Commenti

Viaggio nellanima dellEuropa, le tappe

CULTURA

Viaggio nell’anima dell’Europa, le tappe

Un progetto che attraversa 16 luoghi emblematici: nodi che, toccati dall’agopuntura della coscienza storica, rilasciano il dolore di tanti scontri e la sapienza di tanti saperi

Che cosa può dire di sé oggi l'Europa, che valga a riconoscersi, a farla riconoscere?
Essa non ha voluto darsi una carta di identità, ma sta smarrendo persino il fatto di essere da millenni unita per il lento sovrapporsi e stratificarsi della sua più profonda natura: essere sempre il ‘qui dell'altrove'. Si tratta – nella geografia di un continente tracciata ormai dalle rotte Ryanair e Easyjet – di ritrovare una sorta di “cartografia storica” della propria identità, già definita, sin dal IV secolo, dall’Ordo nobilium urbium di Ausonio.
Il progetto, che presento, evoca 16 luoghi emblematici: nodi che, toccati dall’agopuntura della coscienza storica, rilasciano il dolore di tanti scontri e la sapienza di tanti saperi. Non metropoli (già cosmopolite per natura), non capitali; ma “luoghi comuni” di un quotidiano da ritrovare, nel silenzio che dischiude comprensione.