Viaggi24

New York di primavera: i parchi più belli

Grandi Viaggi

New York di primavera: i parchi più belli

  • – di Arianna Garavaglia
New York Botanical Garden, nel Bronx, ospita più di un milione di piante su una superficie di 100 ettari. (© NYC & Company/Christopher Postlewaite)
New York Botanical Garden, nel Bronx, ospita più di un milione di piante su una superficie di 100 ettari. (© NYC & Company/Christopher Postlewaite)

BROOKLYN
150 anni di storia. Da festeggiare tutti insieme nel weekend del 1 e del 2 aprile. Per il suo 150esimo anniversario Prospekt Park di Brooklyn prepara eventi a ingresso gratuito. Tra gli appuntamenti visite guidate con naturalisti, sfilate, mercati alimentari con grigliate di carne e verdure. E poi conferenze, mostre all'aperto e per i bimbi ingresso gratuito allo zoo e giostre.
La storia di Prospekt Park si intreccia con quella del Central Park. Nel 1858Frederick Law Olmsted e Calvert Vaux, insieme con il loro gruppo di lavoro, creano il Central Park a Manhattan. Da questa esperienza nasce l'idea di creare un parco anche a Brooklyn. Apre così, nel 1862, Prospekt Park che oggi copre una superficie di 236 ettari. Qui i newyorkesi e i turisti passeggiano, vanno a cavallo, visitano lo zoo, ammirano il lago e il Brooklyn Botanic Garden, progettato sempre da Olmsted, che ospita un giardino giapponese con diversi tipi di ciliegi che fioriscono ad aprile. Il primo di aprile qui si celebra Hanami (in giapponese “ammirare i fiori”), la tradizione nipponica di ammirare i ciliegi in fiore.

MANHATTAN
A Manhattan la meta è naturalmente Central Park, uno dei parchi più famosi al mondo. Il parco è un luogo di relax, sport e incontro e un vero protagonista della vita e della cultura cittadina grazie ai concerti, spettacoli teatrali e mostre che si tengono nei suoi spazi.
In primavera tocca a Open House, istallazione dell'artista Liz Glynn che ripropone, nello spazio aperto di Doris C. Freedman Plaza all'interno del parco, la ricostruzione di una sala privata dove nel secolo scorso si incontravano le élite cittadine. La scelta di ospitare l'istallazione nel parco è una riflessione sul tema delle distinzioni di classe: con le élite che si incontravano nei lussuosi spazi chiusi delle sale da ballo in contrapposizione al Central Park, pensato già dalle origini come luogo di incontro democratico e aperto a tutti.
Altro appuntamento tradizionale di primavera è il Sail the Park del primo aprile: evento che da 140 anni attira i bambini nello specchio d'acqua del Central Park's Conservatory Water dove prendono il largo modellini di barche.
Ultima tappa di Manhattan è High Line, parco sopraelevato ricavato su una linea ferroviaria abbandonata nel West Side.

STATEN ISLAND
A State Island la meta è il  New York Chinese Scholar's Garden, uno spazio di ispirazione cinese con otto padiglioni, una foresta di bambù, cascate e uno stagno di carpe koi. Il giardino fa parte dello Snug Harbor Cultural Center & Botanical Garden, un'area di origine ottocentesca che comprende una ventina di edifici storici e nove giardini come il giardino delle rose (con un centinaio di tipi diversi di questo fiore ) e il white garden composto solo di fiori bianchi.

BRONX
Nel Bronx si può visitare il New York Botanical Garden che ospita più di un milione di piante su una superificie di 100 ettari. A partire dal 22 aprile sarà proposta nel giardino una nuova mostra, CHIHULY, che comprende 20 installazioni colorate a cura dello scultore internazionale Dave Chihuly. Anche al New York Botanical Garden c'è un giardino delle rose, quello delle azalee e poi magnolie, conifere, ciliegi e aceri.

QUEENS
Il quarto parco per estensione di New York è il  Flushing-Meadows Corona Park, nel Queens, famoso in tutto il mondo perché qui si giocano gli Us Open di tennis. Il parco ha anche spazi per il calcio, baseball, cricket e skateboard e ospita il Queens Museum.

© Riproduzione riservata