Home

Norme e Tributi

Finanza e Mercati

Economia e Lavoro

Attualità ed Esteri

Tecnologia e Business

Cultura e Tempo libero

Sport

Speciali e Dossier

EVENTI
Dal 28 settembre al 3 ottobre si svolgerà a Bologna la XXII edizione del Salone internazionale della ceramica per edilizia e dell’arredobagno. Vai allo speciale.
Tecnologia e Business
DIGITAL DIVIDE
13 aprile 2006
Connettere il mondo per dare un aiuto ai poveri e agli emarginati
di Piero Fornara

Anche le nuove tecnologie della comunicazione possono dare un aiuto concreto alla lotta contro la povertà e per lo sviluppo delle comunità più disagiate del Terzo mondo: ecco l'obiettivo di «Infopoverty 2006», in programma il 20 e 21 aprile a Milano (Politecnico e Università Cattolica) e - attraverso sessioni parallele collegate in videoconferenza - al Palazzo di Vetro dell'Onu a New York, alla Commissione Ue a Bruxelles, all'Unesco di Parigi e in altre località di quattro continenti.



Nella giornata di apertura la conferenza il presidente del Madagascar Marc Ravalomanana inaugurerà il villaggio digitale di Sambaina, mentre la chiusura dei lavori sarà affidata al presidente della Repubblica Dominicana Leonel Fernandez Reyna da un secondo villaggio Ict a Costanza. A questi due progetti pilota ne seguiranno altri 5mila, che verranno realizzati con il supporto delle principali organizzazioni internazionali. Tale modello prevede l’utilizzo delle nuove tecnologie per fornire servizi essenziali allo sviluppo, favorendo quindi la promozione delle attività economiche e sociali anche al livello più semplice.

Tre priorità. Connettività globale, piattaforma satellitare di servizi e villaggi digitali sono le tre priorità emerse al summit mondiale sulla Società dell'informazione, organizzato dalle Nazioni Unite a Tunisi nel novembre 2005. L'impegno di arrivare entro il 2015 alla connettività globale, con punti wi-fi di circa 30 miglia attorno ai villaggi e alle comunità rurali, è contenuto anche fra gli otto obiettivi di sviluppo del Millennio, approvati solennemente nel settembre 2000 all'Onu da 189 capi di stato e di governo.

Il mondo è circondato da un vasto sistema di satelliti, con una enorme e inutilizzata ampiezza di banda, ma con una possibilità limitata di realizzare i collegamenti a causa dei costi elevati e della incompatibilità degli standard: un’alleanza fra Stati e fornitori satellitari potrebbe abbattere drasticamente i costi (si stima addirittura da 8mila euro a 300-350 al mese) e avere effetti molto positivi . Ciò trasformerebbe la sovrabbondanza di informazione in prestazioni di servizi primari a banda larga come telemedicina, e-learning, e-commerce, di cui potrebbero beneficiare le comunità svantaggiate nei Paesi del Terzo Mondo, con la preservazione del loro patrimonio e la promozione della loro identità culturale, ma potendo risolvere quei problemi che le popolazioni povere si trovano ad affrontare anche nei Paesi industrializzati.

La Conferenza del 20-21 aprile. «Infopoverty» è un programma nato in ambito Onu e coordinato dall'Occam, Osservatorio per la comunicazione culturare e audiovisiva, istituito dall'Unesco a Milano, che organizza dal 2001 ogni anno una conferenza internazionale - spiega il presidente di Occam Pierpaolo Saporito - «aperta al contributo delle aziende private, che oltre alle chiare implicazioni a sfondo sociale, possono trovare nel settore Ict un'opportunità per allargare i mercati nei Paesi emergenti, superando anche gli handicap strutturali come la mancanza di elettricità».


L'edizione 2006 si aprirà giovedì 20 aprile al Politecnico di Milano (ore 10, aula magna, piazza Leonardo da Vinci) e sarà organizzata in collaborazione con Fiera Milano, che sta anche lavorando a Build Up Expo, mostra dell'architettura e delle costruzioni in programma nel febbraio 2007, dove sarà illustrato un modello certificato di Ict Village. Il 21 aprile la «Infopoverty» proseguirà presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano (ore 11, aula magna, largo Gemelli), con una sessione dedicata alla società dell'informazione come strumento di integrazione dell’Europa allargata, moderata da Maria Grazia Cavenaghi Smith, direttrice dell’ufficio del Parlamento europeo a Milano.


WEB GUIDE
VI Infopoverty World Conference
Occam (Observatory for Cultural and Audiovisual Communication)
International Telecommunication Union - Connect the World
Parlamento europeo - Ufficio di Milano
Politecnico di Milano
Fiera Milano
Millennium Development Goals
World Summit on the Information Society and follow up
UN Public Private Alliance for Rural Development
Banca Dati TUTTO - Tecnologia
Articoli, approfondimenti e notizie dal Sole 24 ORE, con una selezione degli argomenti principali e un focus tematico aggiornato
2024
Ogni settimana le novità più interessanti dal mondo dell’informatica, del web e delle tlc.