Viaggi24

Ritardo o cancellazione di un volo? Ecco come ottenere il rimborso con gli…

  • Abbonati
  • Accedi
RISARCIMENTI SMART

Ritardo o cancellazione di un volo? Ecco come ottenere il rimborso con gli algortimi

  • – di b. sim.
(Agf)
(Agf)

Subire un ritardo o la cancellazione di un volo trasmette, spesso, un sentimento di impotenza che rischia di rovinare un intero viaggio. Eppure le tutele per i viaggiatori esistono. Non sempre, però, si ha voglia di imbattersi in lungaggini burocratiche nei confronti delle compagnie di volo. Ed è per questo che, di recente, sono nati alcuni servizi in grado di seguire tutto l'iter per ottenere rimborsi o risarcimenti dalla compagnia aerea.

Uno dei più gettonati è AirHelp, piattaforma online (presente anche sotto forma di applicazione per Android e iOS) ideata dall'omonima startup, che gestisce in modo molto smart i reclami dei passeggeri che hanno subito un ritardo, una cancellazione o sono stati “vittima” di un overbooking che gli ha negato l'imbarco a bordo di un aereo.

La sostanza è abbastanza chiara, ed è descritta così sul sito di AirHelp: «Se il vostro volo ha subito un ritardo maggiore di 3 ore, è stato annullato o è andato in overbooking (quindi sono stati venduti più biglietti rispetto alla reale capienza del velivolo), la compagnia aerea è legalmente tenuta a risarcirvi».

Certo, è necessario che sussistano alcune condizioni.

Tipo: siete stati avvertiti del problema meno di 14 giorni prima della data di partenza; il vostro volo parte da un Paese europeo o viene effettuato da una compagnia aerea Europea; la compagnia aerea è responsabile del ritardo (risarcimento non è previsto nel caso in cui il ritardo o l'annullamento siano conseguenze di scioperi dei controllori del traffico aereo, avverse condizioni climatiche o allarme sanitario). Va detto che il risarcimento fissato dalla normativa europea è forfettario. Esistono tre scaglioni: 250, 400 e 600 euro.

L'ammontare della somma dipende dalla distanza percorsa durante il volo e non è correlato al prezzo pagato per il biglietto. Così, se siete su un volo Roma – New York e questo è in ritardo, è indifferente che abbiate pagato il biglietto 50 euro o 500: avrete comunque diritto a un risarcimento di600 euro. Ovviamente, per procedere alla richiesta del rimborso è necessario avere con sé il biglietto aereo (anche elettronico), la carta di imbarco o la email con la conferma di prenotazione. Uno di questi documenti, insieme alla fotocopia di un documento di identità, sono il presupposto. Successivamente le strade da percorrere sono due: procedere direttamente alla richiesta del rimborso sul sito della compagnia aerea o accedere a piattaforme come AirHelp. In quest'ultimo caso la procedura sarà sicuramente più snella, poiché l'intero iter sarà seguito da AirHelp che in cambio tratterrà il 25% del risarcimento come costi di servizio.

Ultima nota: non c'è bisogno di stare in aeroporto per avere diritto al risarcimento. Infatti, se un volo ha subito ritardi, cancellazione o overbooking negli ultimi 5 anni, si ha diritto al risarcimento, dato che la normativa UE è retroattiva.

Il team: avvocati reali e algoritmi
Tra i nuovi servizi dell’applicazione, dopo Herman il primo modello di avvocato virtuale, c’è Lara altro “consulente legale” con intelligenza artificiale in grado di valutare la fattibilità di un reclamo e le sue possibilità di vincita che assite il team di avvocati reali liberandoli dall'onere di attività amministrative ripetitive. Testata in 30 giurisdizioni, Lara è un algoritmo che riesce a capire in tempo reale la validità di un ricorso attraverso un'attenta analisi che prende in esame lo stato dei voli, le statistiche degli aeroporti, le condizioni meteorologiche e altri fattori, districandosi in statuti internazionali complessi. Le sue abilità di apprendimento, basate sulle Reti Neurali Convoluzionali (Convolutional Neural Networks), le permettono di continuare ad evolversi. La precisione di Lara supera le capacità umane con valutazioni corrette nel 96% dei casi rispetto al tasso medio del 91% in scenari simili, ed è già stata utilizzata con successo in oltre 16.000 casi.

© Riproduzione riservata