Viaggi24

A Ferrara per i 30 anni di Buskers Festival

10 GIORNI Di MUSICA IN STRADA IMPERDIBILI

A Ferrara per i 30 anni di Buskers Festival

  • – di Luisanna Benfatto
(credit: Ferrara Buskers Festival - Foto di Luisa Veronese)
(credit: Ferrara Buskers Festival - Foto di Luisa Veronese)

Nella città rinascimentale di Ferrara, patrimonio Unesco dal 1995, da 30 anni si rinnova l’appuntamento con il Buskers Festival. La manifestazione che riunisce oltre 1000 artisti da tutto il mondo si tiene dal 17 al 27 agosto.

Era infatti il 1987 quando Stefano Bottoni, ideatore e direttore artistico della rassegna internazionale dei musicisti di strada, diede il via nel centro storico all'evento che ha contribuito ad accrescere l’interesse dei turisti, molte dei quali stranieri, per la città estense.

Tra piazze e vie, sotto le mura le castello e nei giardini dei palazzi, senza palco ma esclusivamente sulla strada, si sono esibiti in questi anni molti musicisti famosi: nel 1989 Lucio Dalla con il suo clarinetto e Jimmy Villotti, Edoardo Bennato nel 1994, Angelo Branduardi e i Modena City Ramblers.

L’edizione di quest’anno dura 11 giorni e prevede tre tappe di avvicinamento: la carovana dei baskers approderà il 17 a Mantova, il giorno dopo a Comacchio e a Lugo il 21 agosto. A esibirsi nel centro di Ferrara dal 19 agosto, 300 formazioni di artisti accreditati, che cambiano ogni giorno, per più di 2mila ore di spettacoli. Guest star del 2017, quattro gruppi da New York, la Città Ospite d'Onore, che 30 anni fa fu da ispirazione per la nascita del festival. Stefano Bottoni, musicista e artigiano e da allora direttore artistico, durante un viaggio nella Grande Mela ascoltò l’esibizione di alcuni artisti di strada a Times Square e pensò che anche a Ferrara, senza i grattacieli ma all’ombra del castello estense, potevano suonare altrettanto bene. Da quella intuizione è nato il festival dei record che riesce ad attrarre più di 800.000 persone in dieci giorni.

Per informazioni: Ferrarabuskers.com

© Riproduzione riservata