Viaggi24

Un’estate da vivere con il naso all’insù. Ecco dove…

  • Abbonati
  • Accedi
OSSERVATORI ITALIANI

Un’estate da vivere con il naso all’insù. Ecco dove osservare eclisse e stelle cadenti

(Marka)
(Marka)

Alzare la testa e guardare lo spettacolo del cielo in estate è più facile, per la temperatura alta anche la notte e perché, prima o dopo, molti di noi si prendono ferie e possono “staccare” la testa dal pc per rivolgerla verso il cielo. E' il periodo di “solleone”, parola che ci racconta della costellazione in cui il Sole staziona da fine luglio. Quest'anno poi, in luglio e fino a ferragosto, lo spettacolo è assicurato. Pianeti facilmente individuabili a occhio nudo, giocano a rimpiattino con la Luna che, verso la fine del mese, darà gran spettacolo con un'eclisse che durerà per quasi due ore, un record di questo secolo, un peccato perderla.

Oltretutto sarà accompagnata dal pianeta Marte, che le starà molto vicino quella notte, e apparirà insolitamente grande e luminoso, perché è in questi giorni alla massima vicinanza con la Terra. Stiamo tranquilli sono sempre più di 50 milioni di chilometri comunque.

Il cielo di luglio 2018

Cadono le stelle
In agosto, come sempre, andremo poi a scrutare il buio sopra di noi per vedere una meteora, più romanticamente detta “stella cadente” anche se in effetti si tratta solo di un grano di polvere cosmica, non più grande di un chicco di riso. Per non perdere lo show nel cielo non c’è che l’imbarazzo della scelta poiché sono centinaia le iniziative in posti meravigliosi a partire dagli Osservatori astronomici statali.

A Padova, uno dei primi Osservatori, serata per l'eclissi con osservazione guidata dagli astronomi stessi con i più la possibilità di visitare il maggior museo astronomico d'Europa all'interno della parte antica dell'Osservatorio. Ad Asiago l'Università di Padova, per chi è in vacanza nel famoso altipiano, organizza una miriade di eventi per grandi e piccoli nel suo Osservatorio, con i telescopi più grandi che abbiamo in Italia. L'Osservatorio di Bologna organizza, fra l'altro due serate in città il 12 per riconoscere stelle e pianeti aiutati da un raggio laser che li indicherà e il 27 per l'eclisse. L'Osservatorio di Firenze, sulla collina di Arcetri dove fu relegato dall'Inquisizione Galilei, offre un ricchissimo programma di eventi e spettacoli. Gli 11 osservatori statali in Italia, da Cagliari a Palermo, da Roma a Trieste, offrono molto per il pubblico, è sufficiente andare a vedere i loro siti web per capire cosa può fare al caso nostro. L'iniziativa più spettacolare sarà però probabilmente quella organizzata per l'eclissi del 27 luglio nei pressi del castello di Federico II a Castel del Monte, in Puglia.

Le altre iniziative
Molto fanno anche gli astrofili, appassionati del cielo spesso di notevole livello, che organizzano sempre serate di osservazione anche in piccoli centri. Per trovare le loro iniziative si può consultare una pagina web. Ricordiamo poi che l'astronomia da terra dipende dalle condizioni meteo, ma niente paura, la tecnologia ci permette di beffare il maltempo e si potrà vedere l'eclissi di Luna in molti siti. Certo non è la stessa cosa, ma il fascino un po' misterioso del cielo perfora il video di PC o TV. Un buon quadro, sempre in evoluzione di appuntamenti con il cielo lo troviamo nelle pagine di un sito-rivista gratuito di bravi appassionati. Insomma quest'anno non abbiamo proprio scuse per non alzare la testa verso questi meravigliosi spettacoli.

© Riproduzione riservata