Viaggi24

Dieci mercatini di Natale in Italia: tra classiche mete e piccoli borghi

WEEK END DELL’AVVENTO

Dieci mercatini di Natale in Italia: tra classiche mete e piccoli borghi

  • – di Lucilla Incorvati

Le settimane dell'Avvento, tanto famose in Austria, Germania e in tutta l'Europa del Nord sono anche in Italia più che una tradizione. I colori, le luci, gli addobbi, i sapori ci portano a scoprire città d'arte, borghi medievali e piccoli paesi di montagna. Se ci sono angoli d'Italia come il Trentino Alto Adige che in fatto mercatini non ha nulla da invidiare alle regioni del Nord Europa con l’allestimento natalizio nelle piazze di Bolzano, Vipiteno, Brunico, Bressanone e Merano, ci sono anche altre destinazioni outsider che da qualche anno arricchiscono il numero di luoghi dove ci si può perdere in cerca dell'oggetto da regalare o l'ennesima pallina da collezionare. Magari progettando un bel week end in famiglia e/o con amici. Eccone dieci tra quelli famosi e quelli meno noti.

1) Bolzano
Bolzano viene vestita a festa con gli abiti decorati e ovunque si sente musica natalizia, luci, il dolce profumo di cannella, di vin brulè e di tutte le altre specialità gastronomiche la rendono unica. Il mercatino si svolge ogni anno dal 23 novembre, fino al 24 dicembre per poi proseguire fino al 6 gennaio. In tutto vi aspettano ben 80 bancarelle situate in piazza Walther nel centro storico della città. La particolarità di questo mercato sta anche nella provenienza di artigiani da tutta la regione. Da non perdere nelle vicinanze a San Paolo di Appiano, a pochi km da Bolzano, la grande mostra di presepi, da fine novembre fino all'Epifania. Soprattutto di sera, quando il paese è illuminato da filari di luci, vale la pena fare una passeggiata attraverso le vie del centro. Ed inoltre vi aspetta anche un programma d'intrattenimento, con bancarelle, musica natalizia, il corteo di San Nicolò ed il “presepe vivente”. E poi in tutti i paesi delle vallate intorno (dalla Val Gardena alla Val D'Ega, dall'Alpe di Siusi alla Val Badia) ogni borgo ha la sua versione.

2) Renon e Lago di Carezza
Sull'altipiano del Renon, raggiungibile in soli 12 minuti con la moderna funivia che parte da Bolzano, c'è una vera e propria oasi “bianca” a ridosso della città dove c'è il tradizionale Trenatale del Renon, originale mercatino, servito dalla storica ferrovia a scartamento ridotto che nel 2017 ha festeggiato i suoi 110 anni. Dal 24 novembre al 30 dicembre 2017 (i sabati e le domeniche dalle 10 alle 18,30, oltre a venerdì 8 dicembre con lo stesso orario) il mercatino natalizio sarà allestito a Soprabolzano, nei pressi della stazione dello storico Trenino del Renon, con originali stand di legno dove rivolgersi per comprare ottimi dolci – tra cui il tradizionale zelten, a base di frutta secca – e poi ancora miele, confetture ma anche manufatti di artigianato tradizionale e di qualità. Da Soprabolzano sarà poi possibile raggiungere Collalbo a bordo del trenino, per gironzolare tra le bancarelle, o approfittare del ricco programma di concerti, presepe vivente e molto altro ancora.

Da non perdere anche quanto accade in Val D'Ega intorno al Lago di Carezza. Le strutture dell'area turistica propongono pacchetti inclusivi di 2 o 3 pernottamenti, escursione guidata attorno al Lago con lanterne e vin brulè o succo di mela caldo e una tazza “Magie natalizie Lago di Carezza”. Dal 2 al 3 dicembre, dal 7 al 10 dicembre, e dal 16 al 17 dicembre 2017 prezzi a partire da 141 euro per persona (per 2 pernottamenti con trattamento di mezza pensione in hotel 3 stelle). Bolzano e poi con molti treni locali si raggiunge dai principali centri italiani con Trenitalia oppure con le ferrovie tedesche che partono da Verona e Trento.

