Viaggi24

A Torino, sull'antica Via della Seta

Mostre & Eventi

A Torino, sull'antica Via della Seta

  • – di A. G.
 Coppa in pasta vitrea turchese Iran o Iraq Coppa: IX-X secolo; montatura: arte bizantina, X-XI secolo Pasta vitrea turchese, argento dorato, smalto cloisonné d'oro, pietre preziose Venezia, Procuratoria di San Marco, Tesoro
Coppa in pasta vitrea turchese Iran o Iraq Coppa: IX-X secolo; montatura: arte bizantina, X-XI secolo Pasta vitrea turchese, argento dorato, smalto cloisonné d'oro, pietre preziose Venezia, Procuratoria di San Marco, Tesoro

Rotte carovaniere, marittime e fluviali percorse da commercianti, diplomatici, esploratori e avventurieri. È l'antica Via della Seta che per venti secoli ha messo in contatto Oriente e Occidente. A raccontare questa strada commerciale, culturale e spirituale è il MAO, Museo d'Arte Orientale di Torino, attraverso settanta opere in mostra fino al 2 luglio prossimo. L'esibizione “Dall'antica alla nuova Via della Seta” espone opere di proprietà del museo torinese, di istituti italiani e prestiti internazionali dal Louvre al Museum für Byzantinische di Berlino.
Tra le opere antichi oggetti funerari cinesi come il Cammelliere su cammello battriano (VI-VII secolo) e lo Straniero dal volto velato (VII-VIII secolo). E poi la Mattonella con giocatori di polo (1256-1335), raro esempio di produzione artistica iraniana sotto il dominio degli Ilkhanidi di origine mongola.

E ancora monete iraniane e statue del Pakistan del III secolo, album di acquerelli cinesi del ‘600, frammenti di tessuti e carte geografiche. Alla mostra si accompagnano conferenze, eventi e proiezioni di filmati.

L'esibizione è curata da Louis Godart, David Gosset e Maurizio Scarpari e promossa dalla Presidenza della Repubblica Italiana e a Torino dal MAO Museo d'Arte Orientale – Fondazione Torino Musei.
INFORMAZIONI
Dall'antica alla nuova Via della Seta
DOVE: MAO, Via San Domenico, 11 Torino 
BIGLIETTI: Intero 10 euro, ridotto 8 euro: L'ingresso alla mostra è compreso nel biglietto del museo.

© Riproduzione riservata