Perché l’umanesimo è nato in Italia

    C’erano una volta gli scopritori di continenti. Poi, esauriti i continenti, è venuta la stagione degli scopritori di isole e atolli. Nel mondo digitalizzato di Google Earth più nessuna sorpresa ...

    – di

    In viaggio con l’imperatore

    Presentarsi il giorno prima della partenza alle 11 al Palazzo imperiale, ingresso dal Sakashita-mon. Il messaggio del Kunaicho (l'Agenzia imperiale) arriva a sorpresa all'unico giornalista ...

    – di

    La Rivoluzione partì dalle russe

    1917: nella festa dell'8 marzo, dal pacifico corteo di operaie, studentesse e borghesi ha inizio la protesta che condurrà all'insurrezione popolare contro l'autocrazia

    – di

    Amore, politica e cultura

    È l’estate del 1919. Due ragazzi di Torino sono in villeggiatura sulla Riviera Ligure con le rispettive famiglie. Lei, Ada, ha diciassette anni e si trova a Finalmarina; lui, Piero, ne ha diciotto e ...

    – di

    La prima giudice alla Corte

    Quel giorno di aprile del 1965 non può dimenticarlo, Gabriella Luccioli. È una delle otto ragazze ad aver superato il primo concorso in magistratura aperto alle donne su un totale di 200 vincitori, e ...

    – di

    Cartografia della questione ebraica

    Come altrove in Occidente, così in Israele si vive nello stordimento dell’effetto Trump. Né si discute unicamente del controverso proposito di spostare l’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a ...

    – di

    I palestinesi e la missione europea

    Uno Stato palestinese che si affianchi a quello di Israele dovrebbe poggiare su istituzioni autonome, strutturate, efficienti, e su un sistema giuridico e di sicurezza ben avviato. Altrimenti è ...

    – di

    Todorov tra letteratura e storiografia

    La morte ieri di Tzvetan Todorov forse parla a noi, della nostra condizione culturale, meglio dello stato di salute della nostra condizione culturale. È giusto che tutti noi oggi ricordiamo il ...

    – di

    Storiografia in crisi d’identità

    Storico fra i maggiori della nuova leva di studiosi, come Rosario Romeo e Renzo de Felice, che si formarono nel primo decennio del secondo dopoguerra frequentando l’Istituto italiano di studi storici ...

    – di

    Caro Toscanini, l’orchestra è tua

    Il 15 febbraio 1936, il celebre violinista polacco Bronislaw Huberman scrisse una lettera ad Arturo Toscanini. Entrambi i musicisti si trovavano a New York a quell’epoca, e Huberman chiedeva di ...

    – di

    Goebbels, come è nato il mito

    «Quando sento la parola cultura metto mano alla pistola». Dei tanti slogan del Secolo breve è questo, forse, il più rivelatorio. Commentandolo, Boris Groys ha spiegato come certe dinamiche del potere ...

    – di

    Il dolore di Fatina Sed. E delle figlie

    «Un giorno la kapò ci fece mettere in fila per fare l’appello e una delle prigioniere si mosse. La soldatessa iniziò a frustrare ferocemente su tutta la fila - era fuori di sè, sembrava una belva ...

    – di

    I Bergoglio e la Banca d'Italia

    A Dogliani - dove Luigi Einaudi si indebitò alla fine dell'Ottocento per comprare un vigneto in frazione San Giacomo - oggi una vigna può costare anche un milione di euro. Rispetto a un secolo fa le ...

    – di

    Il sogno infranto del 1917

    Victor Serge, o meglio la memoria di Victor Serge, è la prova più bruciante della nostra ipocrisia. Chi di noi non sostiene infatti che la prova della propria fermezza stia nel «non venire a patti»? ...

    – di

    Una pioniera dei diritti

    È così immeritatamente poco conosciuta dal grande pubblico, Anna Kuliscioff, che bisogna ringraziare l'Orma per l'edizione in formato cartolina di Io in te cerco la vita, ideale per un regalo piccolo ...

    – di

    Come si reinventa Istanbul

    Chi ha incontrato in questi ultimi mesi dei turchi ha ricevuto la stessa impressione: una paura diffusa. Nessuno sa se e per quale motivo verrà arrestato. Sembra di essere tornati ai tempi di ...

    – di

    Icona di moralità

    Tina Anselmi era una donna libera. La fede cattolica non le impediva di essere donna di Stato, l’appartenenza politica non le precludeva di agire con indipendenza e intransigenza. Rispondeva a se ...

    – di

    Verdun, la battaglia infinita

    Il combattimento è stato trasfigurato come epico ma non fu né decisivo né il più cruento. I diari di Ernst Jünger, un documento prezioso per una storia antropologica del conflitto

    – di

    • Storia

    I manifesti? Strategici

    Tutto. «Dubitare di tutto e credere a tutto sono due soluzioni, ugualmente comode, che ci dispensano, l’una come l’altra, dal riflettere» (Jules-Henri Poincaré). ...

    Epifania del Magnifico

    I re Magi ci venivano volentieri, a Firenze. La città era bella e ricca. Belle le chiese e i palazzi e belle le donne. Tanto eleganti e ben vestite, che sembravano uscite da un presepe o da un corteo ...

    – di

    Dentro la Camera dei Segreti

    Disegnare il fantastico può essere molto impegnativo. L’approccio di Jim Kay ai classici moderni della Rowling si basa su un’intensa attenzione per il dettaglio

    – di

Vai all’archivio

Trova il cinema più vicino e gli orari dei film della settimana.

I più letti di Storia
Archivio storico della Domenica