Viaggi24

24 ore a bordo della Msc Seaview, la crociera dei record

  • Abbonati
  • Accedi
NEL MEDITERRANEO

24 ore a bordo della Msc Seaview, la crociera dei record

Una giornata passata sulla Msc Seaview, che insieme alla gemella Seaside è la nave più grande mai fabbricata in Italia, non basta per scoprire tutte le opportunità che questi colossi del mare, con una lunghezza di oltre 323 metri, larghezza di 41 e altezza di ben 72 metri, offrono agli ospiti che salgono a bordo la prima volta.

Nella hall
Già l'arrivo sulla nave, nella hall disposta su quattro ponti, dove si può assistere a performance di vario genere, come sketch, flashmob e feste a tema, sorprende e disorienta un po' il neofita della crociera che resta quasi abbacinato dal colpo d'occhio dei ponti illuminati con balaustre affacciate sull'atrio e delle scalinate, trasparenti e illuminate, che li collegano al Seaview bar. Spazio che è appunto nell'atrio e accoglie chi è appena salito sulla nave ma anche chi scende, magari per un'escursione. D'altro canto, tutto sulla Seaview è costruito per stupire chi arriva a bordo, come sottolinea, senza farne mistero, Pierfrancesco Vago, executive chairman di Msc Crociere. Proprio lo stupore è uno degli effetti che la compagnia vuol creare nell'allestimento delle nuove unità da crociera, affidato allo studio di architettura italiano De Jorio.

Lo spazio dedicato al divertimentoe al relax
E salendo sul ponte 7, spostandosi dall'atrio verso prua, l'ospite appena arrivato può già immergersi tra le luci del casinò di bordo e proseguire verso l'Odeon theatre, realizzato su due ponti, con 934 posti a sedere, che sarà il centro “artistico” della vacanza. Lo staff che lo anima, composto da 37 persone, tra ballerini, cantanti, artisti e tecnici, presenta infatti sette spettacoli inediti. Ripercorrendo, invece, a ritroso, verso poppa, il ponte 7, l'ospite ancora insicuro della geografia della nave, potrà fare una pausa allo champagne bar e arrivare nell'area entertainment, con il simulatore di Formula 1, il cinema XD e una pista da bowling regolamentare a due corsie; più tutta una serie di divertimenti da sala giochi adatto sia ai ragazzi che ai grandi. Salendo al ponte ancora superiore, il numero 8, l'unico, insieme al deck 7, ad attraversare l'intera nave, si trovano negozi, una gioielleria ma anche, andando verso prua, la palestra attrezzata da Technogym e l'area spa wellness.

Come orientarsi per trovare la cabina
Una zona estremamente curata: quella su Seaview è la più grande di tutta la flotta Msc. L'obiettivo è offrire il massimo comfort; cosa non semplicissima perché la nave viaggia al completo con 5.331 passeggeri, che devono essere gestiti in modo da far percepire, a ciascuno, la sensazione di non essere solo uno dei tanti e di poter usufruire dei servizi offerti senza troppe code o attese (che pure, in certi momenti, sono inevitabili: ad esempio quelle per gli ascensori). Esplorati rapidamente i due ponti centrali della nave (che in tutto ne ha 20), il passeggero punta di solito a trovare la cabina che gli è stata assegnata, tramite il badge d'ingresso che riporta numeri dalle quattro alle cinque cifre. Niente paura: il primo o i primi due numeri indicano il ponte in cui si trova l'alloggio (dal deck 5 al 16); gli altri, il numero della cabina su quel ponte. I corridoi per arrivare sono lunghi e tutti uguali; onde evitare di girare a lungo senza raccapezzarsi, è bene guardare subito se si ha una cabina con numero pari o dispari e seguire le indicazioni di conseguenza.

L’area ristoro e quella panoramica
Ma l'esplorazione di una nave così grande non è certo esaurita qui né, come si diceva all'inizio, si può esaurire nelle prime ventiquattr'ore a bordo. Perché il passeggero tende, in un primo tempo, a fermarsi nel posto che gli sembra più accogliente per poi accorgersi, man mano, che i luoghi da visitare si moltiplicano come i ponti. La nave ospita infatti, 10 ristoranti, dei quali sei tematici (Msc ha avviato partnership con lo chef spagnolo Ramon Freixa e con il nippo-americano Roy Yamaguchi), due buffet, 20 bar e sale lounge, con due punti della Venchi, il chocolate bar e la gelateria-creperia. E poi la promenade sul mare più ampia mai costruita per una nave da crociera (la abbraccia per intero) nonché una passerella trasparente lunga 40 metri sul mare, che dà la sensazione di camminare sull'acqua, e ascensori panoramici in vetro a poppa, con vista sul mare aperto e sulla piscina dell'area Sunset beach.

Lo spazio Acquafune l’area VIP
Sui ponti più alti si concentrano i divertimenti per bambini e adulti e trova spazio il forest aquaventure park, con cinque diversi acquascivoli, tra i quali due ad alta velocità, con sezioni trasparenti che si estendono oltre le fiancate della nave e un acquascivolo di oltre 112 metri, con un gioco interattivo di luci e musica; e poi una teleferica lunga 105 metri da cui lanciarsi imbragati per volare sul punto più alto della nave; il ponte dei sospiri (in vetro, su cui passeggiare sospesi a 40 metri di altezza), un solarium e la zona Yacht Club, la più esclusiva della nave, con ristorante, piscina e vasche a idromassaggio dedicati, riservata ai passeggeri che hanno scelto (e pagato) questo servizio, che prevede anche un maggiordomo.

I costi e le mete
Msc Seaview offre, per la stagione in corso, crociere sul Mediterraneo occidentale che toccano i porti di Genova, Marsiglia e Barcellona nonché Napoli, Messina e Malta. Il costo di una cabina parte da circa 800 euro (interna) per arrivare a oltre 2mila.

© Riproduzione riservata