3) Merano
A Merano la location del mercatino è unica: la passeggiata lungo il Passirio ospita oltre 80 espositori, le loro bancarelle medioevali e le romantiche casette di legno con piccoli focolari accesi, tazze fumanti sul tavolo, dolci fatti in casa e oggetti dell'artigianato locale in legno, vetro o lana. Da non perdere il vino di miele, con la cosiddetta “Feuerzangbowle” o anche con buonissimi canederli. Piazza Terme, come da tradizione, ospiterà le 6 colorate sfere natalizie (Kugln), che accoglieranno al loro interno, previa prenotazione, coloro che vorranno gustare un piatto tipico altoatesino in un contesto davvero originale. Ma oltre al conosciutissimo mercatino di Merano, nei dintorni se ne trovano altri che ben rappresentano lo spirito di questa festa in maniera originale. Come il Mercatino Polvere di Stelle a Lana, un mercatino da fiaba, con tante iniziative, oltre alle bancarelle che offrono ai visitatori la dolce bevanda “alla polvere di stelle”, il croccante toast contadino e tante altre golosità, insieme a oggetti torniti in legno e prodotti artigianali. Inoltre, momenti emozionanti con i Dipinti di luce sulla facciata di Palazzo Gries e con la Bottega delle scintille presso la Tenuta Rosengarten, in cui i bambini potranno confezionare il sacco di San Nicolò.

Interessante anche la proposta di Castel Tirolo, maniero del XII secolo dove si svolge il tradizionale mercatino con la mostra di presepi nella cappella del castello, i lavori degli artigiani locali e le musiche di Natale, oltre all'animazione per i bambini. Non perdetevi la suggestiva la visita di questo castello che ha dato il nome all'intera regione. Tra le tante offerte che Josef Mountain Resort di Avelengo, affacciato direttamente sulle piste del comprensorio di Merano 2000, c'è quella per chi vuole fare un giro ai mercatini. Dal 7 al 10 dicembre 2017, si può celebrare il classico “ponte” di inizio inverno, grazie al pacchetto “Magica atmosfera natalizia a Sant'Ambrogio” (3 pernottamenti a partire da 491 a persona in camera doppia) che prevede escursioni ai mercatini di Vipiteno, Bressanone, Brunico, Ortisei e Chiusa.

4) Glorenza e la Val Venosta
Glorenza è la più piccola cittadina dell'Alto Adige, un luogo sospeso tra passato e presente, incluso fra i più bei Borghi d'Italia, che dall'8 all'10 dicembre 2017 si anima di luci, suoni e profumi con il suo piccolo mercatino allestito all'interno delle antiche mura medievali. Illuminate dalle fiaccole, le bancarelle propongono un'infinità di prodotti artigianali e gastronomici presentati dagli oltre 40 produttori dell'Alta Val Venosta, dell'Alto Adige, dell'Austria, della Svizzera e della Germania. Si raggiunge facilmente con il treno della Val Venosta che da Merano attraversa la bella vallata. La Valle è famosa in modo particolare anche per un altro mercatino “da record”: il più alto delle Alpi, vale a dire quello in Val Martello dall'8 all'10 dicembre, più precisamente a Malga Enzian a 2061 m nel mezzo del Parco Nazionale dello Stelvio. In un'originale ambientazione, gli stand propongono presepi, addobbi fatti a mano, e dimostrazioni di artigiani per degustare i prodotti regionali, accompagnati da canti tradizionali. Poco distante si trova Malga Lyfi, raggiungibile a piedi o su slitta trainata da cavalli, dove viene messo in scena un presepio vivente e vengono letti tradizionali testi natalizi dal gruppo teatrale di Corces. Se siete con la vostra famiglia in zona c'è il Lanerhof del gruppo Winkler a Mantana (San Lorenzo) a 5 km da Brunico, 6 km da Plan de Corones e 6 km per GC Pustertal.

