House Ad
House Ad

Napoli in un femminiello

Che bello spettacolo fresco, brillante e insieme amaro al punto giusto, che gioiello di misura e intelligenza ha realizzato Arturo Cirillo con Scende giù per Toledo, adattamento di alcuni capitoli – l'asse portante della vicenda – dell'omonimo romanzo di Giuseppe Patroni Griffi. Artista dall'aguzza sensibilità, il quarantaseienne Cirillo – oggi esponente di spicco della generazione di mezzo della scena italiana – è stato sempre ritenuto una ...

Annunciati i vincitori del Premio Danza&Danza 2014 - Foto

Il 2014 si è appena concluso e la giuria del Premio Danza&Danza - uno dei più acuti riferimenti italiani nel settore - ha reso noto il palmarès degli spettacoli, dei ballerini e deicoreografi che maggiormente si sono segnalati sui nostri palcoscenici nel corso dell'anno. Riconoscimento annuale alle eccellenze della danza, il Premio istituito nel 1987 offre spesso una testimonianza della qualità e vitalità dell'arte coreutica in Italia. ...

Zakharova, Azzoni e altre stelle della danza a Roma

Svetlana Zakharova (Pierluigi Abbondanza)

È prima ballerina étoile al Bol'šoj di Mosca e alla Scala di Milano con un contratto che la lega al nostro Paese dove la si vede spesso in coppia con Roberto Bolle. Ma è contesa da tutti i maggiori teatri del mondo. La sua ascesa nel firmamento di Tersicore è stata folgorante. Dai primi passi in una scuola di danza in una cittadina sconosciuta dell'Ucraina dove è nata, cresciuta poi alla disciplina della scuola di Kiev, è quindi approdata nei ...

I peperoni difficili e l'eleganza dell'ovvietà di Rosario Lisma - Foto

La verità nuda e cruda è indispensabile o è lecito mediarla per rendere più accettabile l'irreparabile? E' giusto usare definizioni senza filtri o più opportuno far uso di tattiche diplomatiche per non ferire? Sul quesito l'autore-attore-regista Rosario Lisma ha costruito la pièce “Peperoni Difficili”, tornata in scena al Franco Parenti di Milano dopo il successo della scorsa primavera. Il tema non è da strizzacervelli, non c'è da aspettarsi ...

«Due donne che ballano», di Benet, in scena a Milano con il Teatro Stabile della Sardegna

L’incontro tra due donne diventa, per entrambe, l’occasione di una svolta inaspettata e catartica

Natale da incubo in casa Cupiello. Un geniale Latella riscrive Eduardo - Foto

Foto di Brunella Giolivo

È ad alta densità di immagini, di suggestioni, di metafore, di rimandi teatrali, letterari, musicali il “Natale in casa Cupiello” nella trasposizione del regista Antonio Latella. Con chiarezza di visione c'è il Brecht di “Madre coraggio”, in quel pesante carro trascinato dalla protagonista; c'è il Pirandello dei “Sei personaggi…” con quella schiera in proscenio, immobile, in cerca di un autore per poter rappresentare la loro vita; c'è anche lo ...

«Lo schiaccianoci» di Amedeo Amodio, trionfa all'Opera di Roma - Foto

È la strenna più preziosa di Tersicore, uno di quei classici del balletto che stanno in cima ai gusti e alle preferenze dei pubblici di ogni Paese: l'intramontabile e ciaicovskiano “Schiaccianoci”, che, immancabile, torna all'appuntamento delle feste natalizie. Andò in scena nel 1892 al Teatro Marinjinsky di San Pietroburgo, per la gioia dello Zar, dei suoi bambini, e del pubblico alto-borghese, ma snobbato, allora e per molti anni, dalla ...

Eccellenze in nome di Quadri

Stefano Massini, forse il più importante autore del teatro italiano oggi, paragona Franco Quadri al costruttore Solness di Ibsen, un uomo tormentato dal "proprio necessario tramonto". Gli fa eco Renata Molinari, curatrice del 31esimo numero della rivista di Bompiani Panta, dedicata appunto al critico ed editore milanese scomparso nel 2011 e preziosa antologia di saggi, testimonianze, interviste, scritti autografi e inediti materiali iconografici ...

Stupore meritato per Campana

Non ha tutti i torti Giancarlo Cauteruccio quando lamenta una certa marginalità in cui il suo lavoro viene tenuto da larga parte della scena italiana di oggi. Ferma restando la difficoltà di sondare i misteri del mercato, il regista-architetto Cauteruccio è da trent'anni ai vertici del teatro di ricerca. Oltre a fare da punto di riferimento per tanti giovani gruppi, il Teatro Studio di Scandicci, da lui diretto ha dato vita a una quantità di ...

Nascita e liberazione della donna nell'«Oratorio per Eva» - Foto

Sembra aver abbandonato, almeno per il momento, quell'appassionata ricognizione mediterranea, profondamente culturale, e di sussulto civile, tesa a mappare con spettacoli espliciti – il progetto “Re-Mapping Sicily” -, e titoli eloquenti – uno per tutti: “Sudvirus. Il piacere di sentirsi terroni” -, territori ancestrali e popolari tipici delle sue radici, sempre supportato dalla collaborazione con il drammaturgo Nello Calabrò. Il coreografo ...

