Tecnologia

Ecco Android 9: si chiama Pie, è più intelligente e ti dice…

  • Abbonati
  • Accedi
IL NUOVO SISTEMA OPERATIVO

Ecco Android 9: si chiama Pie, è più intelligente e ti dice se usi troppo lo smartphone

Nei giorni più difficili della sua storia, con una multa miliardaria dell'Unione europea che pesa come una zavorra, Android 9 viene svelato ufficialmente da Google. Il nuovo robottino si chiama Android Pie (la lettera P era già nota, ma non il nome per intero), con l'azienda di Mountain View che dopo i Marshmallow per la versione 6, i Nougat per la 7 e gli Oreo per la 8, prosegue nella sua tradizione da golosi e sceglie Pie (che in inglese significa torta) per questa nona edizione. In un post pubblicato sul blog ufficiale dell'azienda californiana, vengono svelate quelle che sono le maggiori novità di questa versione. A partire da quella che sembra diventata la priorità dei sistemi operativi mobile: l'integrazione dell'Intelligenza Artificiale.

Più intelligenza a bordo
Con ad Android 9 Pie, Google prova il grande salto di rendere ogni smartphone capace di imparare dai comportamenti dell'utente. «Abbiamo progettato Android 9 – scrivono da Mountain View - in modo che impari da voi, e funzioni meglio per voi, man mano che lo usate. Dall'anticipare la vostra prossima attività così da non farvi trovare impreparati, al fornire più batteria alle app che utilizzate di più fino ad aiutarvi a disconnettervi dal telefono a fine giornata, Android 9 si adatta alla vostra vita e al vostro modo di usare il telefono».
Android 9, insomma, si pone l'obiettivo di rendere il telefono più intelligente, grazie a nuove funzionalità come la “Batteria adattiva”, che impara a riconoscere le app usate di più in modo da fornire loro la priorità per l'uso dell'energia. C'è inoltre la “Luminosità adattiva”, che regola automaticamente la luminosità dello schermo in base alle vostre preferenze e all'ambiente in cui vi trovate.

Azioni più rapide
Il nuovo robottino è stato pensato anche per fare le cose più velocemente con la funzione “Azioni delle app”, che anticipa quello che l'utente è in procinto di fare in base al contesto in cui si trova. «Se, per esempio, è martedì mattina e vi state preparando per andare al lavoro, riceverete tra i suggerimenti quello di usare Google Maps per dirigervi verso l'ufficio o riprendere ad ascoltare un audiolibro su Google Play Libri. E quando vi metterete le cuffie dopo il lavoro, potreste vedere tra i suggerimenti quello di chiamare vostra madre o far partire la vostra playlist preferita su Spotify» scrivono da Google. In autunno sarà rilasciata anche la funzionalità Porzioni, che mostra informazioni relative alle app preferite nel momento in cui servono. Se, ad esempio, si comincia a digitare “Lyft” nella barra di Ricerca Google, comparirà una “porzione” dell'app Lyft che mostra i prezzi per tornare a casa o l'orario stimato di arrivo di un'auto. «In questo modo potrete prendere decisioni più facilmente e velocemente», dicono da Mountain View.

Un utilizzo più smart
Uno dei problemi più ricorrenti, in fatto di utilizzo, è l'ampiezza dei nuovi smartphone. Con display sempre più grandi, il sogno dell'utilizzo con una sola mano sembra ormai tramontato. Ma con Android 9 Pie qualcosa cambia. «Rendere il vostro telefono più intelligente e adattivo è importante, ma vogliamo anche che Android sia semplice e accessibile. In Android 9 abbiamo introdotto un nuovo sistema di navigazione con un singolo pulsante Home». Grazie al pulsante unico in home, l'utente potrà scorrere verso l'alto e vedere una panoramica di nuova concezione e avere l'anteprima a schermo intero delle app utilizzate di recente. E basterà toccarne una per riaprirla. «Se passate in continuazione da un'app all'altra sul vostro Pixel, - scrivono da Google - ci sono buone notizie per voi: la Selezione intelligente del testo (che riconosce il significato del testo che selezionate e suggerisce azioni pertinenti) ora funziona dalla Panoramica delle app recenti, per rendere più facile svolgere l'operazione che avete in mente». Sono state introdotte novità che mirano alla semplificazione anche nelle impostazioni rapide, nella modalità di fare screenshot e modificarli, nei controlli di volume e nella gestione delle notifiche.

Tempo di disconnessione

Sul nuovo sistema operativo arriva anche l'attesa funzione che aiuta le persone che utilizzano lo smartphone troppo assiduamente, a staccare un po' la spina (strada scelta anche da Apple con il nuovo iOS 12 in arrivo). «Anche se molto del tempo che passiamo al cellulare è utile, - hanno scritto da Google - molti di noi vorrebbero disconnettersi più facilmente e avere più tempo per dedicarsi ad altro. Oltre il 70% delle persone con cui abbiamo parlato ha affermato di volere un aiuto per il proprio “benessere digitale”. Per questo ci siamo impegnati ad aggiungere in Android funzionalità importanti che aiutino le persone a raggiungere l'equilibrio tecnologico che stanno cercando». In sostanza, una nuova dashboard aiuterà gli utenti a capire quanto tempo passano sul dispositivo.

E saranno presenti: un timer per le app che permette di porre dei limiti di tempo all'utilizzo di un'app e ingrigisce l'icona nella schermata Home quando il tempo a disposizione è esaurito; la nuova modalità “Non disturbare” che silenzia tutte le interruzioni visive che compaiono sullo schermo e la modalità “Relax” che attiva “Luminosità notturna” e “Non disturbare” e applica sfumature di grigio sullo schermo prima di andare a dormire. Questo insieme di funzioni, chiamate “Benessere digitale” sarà rilasciato ufficialmente in autunno per Pixel, più avanti nel corso dell'anno per Android One e altri dispositivi.
Sicurezza e privacy integrate. Con Android 9 Pie, è stata migliorata anche la sicurezza. Il sistema operativo è stato progettato per abilitare le funzionalità di sicurezza delle principali soluzioni hardware sul mercato a proteggere i dati sul dispositivo. Android 9 porta anche significativi miglioramenti per la privacy, come TLS come impostazione predefinita e DNS su TLS per proteggere tutte le comunicazioni Web e mantenerle private.

Su quali smartphone arriva
Ma su quali smartphone arriva Android 9 Pie? Da oggi, tutti i telefoni Pixel riceveranno un aggiornamento over-the-air. E Google ha annunciato che sta lavorando a stretto contatto con i partner Essential, Huawei, HMD Global, OnePlus, Oppo, Razer, Samsung, Sony Mobile, Transsion, Vivo e Xiaomi per portare la release sui dispositivi nuovi ed esistenti entro la fine dell'autunno. Anche i dispositivi registrati nel programma Android Beta e tutti i dispositivi Android One qualificati riceveranno la versione finale in questo periodo.

© Riproduzione riservata