5) Brunico e Val Pusteria
Quando la legna crepita piacevolmente nelle stufe dei masi, vuol dire che anche in Alto Adige è arrivato il periodo dell'Avvento. Ai piedi del Plan de Corones, Brunico, che conserva ancora l'antico nucleo e fascino medievale, è una delle mete top dei mercatini. Tra le mura della città sono allestite le sue 35 bancarelle in legno che offrono prodotti tradizionali e specialità culinarie tipici. Gli stand offrono oggetti d'artigianato, preziose idee regalo e decorazioni natalizie, i giocattoli in legno o anche palle di vetro e di ceramica. Ma se amate le cose autentiche, non c'è posto migliore del mercatino di Natale al Lago di Braies in Alta Pusteria. Qui diverse ensemble di strumenti a fiato e piccoli cori offrono ai visitatori suoni e canti natalizi. Troverete inoltre tanti prodotti tradizionali di artigianato artistico locale, come decorazioni per l'albero fatte a mano con paglia, legno e vetro, e poi pantofole in feltro morbide. In più gite in carrozza trainata da cavalli, lo zoo con asini e pecore da accarezzare e l'arrivo di San Nicolò il sabato e la domenica pomeriggio.

6) Bressanone e Valle Isarco
Anche la piccola ma vivace Bressanone merita una visita, visto che i suoi mercatini si tengono nella bellissima Piazza del Duomo, che per l'occasione si trasforma in un luogo di ritrovo illuminato a festa da casette di legno e un gigantesco albero di Natale. Oltre a girovagare per gli stand assaggiando prelibatezze e acquistando regali, potrete approfittare dei tanti eventi e non perdervi la tradizione dei presepi. Infatti, il museo dei Presepi si trova all'interno del Palazzo vescovile. Ed inoltre vengono organizzati anche vari concerti di cori e gruppi musicali presso il Duomo o anche in piazza. E poi i giri della città in carrozza e giostre per i più piccoli. Per l'ospitalità se cercate un autentico ritiro nella natura nei pressi di Bressanone c'è l'Hotel Seehof di Naz (a 7 km dalla cittadina) che, dopo un'avveniristica ristrutturazione, è diventato un “nature retreat” 4 stelle superior. In questo posto lontano dal turismo di massa smartphone, tablet e portatili si possono riporre nel cassetto, per immergersi completamente nel regno naturale fatto di boschi e il laghetto di Flötscher Weiher.

7) Vipiteno
Vipiteno, graziosa cittadina medievale che fa da avamposto tra le montagne prima del confine con l'Austria, è forse una dei luoghi dove più forte è la tradizione dei mercatini di Natale: profumi di spezie e vin brulé, si alternano a miriadi di luci, stupende creazioni artigianali e tanto ottimo cibo (come ad esempio i lebkuchen, biscotti tipici fatti in casa che non dimenticherete facilmente). Anche in questa zona per chi vuole regalarsi un week end veramente in sintonia con la natura c'è Feuerstein, il nuovo nature family resort. La struttura dall'autentica ospitalità altoatesina propone per i bambini (accettati da 0 mesi) un programma di attività che si ispira al metodo Montessori: niente computer o videogiochi, ma un fienile dove lanciarsi a capofitto, un atelier di pittura, un laboratorio del legno, una divertentissima piscina con uno scivolo di 100 metri e poi giochi da tavola, escursioni negli alpeggi e corse in slittino. L'hotel propone un' offerta per il mercatino di Vipiteno (valida dal 3.12 al 19.12) a partire da 435 euro per adulto (4 pernottamenti al prezzo di 3), inclusa pensione ¾ e tutti i servizi family, visita alla mostra dei presepi nella Torre delle Dodici, gita su slitta trainata da cavalli, passeggiata a Vipiteno con guida, vin brulé al mercatino, visita guidata al museo provinciale delle Miniere Ridanna Monteneve.

