Viaggi24

Volo cancellato? Ecco dove trovare i capsule hotel negli aeroporti

  • Abbonati
  • Accedi
POWER NAP

Volo cancellato? Ecco dove trovare i capsule hotel negli aeroporti

Sono quasi il 90% gli italiani che si preparano a partire per le vacanze estive, ma scioperi (il 25 e 26 luglio è previsto quello di Ryanair) possibili ritardi e cancellazioni causati dall'overtourism minacciano tutti i viaggiatori. D'altra parte, l'Italia nel 2016 ha accolto 53 milioni di arrivi: nel 2020 il numero crescerà di 6 milioni, con un aumento a doppia cifra.

AirHelp, società di supporto nella richiesta di risarcimenti aerei, ha analizzato i dati dello scorso anno scoprendo che da gennaio a giugno di quest'anno le compagnie aeree hanno già accumulato una responsabilità finanziaria per ritardi di oltre 150 milioni di euro, con un incremento del 44% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il crescente fenomeno dell'overtourism, l'aumento dei voli offerti dalle compagnie aeree, la conseguente diminuzione dei servizi e del personale e la sempre meno efficienza degli aeroporti nel gestire il traffico aereo, hanno raddoppiato le cancellazioni e i ritardi dei voli, causando disagi a più di 500 mila italiani (+83% rispetto a gennaio-giugno 2017).

Cosa fare negli aeroporti quando si è persa una coincidenza, il volo viene annullato o è in ritardo? La formula ricettiva più adatta ai viaggiatori in transito è quella offerta dai capsule hotel, piccoli box super essenziali, di pochi metri quadri, dove è possibile schiacciare un pisolino protetti e isolati dal grande caos che regna negli scali di tutto il mondo.

Il primo hotel a capsule è stato inaugurato nel 1979 a Umeda, distretto di Osaka, da allora le capsule del sonno si sono trovano ovunque, Italia compresa. Come rifugio per poche ore vanno benissimo, se non si soffre di claustrofobia, anche perché spesso sono dotate di servizi accessori come WiFi, docking station, touch-screen con info voli e sveglia, Tv multimediale, doccia.

1. Benbo - Napoli-Capodichino
È stato inaugurato l'11 gennaio 2017 all'Aeroporto Internazionale Napoli-Capodichino BenBo, acronimo di Bed&Boarding, e offre delle micro stanze quattro metri per quattro dotate di letto, work-station e bagno privato con doccia. La reception è aperta 24 ore su 24, si può pagare direttamente in loco, ma prenotare anche su web o app. Il prezzo è 25-30 per la notte ma si può stare anche poche ore.

2. 9H - Narita International Airport, Tokyo
Sette ore per dormire (stay), un'ora per riposare (nap) e un'altra per fare una bella doccia (shower). Al 9H (ninehours) del Narita International Airport di Tokyo c'è tempo far tutto, anche per rilassarsi 60 minuti prima di ripartire per un lungo viaggio. Dormire in aeroporto non è stato mai così avanguardistico: infatti questo strepitoso capsule hotel giapponese è costituito da piccoli loculi minimal degni di un passeggero del futuro, che avrà la possibilità di indossare un pigiama 9H, in puro stile nipponico.

3. Capsule By Container Hotel - Kuala Lumpur International Airport
Ha l’aspetto di un container il Capsule by Container Hotel all’aeroporto di Kuala Lumpur. Offre 120 capsule (anche per sole donne) in legno e acciaio, un Bar e un foyer per incontri a tu per tu con l'arte: questo luogo si trasforma in spazio creativo con l'esposizione di opere innovative di artisti contemporanei malesi. In questo originale capsule hotel si può soggiornare dalle 6 alle 12 ore.

4. Napcab - Monaco e Berlino
Dall’esterno sono anonime cabine bianche, dentro i Napcab sono invece comode cabine dove riposarsi. Questo capsule hotel si trova negli aeroporti di Monaco di Baviera e Berlin-Tegel. All'interno della capsula si trovano il letto, un piano lavoro, iPod dock, oltre a tanti servizi utili come l'accesso a internet, le informazioni aeroportuali e la sveglia: la tariffa è oraria e si può restare fino a 12 ore.

5. Zzzleepandgo - Milano Malpensa e Bergamo
Zzzleepandgo (dormi e paghi) offre molto di più di un letto: wi-fi alle prese 220v e USB, schermo sempre aggiornato sullo stato dei voli. Questo italianissimo capsule hotel si trova negli aeroporti di Milano Malpensa T1 e Bergamo Orio al Serio.

6. Snooze Cube - Dubai International Airport
Di fronte al Gate D7 del Terminal 1 del Dubai International Airport si trova lo “Snooze Cube”. Sono micro stanze molto rilassanti arredati da finte finestre dove osservare paesaggi dei paesi più spettacolari del mondo. Progettate e realizzate in Nuova Zelanda ma adottate dal 2011 dall’hub degli Emirati.

7. Yotel Air - Charles de Gaulle, Parigi
Wi-fi, oltre 30 canali tv, smart bed e tutti gli agi di un vero luxury hotel, a due passi dal gate. Stiamo parlando di un brand famoso, Yotel Air, che vanta micro stanze dai sette ai dieci metri quadri negli aeroporti più importanti al mondo, come Amsterdam Schiphol, London Gatwick e London Heathrow e Charles de Gaulle Airport di Parigi (Terminal 2E). Offre arredi colorati e la preziosa Club Lounge.

8. Gosleep - Helsinki-Vantaa Airport
GoSleep offre invece poco più di una poltrona allungabile della business class. Si tratta di un brevetto finlandese che vede il suo primo esempio in Europa in quel di Helsinki, al Gate 31 del Vantaa Airport ma si trovano anche ad Amburgo, Amsterdam, Mosca, Baku, Dubai, Hangzou, Pechino, Mumbai, Tallin, Tokyo. Nel micro igloo si ripone il bagaglio sotto di sé, si ricarica il cellulare, ci si accomoda semisdraiati pagando pochi euro l'ora.

9. Minute Suites - Philadelphia International Airport
Per riposare in un Minute Suites si deve volare negli States, al Philadelphia International Airport, oppure all'Hartsfield-Jackson di Atlanta o al Dallas-Fort Worth. Le sue stanze ampie, dotate di un sofa che si trasforma in comodo letto e un desk per lavorare, con wi-fi gratis e tv satellitare, sono il rifugio perfetto per i business men.

10. Sleepbox - Sheremetyevo Airport, Mosca
All'aeroporto Sheremetyevo di Mosca si trova al Terminal E nella zona di transito il capsule hotel Air Express. Si paga a ore e offre stanze con e senza finestre perfette per chi ha perso la coincidenza e può permettersi di dormire almeno sei ore. E’ ancora in fase di start up il progetto di Mikhail Krymov e Alexey Goryainov con base a Boston Sleepbox, una sistemazione che raccoglie in pochissimi metri quadri tutto il necessario per un relax stile hotel: dal letto alla scrivania. Presto queste cabine del sonno faranno la loro apparizione all’aeroporto di Atlanta (Usa).

© Riproduzione riservata