INGRESSI EXTRA QUOTE
4 luglio 2005
In corsia già 20mila infermieri stranieri

L e richieste diventano pressanti: cliniche private, case di riposo, istituti per anziani e disabili non autosufficienti cercano come il pane infermieri professionali.
Secondo l'Ipasvi, l'ordine professionale di categoria, oltre ai 326mila attivi, ne mancano altri 40 60mila. Senza contare il fabbisogno che nasce dall'assistenza domiciliare.
Di infermieri ne servono 5mila solo a Torino, denuncia il Collegio torinese. Tantissimi, considerando che il Piemonte assorbe almeno il 15% del bacino nazionale. Sull'altro versante, i neolaureati in scienze infermieristiche sono appena 9mila l'anno, con un ricambio fisiologico di 13 14mila unità.
Che fare? Non resta che guardare altrove, fuori dall'Italia.
7 La legge. La corsia preferenziale assegnata dalla legge Bossi Fini agli infermieri immigrati ( sono, infatti, esclusi dalle quote annuali) li rende molto " appetibili". Ma, a differenza degli infermieri comunitari, gli extracomunitari devono ottenere il riconoscimento del titolo di studio il che allunga i tempi della procedura ( si veda l'articolo in pagina). La cosiddetta equipollenza del titolo è concessa da una Commissione nazionale del ministero della Salute, quindi scatta l'iscrizione al Collegio Ipasvi del luogo di lavoro o di domicilio ma a condizione di aver superato un esame di lingua italiana e uno di deontologia e leggi professionali.
7 In corsia. Gli extracomunitari che ce l'hanno fatta a conquistare l'equipollenza sono 8 9mila: vengono da Perù, Colombia, Brasile, Romania, Bulgaria, Albania. Attualmente sono più di ventimila nelle corsie dei nostri ospedali, ospizi e case di cura.
Almeno 8mila sono attivi nelle Regioni del Nord. La presenza varia anche da struttura a struttura. All'ospedale di Rivoli sono appena due o tre, ma a Torino, alle Molinette, struttura che ha dovuto mettere in stand by un bando da 150 infermieri extracomunitari, la percentuale sale anche al 60% dell'organico.
Lo zoccolo duro, insomma, è quello degli italiani. Stoppato il reclutamento anche a Corbetta ( 40 unità) e Acqui ( altri 30), ma per motivi « giuridici » . A Trieste Ospedale maggiore, parla straniero almeno il 10% dell'organico, includendo la struttura di Gattinara.
Stesso refrain in una struttura privata romana, al San Camillo, che registra un turnover di immigrati del 30 per cento.
Da Firenze in giù le percentuali calano, per non parlare delle Regioni autonome Val d'Aosta e Trentino che richiedono la lingua tedesca e francese, il che rappresenta un ostacolo in più.
7 Le Agenzie. Per le assunzioni la legge Biagi ha cambiato regole, affidando il compito alle Agenzie di somministrazione in grado di operare direttamente all'estero ( si veda l'articolo in pagina). Esistono sul mercato cooperative create anche da infermieri stranieri già presenti in Italia, o da studi professionali associati.
Intanto, gli stipendi, quelli legali. In caso di assunzione scattano anche per gli immigrati gli stipendi del contratto privato o pubblico degli infermieri professionali. Una novità sta nel fatto che nel recente rinnovo del contratto privato la percentuale di personale infermieristico assunto con contratti a termine è stata portata al 40% dei lavoratori a tempo indeterminato allo scopo evidente di favorire le assunzioni.
L'Ipasvi, dal canto suo, sta favorendo con l'aiuto della Sanità il metodo della selezione nei Paesi di origine, in particolare nel Nordafrica e in America Latina, anche con la collaborazione delle Agenzie di somministrazione e relativo esame da parte di una commissione formata da rappresentanti dell'Ordine e del ministero della Salute.