8) Trento
Per chi è appassionato di mercatini tappa obbligata Trento (e la vicina Rovereto), città bellissima in ogni stagione. Il suo centro si veste a festa e si mette in mostra con musica, spettacoli e banchetti ricolmi di prodotti tipici. Qui in una giornata possono essere serviti fino a 10 mila litri di vin brulé! Quest'anno i tradizionali mercatini a Trento iniziano prima. Una novantina le casette dal 18 novembre al 6 gennaio, dalle 10 alle 19.30 esporranno il meglio delle eccellenze enogastronomiche ed artigianali del territorio in due piazze. La novità del 2017 si chiama la “Via del Gusto Trentino”: è in via S.S. Trinità, dove i produttori delle associazioni più prestigiose del territorio si alterneranno per degustazioni e vendita dei prodotti dell'enogastronomia. Da non perdere, nel centro storico di Rovereto, i mercatini del “Natale fra i popoli” protagonisti dal 25 novembre al 6 gennaio. Paese ospite di questa edizione è il Portogallo, con le sue tradizioni natalizie e culturali. Nel centro storico, tra installazioni luminose e alberi di Natale, accanto ai presepi portoghesi verranno esposti il presepe di Lampedusa realizzato con il legno delle barche dei migranti, il presepe di Betlemme realizzato con il legno di ulivo, il simbolo della pace, oltre a quelli realizzati dai maestri d'arte presepiale di Napoli, direttamente da via San Gregorio Armeno.

9) Levico Terme
Per l'Avvento la caratteristica cittadina termale di Levico ospita il suo mercatino in una delle location più belle d'Italia, il Parco Asburgico. Tra mille alberi secolari viene allestita la mostra dei presepi El Presepe vizin a cà e la rassegna di 100 presepi d'artigianato in mostra nel centro storico dal 25 novembre al 6 gennaio. L'avvento a Levico offre tante altre iniziative: dal 7 al 10 dicembre si assiste allo spettacolo degli scultori che danno vita a figure in legno di singolare bellezza. I krampus (demoni mascherati) arrivano in paese il 7 dicembre, mentre il giorno dopo, sempre nel parco asburgico, si tiene la festa del miele. Per i più piccoli, il 12 dicembre arriva Santa Lucia con il tradizionale appuntamento Strozegada di Santa Lucia: alle ore 17.30, lungo le vie del centro si sfila in compagnia dietro il carro della Santa fino alla piazza della Chiesa dove tutte le letterine di richiesta di doni verranno raccolte e legate a centinaia di palloncini colorati che le porteranno lassù, fino a Santa Lucia. Ma bisogna munirsi di una strozega! Si prendete un lungo filo di ferro al quale si legano barattoli di latta o dei vecchi coperchi da trascinarsi dietro in modo che facciano tantissimo chiasso. Una festa sui generis, amata non solo dai più piccoli. Al centro degli eventi (dal 25 novembre 2017 al 6 gennaio 2018) c'è il Grand hotel Imperial di Levico Terme, storica residenza degli Asburgo, situato proprio nel parco. Inoltre alle ore 14 del giorno dell'inaugurazione del mercatino la sfilata principesca: l'intera corte asburgica apre le danze e, con una coloratissima e solenne sfilata in preziosi costumi storici, si dà il via al bellissimo mercatino di Natale asburgico, si revoca i tempi passati, quando l'Imperatore Francesco Giuseppe elevò Levico Terme al rango di città (1894). Per tutto il periodo è in vigore speciale weekend mercatini di Natale in Trentino (2 notti 179 euro a persona).

10) Rango
Tra i primi mercatini a partire il 19 novembre c'è quello di Rango, tra i borghi più belli d'Italia, che si protrae fino al 30 dicembre. Nella piccola comunità il Capodanno anticipato, poiché il 30 dicembre i volt (androni tipici) di Rango aprono i festeggiamenti con la musica sotto le stelle. A pochi chilometri dalle Terme di Comano (riaperte per le festività, dal 7 dicembre al 14 gennaio) Rango diviene esso stesso, un suggestivo e autentico mercatino di Natale. E’ il gioiello più prezioso dell'altopiano del Bleggio: un magico pugno di case contadine, perfettamente conservate nella loro antica architettura. Nessun allestimento da mercato con stand o casette prefabbricate, ma tutto il borgo, gli stretti vicoli in salita, gli ampi androni, le vecchie legnaie, le piazzette inattese, i cortiletti e i porticati e le stesse antiche case contadine, si accendono delle luci del Natale. Si potrà acquistare o semplicemente ammirare le meraviglie dell'artigianato locale, addobbi per l'albero e il presepe, i prodotti tipici e le specialità enogastronomiche del territorio.

© Riproduzione riservata