Bolle di Capodanno - Foto

Serate di fine anno spumeggianti si annunciano a Torino, a officiarle, nella cornice del Teatro Regio, sarà infatti Roberto Bolle con i suoi Friends internazionali in quei pirotecnici galà che galvanizzano il pubblico quanto i concerti rock. ...

“Il cappotto” nuovo di Franceschi al Carcano - Foto

foto di Raffaella Cavalieri

Uno dei più famosi racconti della letteratura mondiale “Il cappotto” di Gogol, debutta al Teatro Carcano, nella rivisitazione di Vittorio Franceschi, anche nel ruolo del protagonista. La storia del piccolo copista Akàkij, ambientata a San Pietroburgo, alle prese con un esistenza invisibile e quel cappotto nuovo che darà una svolta alla sua vita talmente poderosa da morirne.

Nel Lago di stracci il canto del cigno di Fabrizio Monteverde - Foto

Fabrizio Monteverde non teme il confronto con i classici del balletto romantico. E stupisce ancora nella sua specialità di rivisitazione del grande repertorio – ricordiamo almeno “Cenerentola” e “Coppelia” -, con una ricorrente chiave spesso grottesca, sensibile alle suggestioni letterarie e teatrali, con quel segno contemporaneo che indaga i risvolti psicoanalitici di favole antiche. Il suo nuovo “Il lago dei cigni. Ovvero Il canto”, creato per ...

Scala, applausi per il Fidelio di Barenboim

(LaPresse) (Ufficio Stampa Teatro alla Scala)

Abita tutto nell'orchestra il cuore del “Fidelio”, che ha inaugurato la stagione della Scala. E per Daniel Barenboim, che lascia con questo titolo beethoveniano la direzione principale del teatro milanese, il saluto diventa una incoronazione. Già dal saluto iniziale, al primo apparire in buca, l'applauso è affettuosissimo, più intenso che mai. Non c'è retorica, nella sua interpretazione, ma la consegna di una partitura forte, cesellata con ...

Fidelio, la felice sintesi tra parola e canto

Una foto di scena di Fidelio di Ludwig van Beethoven (Ansa) (ANSA)

Si pronuncia tutta d'un fiato: “la-Prima-della-Scala”. Immutata, nonostante i cambiamenti nella storia, nel costume, nella gestione dei teatri d'opera. Lei rimane: amplificata e glorificata, ambita da un pubblico eterogeneo e trasversale. ...

Natale ridotto all'osso

Proseguendo nel suo accidentato periplo intorno al tema della tradizione – un nucleo di valori e di linguaggi da cui prendere furiosamente le distanze, e da rivivificare con folgoranti trasposizioni – Antonio Latella si accosta per la prima volta a un'opera di Eduardo, scegliendo non a caso Natale in casa Cupiello: la natura ambivalente del suo intervento si coglie particolarmente bene nei confronti di questo testo così modernamente e ...

“Il Prestito” è una questione d'onore - Foto

Debutto romano alla Sala Umberto per il nuovo testo del catalano Jordi Galceran “Il Prestito” per la regia di Giampiero Solari interpretata da Antonio Catania e Gianluca Ramazzotti. Una spiazzante commedia tragicomica sulla crisi economica e dei valori, ironicamente amara e attuale dal ritmo esilarante.

Teatro, nell'hangar fangoso di “Quai Ouest” in lotta per la sopravvivenza

La scenografia di Lorenzo Banci, da set cinematografico, ideata per “Quai Ouest. Approdo di ponente” di Bernard-Marie Koltès, con la regia di Paolo Magelli, risulta determinante ai fini della messinscena. Un bel colpo d'occhio nel meraviglioso spazio del teatro Fabbricone. A terra una distesa di fango vero, scivoloso, bagnato, dentro al quale camminano, cadono, corrono, s'imbrattano i personaggi. Di fronte, rialzata, la panchina di un porto ...

Il Festival della «Felicità Interna Lorda» riparte da Danilo Dolci, il Gandhi di Sicilia

Dal 4 al 6 dicembre in programma a Catania il «Fil Fest», kermesse che quest'anno indaga il tema delle città felici. Un dibattito, un laboratorio e un documentario dedicati al sociologo, poeta, educatore e attivista di Sesana che portò la lotta non violenta sull'isola. Tra gli ospiti l'economista Leonardo Becchetti

Che “Skianto” Filippo Timi al Parenti - Foto

Filippo Timi in “Skianto”

Il fanciullino Timi “diversamente” attore travolge al Parenti ed è: Skianto. Il suo cielo dai tramonti monotoni e grigi è una stanza claustrofobica, un piccolo mondo dove tutto è a fior di pelle, segnato da ferite precoci e inguaribili, lì si dibatte scarnificato da un insopprimibile bisogno di calore e ascolto, Filippo nato con “la scatola cranica sigillata”. Per interpretarlo Timi attinge a piene mani da materiale autobiografico costruendo la ...