Viaggi24

Apre a Tokyo il museo di Yayoi Kusama. A prenotazione obbligatoria

UNIVERSO COLORATO

Apre a Tokyo il museo di Yayoi Kusama. A prenotazione obbligatoria

  • – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

La buona notizia è che da pochi giorni, finalmente, Tokyo ha un bel museo permanente dedicato a Yayoi Kusama, forse l'unica artista giapponese ugualmente famosa anche in Europa, Americhe e resto dell'Asia, nonché trasversalmente amata da giovani e anziani, dai nostalgici dell'era Warhol (di cui Kusama fece parte nei suoi anni newyorchesi) alla generazione Instagram.

Un museo doc, visto che è stato promosso dalla Fondazione istituita dalla stessa artista 88enne per perpetuare la sua gloria.

La cattiva notizia è che ormai fino a fine anno sarà impossibile visitarlo: c'è il numero chiuso di 50 persone ammesse per ognuno dei quattro turni fissi giornalieri di 90 minuti. Occorre prenotare online e lo schermo da’ il tutto esaurito per la stagione delle foglie d'autunno. Per i fan irriducibili, non resta che continuare a recarsi nella città natale di Kusama, Matsumoto, dove c'è un altro museo permanente.

Il trionfo dei pois di Yayoi Kusama

Il Yayoi Kusama Museum si trova in zona un po' periferica ed è ospitato in una palazzina su 5 livelli disegnata dallo studio Kume Sekkei che si erge inconfondibile in un'area residenziale di Shinjuku piuttosto anonima. Il titolo che l'artista ha scelto per la mostra di inaugurazione è “Creation is a Solitary Pursuit, Love is What Bring You Closer to Art” (fino al 25 febbraio), impostata sui lavori più recenti dell'artista che, per scelta da circa 40 anni, vive in zona in una struttura per persone con problemi psichici. Sono 45 opere, di cui 16 della serie “My Eternal Soul” già presentate al National Arts Center. Le mostre non permanenti cambieranno ogni sei mesi.

Anche alla sua età, Kusama lavora e produce ogni giorno: ininterrottamente, dice, da quando era una bambina. Un periodo infelice, quello della sua infanzia, nel quale cominciò l'ossessione per i puntini sfociata in un'arte in grado di diventare globale.

© Riproduzione riservata