Viaggi24

Ferrara rinascimentale, Carnevale a corte

Mostre & Eventi

Ferrara rinascimentale, Carnevale a corte

Sfilate in maschera al carnevale di Ferrara (Consorzio Visit Ferrara - Credit Francesco Cavallari)
Sfilate in maschera al carnevale di Ferrara (Consorzio Visit Ferrara - Credit Francesco Cavallari)

Sarà Eleonora d'Aragona, moglie di Ercole I d'Este, a guidare il corteo storico tre la strade del centro di Ferrara il 25 febbraio prossimo. Attorno a lei e al suo ruolo di prima duchessa di Ferrara entrata trionfalmente in città il 3 luglio 1473 ruotano le celebrazioni del Carnevale Rinascimentale che anima la città degli Estensi dal 23 al 26 febbraio.
Eleonora, figlia di re Ferdinando di Napoli e sposa del duca Ercole I, fu punto di riferimento culturale nel momento di massimo splendore del ducato. A lei si devono, tra l'altro, rappresentazioni teatrali, cene e balli in maschera promossi in diverse occasioni e anche durante il carnevale.

E proprio per rivere i fasti della corte rinascimentale, durante i quattro giorni del carnevale, sono previsti spettacoli teatrali di strada, film, mercatini di prodotti carnevaleschi, concerti e visite guidate, tutto a tema rinascimentale e carnevalesco. In programma anche appuntamenti dedicati all'Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, edito per la prima volta a Ferrara nel 1516.
Il corteo storico del 25 prevede figuranti in maschera che accompagneranno la duchessa da Palazzo Schifanoia al Palazzo Ducale in Piazza Municipale.  

Ferrara, tra palazzi e castelli
Il corteo parte da Palazzo Schifanoia, uno dei palazzi principali di Ferrara insieme al più noto Palazzo dei Diamanti e a Palazzo Contabili.
Palazzo Schifanoia del ‘400 con facciata in mattoni e portale marmoreo, oggi ospita il museo civico.
Sede museale è anche Palazzo dei Diamanti conosciuto per le sue 8500 bugne in marmo bianco. Il palazzo è un'opera cinquecentesca e oggi ospita la pinacoteca nazionale.
Infine Palazzo Contabili, attribuito erroneamente a Ludovico il Moro (marito di Beatrice d'Este, figlia di Ercole I e di Eleonora d'Aragona ), che ospita il museo archeologico nazionale. 

Punto di arrivo del corteo è Palazzo Ducale, oggi Palazzo Municipale. Si tratta di un edificio costruito nel XII secolo come residenza degli Estensi che abitarono qui fino al Cinquecento. La facciata è un rifacimento degli Anni '20 del Novecento.
Su questa piazza si trova anche la Cattedrale, un insieme di romanico e gotico costruita a partire dal XII secolo con il campanile rinascimentale in marmo attribuito a Leon Battista Alberti.

Tappa da non perdere è, naturalmente, il Castello Estense, edificio in mattoni a pianta quadrata con quattro torri difensive. Il castello fu costruito, tra il ‘300 e il ‘500, per volere del marchese Nicolò II. In precedenza sul luogo esisteva un'antica torre di guardia che difendeva le mura a nord della città. Oggi al castello (che è uno dei pochi a essere ancora circondato da fossati pieni d'acqua) si visitano cortili, sale affrescate e la cappella.
Al castello sono previsti diversi incontri dedicati alla duchessa di Ferrara e all'Ariosto, balli in maschera e intrattenimento per i più piccoli.

PACCHETTI 
Il consorzio Visit Ferrara, che unisce circa 90 operatori turistici di tutta la Provincia, propone diversi pacchetti. Tra questi il pacchetto di 3 giorni e 2 notti dal 24 al 26 febbraio compresa una cena rinascimentale e una visita guidata alla città con quote da 195 euro a persona. La proposta per gruppi di 1 giorno con cena e visita alla città, oltre alla visita animata nel Castello Estense, ha quote da 130 euro a testa. Vai al sito  

© Riproduzione riservata