Viaggi24

Corsica, guida alle spiagge da sogno

  • Abbonati
  • Accedi
Grandi Viaggi

Corsica, guida alle spiagge da sogno

La spiaggia di Palombaggia (foto Robert Harding Picture Library Ltd / Alamy)
La spiaggia di Palombaggia (foto Robert Harding Picture Library Ltd / Alamy)

Dopo aver guidato per qualche centinaio di metri lungo una sterrata fatta di ripidi dossi, rocce che tagliano la strada e curve che rasentano un fitto guard rail di bassi cespugli di corbezzolo e lentisco, verrebbe voglia di fare inversione e tornare indietro. Ma, in fondo a quei dodici chilometri di tratturo sconnesso che si diramano dalla statale D81 che unisce Saint-Florent a Calvi nel nord della Corsica, si cela una delle pi belle spiagge di tutto il Mediterraneo: Saleccia. Una falce di sabbia candida lunga mille metri protetta da una cortina di vegetazione selvatica. Spettacolare e deserta.

GUARDA LA GALLERY

GUARDA LA MAPPA



Quando ci arrivarono all'inizio degli Anni 60 John Wayne, Sean Connery ed Henry Fonda per girare Il giorno pi lungo, film dedicato allo sbarco degli Alleati in Normandia, Saleccia era un piccolo paradiso sconosciuto: dune di sabbia color perla dove crescono i gigli di mare e i cespugli di mirto, acque turchesi cos trasparenti da lasciar intravedere il fondo anche a qualche metro di profondit. Mezzo secolo pi tardi quasi nulla cambiato: Saleccia rimasta lo stesso lido selvaggio di allora. Grazie anche all'arido e impervio Dsert des Agriates che le sta alle spalle e che l'ha salvata dalla speculazione edilizia degli Anni 70. Un promontorio di trentacinque chilometri quadrati che mangia il litorale da Saint-Florent all'Anse de Peraiola, fatto da una ridda di colline aspre, coperte da un'intricata macchia mediterranea, asciugate dalla furia potente del mistral, il vento di nordovest che colpisce spesso questa costa. Sulla battigia non ci sono attrezzature n punti di ristoro e, per chi vuole restare a dormire qui, c' soltanto uno spartano campeggio nella pineta a ridosso della spiaggia. Saleccia si pu raggiungere in auto, seguendo la deviazione della D81, oppure via mare, con imbarcazioni private o a bordo dei battelli che partono dalla spiaggia di Saint-Florent e raggiungono la piccola Plage du Lotu, un morso di finissima sabbia all'estremit orientale del promontorio: da qui un sentiero porta alla Saleccia in circa un'ora.

A differenza dello schivo e solitario Dsert des Agriates, il borgo marinaro di Saint-Florent una delle localit pi turistiche della Corsica. Qui si viene per ammirare la cittadella genovese del XV secolo, dove il bianco del calcare e il verde del serpentino disegnano le facciate di chiese e palazzi, e la cattedrale del Nebbio, bella basilica romanica dedicata a Maria Assunta eretta nel 1140. Ma soprattutto ci si ritrova al porto turistico, d'estate preso d'assalto dalle barche che esplorano le baie solitarie della costa nord, dove se ne stanno in fila bar, ristoranti e locali. Per l'aperitivo l'appuntamento in place Doria, proprio sotto la cittadella, al Bara Vin, enoteca che serve, oltre al classico pastis, calici di vino locale come il Patrimonio, da sorseggiare intorno alle botti trasformate in tavolini. Sempre in place Doria, La Vista un pianobar discoteca affollato fino alle ore piccole. A Saint-Florent e negli immediati dintorni possibile dormire in piccoli hotel di charme. Come Maison Rorqual, poche stanze che portano i nomi delle zone del Dsert des Agriates, arredate con oggetti d'artigianato corso, pezzi di design e qualche suggestione etnica. La pi originale Mandria, dove il pavimento del bagno in quercia antica e gli arredi sono realizzati in bois flott, il legno lavorato dal mare. Baccari invece un piccolo campionario dell'artigianato corso: decori in vetro soffiato di Feliceto, oggetti in sughero, pezzi d'arredo in calcare di Saint-Florent. Appena fuori dalla cittadina, a Cisterminu Suttanu, Demeure Loredana un boutique hotel ricavato da un antico palazzo, con una bella piscina e una piccola spa, mentre La Dimora, a Oletta, il frutto di un attento lavoro di restauro. Ricavato da una fattoria settecentesca, ha ancora le originali travi in legno e i muri di pietra viva.

