Con il nuovo macOS Mojave, le app più utili (come News, Borsa, Memo vocali e Casa), saranno disponibili per la prima volta anche su Mac. Con Casa, gli utenti Mac potranno controllare gli accessori HomeKit per gestire varie funzioni come accendere e spegnere le luci o regolare le impostazioni del termostato direttamente dal computer.

Chiamate FaceTime di gruppo
Anche su Mac arrivano le chiamate FaceTime di gruppo. Si possono inoltre aggiungere partecipanti in qualsiasi momento, se la conversazione è ancora attiva, e ci si può unire alla chat usando l'audio o il video da un iPhone, iPad o Mac. E persino partecipare usando l'audio FaceTime dall'Apple Watch.

Sicurezza e privacy
Come per tutti gli aggiornamenti software Apple, sicurezza e privacy rappresentano priorità assolute anche in macOS Mojave. In Safari, l'evoluta funzione Intelligent Tracking Prevention aiuta a impedire ai pulsanti “Mi piace” o “Condividi” dei social media e ai widget di commento di tracciare gli utenti senza la loro autorizzazione. Coi nuovi livelli di protezione dei dati sarà richiesto alle app di ottenere l'autorizzazione dell'utente prima di usare la videocamera e il microfono del Mac o di accedere a dati personali come la cronologia di Mail e il database dei messaggi.

Altre novità
Le novità con macOS Mojave, ovviamente, non finiscono qui. Gli screenshot offriranno nuovi controlli on-screen per accedere facilmente a tutte le opzioni e nuove capacità di registrazione video. Un workflow semplificato consentirà di condividere gli screenshot senza creare disordine sulla Scrivania. Con Continuity Camera sarà possibile scattare una foto o acquisire un documento nelle vicinanze con iPhone o iPad e visualizzarlo all'istante sul Mac.
Mojave sarà disponibile in autunno come aggiornamento software gratuito per i Mac introdotti a metà 2012 o successivamente, oltre che per i modelli di Mac Pro del 2010 e del 2012 con schede grafiche compatibili con Metal raccomandate.

© Riproduzione riservata