Viaggi24

Friuli Venezia Giulia, terra di dinosauri

Idee & Luoghi

Friuli Venezia Giulia, terra di dinosauri

  • – di Arianna Garavaglia
Il dinosauro Antonio, al Museo Civico di Storia Naturale di Trieste
Il dinosauro Antonio, al Museo Civico di Storia Naturale di Trieste

Caccia al fossile. I più piccoli con martello e picchetto scavano lastre di roccia dove sono imprigionati pesci fossili. Una conquista e un ricordo da portare poi a casa.
Succede al sito paleontologico del Villaggio del Pescatore, nel comune di Duino Aurisina, vicino a Trieste. Qui, negli anni '90, fu trovato Antonio, il più grande e completo dinosauro italiano. Antonio è un dinosauro erbivoro lungo 4 metri e alto 130 cm che viveva all'incirca 70 milioni di anni fa. Ora si può vedere al Museo Civico di Storia Naturale di Trieste.
Il sito della sua scoperta, invece, è stato riaperto di recente. Qui si può partecipare anche a visite guidate di un'ora (5 euro intero, 3 euro per i ridotti) che vengono organizzate tutto l'anno (per prenotazioni: tel: 347-7393118. Email: cooperativagemina@gmail.com).

Parco delle Dolomiti friulane
Esattamente 20 anni fa, nel giugno del 1994, una scolaresca in gita nel Parco delle Dolomiti friulane trovò impressa nelle roccia un'orma di 35 cm di un dinosauro di grandi dimensioni vissuto almeno 215 milioni di anni fa.
A questa prima scoperta ne sono seguite altre e ora tutto il percorso all'interno del Parco è allestito con segnaletica e pannelli informativi. Esperienza da non mancare per ogni piccolo appassionato di resti preistorici.

Rettili volanti in Carnia
Anche la vicina Carnia era abitata da vari dinosauri nello stesso periodo: il paese di Preone, in particolare è sede di un giacimento fossilifero interessante da esplorare seguendo un sentiero didattico.
Le ricerche hanno portato alla luce grandi quantità di fossili vegetali, pesci, crostacei e sopratutto pterosauri (rettili volanti) tra i più antichi finora trovati in Europa. Qui si può seguire il sentiero naturalistico autoguidato Stavolo Lunas, un percorso di 3 km attrezzato con cartelli che descrivono le caratteristiche geologiche e paleontologiche del luogo insieme con la sua flora e la fauna.

3 giugno 2014

© Riproduzione riservata