Ha conservato intatta l'atmosfera di un tempo anche Castel Brando, piccolo albergo di Erbalunga, uno dei pi bei borghi di Cap Corse, il dito montuoso a nord della Corsica che comincia ad allungarsi appena a est di Saint-Florent. Indirizzo prediletto dell'attore francese Jean Reno, l'hotel ricavato da una maison d'amricains, uno di quei palazzetti a pi piani che, nell'Ottocento, gli emigranti corsi tornati dalle Americhe costruivano a testimonianza della fortuna trovata oltreoceano. Le camere, arredate con mobili d'epoca, hanno terrazze private e, tutt'intorno alla maison d'htes, si allarga un giardino secolare di palme e piante esotiche.

Castel Brando un buon punto di partenza per esplorare il Dito, una penisola stretta e lunga quaranta chilometri, punteggiata di piccole spiagge rocciose e antichi paesini. Come Centuri, una ragnatela di vicoli e vecchie case con il tetto di scisto verde (la pietra tipica di Cap Corse) celebre per la pesca all'aragosta, e Nonza, che sfoggia la spiaggia pi originale della Corsica: una grande distesa di sabbia nera, proprio ai piedi dell'abitato, che deve il suo colore ai residui di un'antica miniera di amianto. In fondo al Dito, sulla costa che guarda l'Italia, si apre il vecchio porto di Bastia, sempre affollato di pescherecci e barche da diporto. D'obbligo una visita al quartiere di Terra Nova, con la sua cittadella fortificata dove si trovano la cattedrale di Sainte-Marie e il Museo di Etnografia Corsa all'interno del Palais des Gouverneurs (place du Donjon, tel. 0033-495310912), e a quello di Terra Vecchia, il pi antico della citt. Qui, nella place du March, davanti al vecchio municipio, si tiene ogni giorno il mercato cittadino, perfetto per acquisti gourmand. Dopo un giro al mercato, lo shopping gastronomico continua in alcune piccole botteghe cittadine. Da Santa Catalina si trovano le tante variet di formaggio corso, dal tradizionale brocciu (la ricotta locale) al Calenzana, prodotto nella zona dell'altopiano di Niolo. Cap Corse Mattei, gastronomia storica, invece il regno di liquori e confetture: da non perdere i distillati di frutta, i liquori di castagne, di cedro e di mirto e la marmellata di fichi.

Se Bastia il paradiso dei gourmand, i prodotti dell'artigianato corso si trovano nella Balagne, la regione alle spalle di Calvi e dell'le-Rousse, lungo la Strada degli Artigiani. Questo itinerario attraversa vecchi borghi dove ancora funzionano gli atelier dei maestri dei mestieri, che lavorano i metalli, la terracotta, il legno e il vetro. Ogni paesino della Balagne ha il suo prodotto tradizionale, dagli oggetti in bronzo alle ceramiche raku, dagli strumenti musicali ai mobili in legno. Ad Algajola, nell'Atelier Caruli, Carole Fanet crea pezzi unici: vasi, terrecotte, lampade e oggetti d'arredo. I migliori coltelli corsi si comprano a Calvi da A Funderia, dove Patrick Martin li forgia ancora seguendo le tecniche tradizionali. A Pigna si trovano i rinomati violini corsi, quelli firmati da Ugo Casalonga, mentre curiosi souvenir musicali si acquistano da Scat'a Musica: carillon in legno dipinto a mano che riproducono le melodie corse tradizionali. Fuori dagli atelier degli artigiani, Pigna un grumo di case antiche affacciate sul mare come un balcone con i muri color ocra, i vicoli stretti e le buganvillee che profumano l'aria. Lontano dal mare, a 447 metri di altitudine, il paesino di Sant'Antonino invece un assaggio di entroterra corso: un labirinto di strade di granito, scalinate, archi e muri di pietra che ancora conserva l'originaria struttura medievale. Dove, in piazza, gli uomini giocano l'immancabile partita di petanque, il tradizionale gioco con le bocce.

11 luglio 2011, aggiornato al 28 maggio 2012

Per saperne di pi e per organizzare il vostro viaggio consultate la pagina degli indirizzi

Per prenotare il vostro hotel cliccate qui

Corsica, guida alle spiagge da sogno. Tutte le informazioni

Corsica, le 5 spiagge da non perdere

Periplo selvaggio: gli approdi da scoprire in Corsica. Solo via mare

Mare di settembre nel sud della Corsica

Le bianche scogliere di Marsiglia

© Riproduzione riservata