L'aereo di Antonio Foglia torna in volo a Milano

    Milano, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia. In questi giorni, al primo piano del padiglione Aeronavale un dinoccolato gentleman alto più di due metri, dotato di una candida chioma, sta dando gli ultimi tocchi alla sistemazione di un elegante aereo da turismo della De Havilland: un

    – di Sandro Gerbi

    La competitività ha bisogno di più investimenti

    La legge di bilancio 2019 si presenta, nel complesso, come una operazione centrata sui trasferimenti pubblici come veicoli di stimolo per la domanda interna, oltre che strumenti di equità sociale nelle intenzioni del governo. In questa direzione ...

    – di Stefano Manzocchi

    Reddito di cittadinanza e investimenti, la trappola della Pa

    La manovra in arrivo punta tutte le sue carte sulla ripresa degli investimenti pubblici e sulla spinta ai consumi interni dal reddito di cittadinanza. Ma senza un drastico cambio di rotta nella gestione del personale della Pa entrambi i motori rischiano di imballarsi ancor prima di partire

    – di Francesco Verbaro

    Le città-distretto e il valore aggiunto di Sassuolo

    Nel processo di metamorfosi del nostro articolato comparto manifatturiero a trazione territoriale vi sono contesti che hanno saputo interpretare il cambiamento praticando la discontinuità della modernizzazione nella continuità di un solco storico consolidato.

    – di Aldo Bonomi

    Lo spread tra Italia e Germania è quello sugli investimenti

    Per il nostro Paese il nodo più rilevante che si pone è quello della produttività e dell'innovazione. Dal 1998 la produttività italiana è rimasta pressoché stabile, a fronte di un netto miglioramento di quella tedesca, francese e persino spagnola. Tuttavia, se scomponiamo il dato per macro-settore,

    – di Gian Maria Gros-Pietro

    Ambienta sceglie la terza via. Raccolta record del nuovo fondo

    «Alcuni sono stati più gentili con me per il mio cognome. Altri sono stati meno gentili con me per la stessa ragione. Non mi è mai importato. E, alla fine, non ha mai contato». Nino Tronchetti Provera - classe 1968 - è stato per lungo tempo l'altro Tronchetti Provera. Suo papà Luigi e Marco

    – di Paolo Bricco

    Governo diviso su economia e politica per l'Europa

    Mentre i due vice-premier del governo italiano vanno a uno scontro con l'Unione europea (Ue), un altro membro del governo, il ministro per gli Affari europei va a Bruxelles per discutere il progetto di «una politeia per un'Europa diversa, più forte e più equa». I primi affermano senza scrupoli di

    – di Sergio Fabbrini

    Governo diviso su economia e politica per l'Europa

    Mentre i due vice-premier del governo italiano vanno a uno scontro con l'Unione europea (Ue), un altro membro del governo, il ministro per gli Affari europei va a Bruxelles per discutere il progetto di «una politeia per un'Europa diversa, più forte e più equa». I primi affermano senza scrupoli di

    – di Sergio Fabbrini

    Scuola, a Selargius si paga per saltare la fila ai colloqui con i professori

    Quando viaggiate in aereo e con il biglietto acquistate anche l'opzione di imbarco prioritario, state pagando un extra per poter saltare la fila. Un servizio aggiuntivo che la compagnia aerea vi offre ad un certo prezzo. Ma se un servizio simile vi venisse offerto, a pagamento, dalla scuola dei

    – di Vittorio Pelligra

    L'Argentina e le lezioni mai imparate

    Per la 5° volta in 50 anni l'Argentina precipita in una crisi valutaria grave; il Fondo Monetario Internazionale è sceso in campo con un programma record per 57 miliardi di $, di cui 15 già sborsati. La recessione in arrivo ripropone inquietanti similarità con quella del 2001 che derivano

    – di Marcello Minenna

    Impiegati, contratto ibrido per il lavoro 4.0

    Il lavoro sta cambiando molto velocemente. Se è vero che bisogna seguire le diverse tendenze dei lavori nelle diverse traiettorie della grande trasformazione penso sia opportuno riflettere sui dati di una ricerca "Impiegati e quadri verso il lavoro 4.0" appena presentata.

    – di Marco Bentivogli

    Trump contro la Fed: meglio tardi che mai

    Il Presidente Trump attacca la banca centrale americana (Fed): finalmente, meglio tardi che mai! Può apparire un commento paradossale, ma lo è meno di quello che appare. La Fed ha una fama di banca centrale indipendente, che non merita; è in realtà una istituzione debole, che ha da tempo accentuato

    – di Donato Masciandaro

    Anche i «negozietti etnici» sono l'anima di una città

    Abito in fondo a via Padova, a Milano. Una strada frequentemente descritta come "periferia degradata" nel migliore dei casi, che diventa "covo di immigrati nullafacenti" per alcuni. Per me, invece, è una delle strade più vive e belle, della città forse più viva e bella d'Italia: Milano (sì lo so,

    – di Franco Sarcina

    Reddito di cittadinanza, 5 punti che Di Maio deve chiarire

    Finora solo schegge. Così rarefatte da sembrare impazzite. Sul reddito di cittadinanza sono tanti i punti da chiarire. E farlo prima possibile aiuta l'opinione pubblica e i mercati, molto scettici sul tema che considerano uno dei punti più "pericolosi" della prossima manovra.

    – di Alberto Orioli

    Chi evita il conflitto e chi sembra cercarlo

    Nel maggio di quest'anno, la Commissione europea ha evitato di aprire una procedura di infrazione per la "regola del debito" per violazioni del 2017 che avrebbero colpito il governo italiano appena insediato. Tuttavia, la concessione era stata possibile solo dopo aver ricevuto assicurazione dal

    – di Carlo Bastasin

    Multe alle banche, un conto salato ma destinato a crescere

    Il conto delle sanzioni imposte alle grandi banche dopo la crisi è impressionante, come ha documentato ieri l'inchiesta di Alessandro Plateroti, ma i 400 miliardi già pagati non bastano per affermare che giustizia è stata fatta e soprattutto l'importo è destinato a crescere perché si affacciano

    – di Marco Onado

    Consob, il mercato sta ancora aspettando

    Repetita iuvant. Martedì 2 ottobre abbiamo denunciato il fatto che in un momento delicato della vita politica del Paese e con i mercati che oscillano clamorosamente la Consob, l'organismo di vigilanza, è senza presidente. Mario Nava si è dimesso dall'incarico il 13 settembre scorso, dopo che Lega e

    – di Fabio Tamburini

I più letti di Commenti