Tecnologia

Al via l’Open Innovation summit di Digital Magics, ecco chi ci…

  • Abbonati
  • Accedi
Evento

Al via l’Open Innovation summit di Digital Magics, ecco chi ci sarà

  • –di

L'appuntamento in collaborazione con il Sole 24 Ore è fissato per il 6 e 7 luglio al Parc Hotel Billia Resort & Casinò di Saint-Vincent, location d'eccezione che ospiterà la terza edizione dell'Open Innovation Summit, evento organizzato dall'incubatore Digital Magics per mettere a confronto aziende, talenti, neoimprenditori, incubatori e tutti i soggetti dell'ecosistema dell'innovazione italiano partendo dalle sienergie già sviluppate all'interno di Gioin (Gasperini Italian Open Innovation Network), la rete per le imprese nata da un'idea di Enrico Gasperini, fondatore di Digital Magics e scomparso prematuramente a novembre 2015.

Fra i temi toccati dalla due giorni di incontri, oltre al modello dell'innovazione aperta a supporto dei processi e dello sviluppo dei prodotti e dei servizi aziendali pilotata dalle tecnologie delle startup e al paradigma della trasformazione digitale, ampio spazio sarà dato a Industria e impresa 4.0, competenze, intelligenza artificiale, foodtech e Gdpr, il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati personali.

Ad introdurre i lavori saranno Marco Gay e Layla Pavone, rispettivamente amministratore delegato e Chief innovation marketing e communication officer di Digital Magics e il primo argomento in agenda è la situazione dell'ecosistema dell'innovazione a dieci anni dalla prima pubblicazione sulla stampa del termine startup. A questo open talk parteciperanno Alberto Fioravanti, fondatore e Cto di Digital Magics, Marco Valenti, Co-Founder e Ceo di Moving Up, Tony Gherardelli, Head of Innovation Promotion di Intesa Sanpaolo Innovation Center, Davide Dattoli, Founder e Ceo di Talent Garden e Carlo Garuccio, Head of Strategy di Sisal. Gli altri tre keynote di giornata saranno invece dedicati agli impatti del Gdpr sull'innovazione digitale” (con Alessio Uva, Senior Manager Risk Advisory di Deloitte), alle dinamiche delle piccole e medie imprese e delle competenze 4.0 (con Carlo Robiglio, Presidente Nazionale Piccola Industria di Confindustria) e all'Industria 4.0 fra università e innovazione aperta 2.0, sessione che vedrà l'intervento del professor Piero Formica, Senior Research Fellow alla Maynooth University e vincitore dell'Innovation Luminary Award 2017 assegnato dalla Commissione Europea.

“Da industria 4.0 a impresa 4.0: l'impatto del piano del Mise e dell'open innovation su aziende e startup” è invece l'altro talk previsto nella giornata di venerdi, a lquale parteciperanno fra gli altri Agostino Santoni, Amministratore Delegato Cisco Italia, Ernesto Ferrario, Senior Vice President Global Operations di Electrolux, Gabriele Ronco, Direttore Generale Intesa Sanpaolo Forvalue, Claudio Berretti, Direttore Generale Tamburi Investment Partners, ed Elisa Gretter, Digital Innovation Portfolio Manager di Moleskine.

Il tema delle competenze 4.0 sarà uno dei due leit motiv della seconda giornata del Summit, che si aprirà con diversi contributi di diversi attori del mondo delle start fra i quali Pierantonio Macola, Presidente di Smau, Stefano Mainetti, Ceo di PoliHub Startup District & Incubator, Barbara Covili, General Manager di mytaxi, Enrico Ariotti, co-founder e Ceo di nCore e Nicola Comelli, co-founder di Eggup. La valenza dell'intelligenza artificiale come base portante per la creazione di nuove imprese tecnologiche chiamerà invece a dibattito un panel eterogeneo che comprende fra gli altri Enrico Cereda, Presidente e Amministratore Delegato di Ibm Italia, Lorenzo Maternini, Senior Vice President Corporate Relations di Talent Garden, Luisella Giani, Business Innovation Director di Oracle Emea e Uljan Sharka, founder e Ceo di iGenius, startup impegnata sulle soluzioni di business intelligence di nuova generazione. In chiusura di evento, infine, si parlerà di foodtech e delle tecnologie al servizio della filiera del cibo con gli interventi, fra i tanti, di Marco Perrone, Senior Manager Innovation di Deloitte, Daniele Bruttini, co-founder e Managing Director di Quomi, e Bruno Garavelli, founder e Ceo Xnext.

© Riproduzione riservata