Viaggi24

Ma dove vai se il portafoglio digitale non ce l’hai?

I VANTAGGI DEL DIGITAL WALLET

Ma dove vai se il portafoglio digitale non ce l’hai?

  • – di Biagio Simonetta
(Marka)
(Marka)

L'esplosione delle App che consentono pagamenti Peer to Peer (cioè da utente ad utente) attraverso lo smartphone è ormai cronaca quotidiana. Banche, tech company e startup stanno lavorando sodo a questo nuovo servizio che ha tutte le carte in regola per rivoluzionare il settore delle transazioni finanziarie. E che introduce notevoli vantaggi, soprattutto quando si è in viaggio con un gruppo di amici. Perché quando ci si trova a dover dividere i costi delle cene, degli ingressi ai musei, o delle automobili prese a noleggio, queste app (conosciute come portafogli digitali) annientano tutte le difficoltà tipiche del contante. Si parta da un presupposto: utilizzare queste App è semplice, ma non basta scaricarle. Dietro c'è tutto un processo di registrazione che ci pone davanti al dilemma di condividere i nostri dati bancari online (magari con Facebook, o con Apple). Altro problema: molti di questi servizi sono disponibili negli Stati Uniti d'America, e arriveranno in Italia solo nei prossimi mesi.

Il P2P di Postepay
Il panorama attuale, per quanto concerne il nostro Paese, vede la presenza di Poste Italiane con l'App Postepay che consente lo scambio di denaro tra persone. I pagamenti in modalità P2P, da Postepay a Postepay, permettono di inviare e richiedere denaro in tempo reale a tutti i contatti della rubrica telefonica che hanno una carta Postepay. L'App consente di disporre immediatamente del denaro transato. Inoltre, per i pagamenti sotto i 25 euro, non sono previste commissioni di trasferimento. La modalità è pensata in logica di community, per lo scambio di denaro tra persone come per esempio in caso di regali tra amici o piccoli pagamenti per dividersi il costo del pranzo o della cena.

Satispay
Altro servizio Made in Italy è quello firmato Satispay, applicazione inventata a Cuneo dall'omonima startup con l'obiettivo di eliminare l'utilizzo del contante. Fra i altri servizi offerti da Satispay, oltre al pagamento tramite smartphone (in stile Apple Pay, per intenderci), anche il Peet to Peer, che consente agli utenti dell'App di scambiarsi denaro.

PayPal.Me
Altro servizio utile per inviare e ricevere denaro da famiglia e amici è quello offerto da PyaPal. Ovviamente gli utenti devono disporre di un account PayPal, e attraverso questo viene creato un link (paypal.me/nome). Poi basterà cliccare sul link e indicare la somma da versare. Il servizio è gratuito per scambi di denaro fra utenti dello stesso Paese.

Apple Pay
Uno dei servizi maggiormente in uso, soprattutto quando si è in viaggio, è quello offerto da Apple. Grazie alla tecnologia NFC è possibile pagare al supermercato con lo smartphone. Ed con iOS 11 arriverà un servizio di P2P che consentirà lo scambio di denaro fra utenti attraverso iMessage.

Da WhatsApp a Facebook
Inutile dire che la vera partita la giocano i big. Due nomi su tutti: Facebook Messenger e WhatsApp, che poi sono entrambi di proprietà di Facebook Inc. Il primo offre già un servizio P2P per scambio di denaro fra gli utenti, ma il servizio è attivo (per ora) solo negli Stati Uniti. Su WhatsApp, invece, proprio qualche giorno fa è finita in rete una versione beta che ha confermato l'arrivo di un servizio P2P nei prossimi mesi. Siamo davanti a due piattaforme da oltre un miliardo di utenti. Numeri che potrebbero spianargli la strada. C'è da aspettare qualche mese anche per altri servizi di pagamento digitale molto attesi come Android Pay e Samsung Pay. Mentre sono già attivi Tim Wallet e Vodafone Pay.

© Riproduzione riservata