Viaggi24

Borgate dal vivo, al via il festival più grande d’Europa…

  • Abbonati
  • Accedi
DAL 16 GIUGNO

Borgate dal vivo, al via il festival più grande d’Europa dedicato ai borghi alpini

Il 16 giugno torna per la terza edizione Borgate dal vivo, il festival letterario delle borgate alpine che per tre mesi percorrerà oltre 2000 km attraverso l'Italia e si svilupperà in 93 giorni, interessando 7 regioni (Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Umbria), 47 comuni, 16 festival in rete, per un totale di 50 eventi.

È il festival più grande d'Europa dedicato ai territori più piccoli e quest’anno si amplierà in Performing Alps: oltre alla letteratura, comprenderà anche altre forme artistiche, dal teatro, alla musica, al cinema, alla danza. Tra i numerosi ospiti: Marco Paolini, Elio Germano, Giuseppe Cederna, Cristiano Godano, Marco Balzano, Marco Marsullo, Mirkoeilcane, Giusi Marchetta, Rosella Postorino, Matteo Bussola, Valentina Farinaccio, Roberto Camurri e molti altri ancora da scoprire.

Contro lo spopolamento del territorio alpino
L'obbiettivo del festival è di contribuire alla rinascita e alla lotta contro lo spopolamento dei borghi e delle borgate alpine. Gli eventi, tutti in forte relazione con i luoghi che li ospitano, sono rivolti sia agli abitanti di queste aree periferiche, sia al grande pubblico che può riscoprire piccoli luoghi di grande bellezza. “Il tema di Borgate dal vivo 2018 è “la trasformazione” architettonica, turistica e sociale del territorio, che può essere favorita da un progetto culturale di rete come il nostro - dice Alberto Milesi, ideatore e direttore artistico del Festival -. Mi riferisco al recupero degli immobili e degli spazi comuni; allo sviluppo di un turismo sostenibile, gestito dal basso attraverso nuove forme di valorizzazione, accoglienza e ospitalità. Borgate dal vivo può essere uno stimolo alla trasformazione sociale, perché contribuisce a rendere le borgate di nuovo centro di attività culturali, sociali e formative”.

Borgate dal vivo, nato nel 2016, è diventato Festival internazionale nel 2017 grazie alla EFFE Label, riconoscimento europeo dell'European Festival Association (EFA); quest'anno è uno dei progetti scelti dal Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo), per l'Anno europeo del patrimonio culturale.

© Riproduzione riservata