L'auto elettrica e la «sindrome Blockbuster»

    Prendendo alcuni spunti dall'interessante conversazione "a tavola" tra il giornalista Paolo Bricco e Alberto Bombassei, pubblicata su il Sole 24 ore di domenica 27 gennaio 2019, come associazione italiana che promuove lo sviluppo della mobilità elettrica nel nostro Paese vorremmo fornire il nostro

    – di Dino Marcozzi

    Una cabina di regia per guidare il futuro della mobilità elettrica

    In questi giorni si è aperto un acceso dibattito intorno ai possibili effetti che la mobilità elettrica è in grado di produrre sull'occupazione; una querelle affrontata da un punto di vista parziale che non prende in dovuta considerazione il tema della mobilità sostenibile nella sua completezza.

    – di Francesco Macrì

    Un manifesto riformista contro i populismi

    Non è rassicurante la previsione secondo cui sovranisti e populisti non giungeranno ad avere la meglio nelle prossime elezioni europee. Poiché basterà che essi raccolgano una buona dose di consensi in alcuni Paesi (come Francia, Italia, Spagna e parte della Germania) per essere in grado, grazie a

    – di Valerio Castronovo

    Autonomia delle regioni? Solo con tasse locali

    «Nessuna tassa se non c'è una rappresentanza», tuonavano i coloni americani quando avviarono la rivolta che li portò all'indipendenza dal Regno Unito alla fine del XVIII secolo (no taxation without representation).

    – di Innocenzo Cipolletta

    Le infrastrutture valgono se creano rete, non per i costi

    In questi mesi il discorso pubblico del nostro Paese si è molto interessato ai risultati delle Analisi benefici costi (Abc) delle infrastrutture a seguito della rilevanza che a tale analisi viene assegnata nel contratto fra le forze politiche che esprimono il governo della Repubblica. Ai risultati

    – di Ennio Cascetta

    Il mondo cyber e la sicurezza "diversa"

    Tutti ne parlano, pochi hanno un'idea chiara di cosa sia e spesso non si riferiscono alla stessa cosa. In pubblico tutti utilizzano il termine con apparente consapevolezza, ma in privato molti sussurrano di una "rimasticatura" e se guardiamo alle definizioni più comuni tale accusa pare fondata.

    – di Alessandro Curioni

    L'agenda 2030 lucida strategia per crescere

    Le aziende italiane ed europee si stanno mobilitando per costruire un'Europa visionaria e ambiziosa, capace di offrire opportunità. I presidenti di Confindustria e di BusinessEurope, Vincenzo Boccia e Pierre Gattaz lanciano un appello per un'Europa più forte e unita. Un appello che condivido.

    – di Luca Jahier

    Regole antitrust più moderne per una Europa più competitiva

    Un paio di anni fa PricewaterhouseCoopers pubblicò uno studio secondo il quale nel 2050 la quota di Pil mondiale riconducibile ai 27 Paesi dell'Unione europea sarebbe stata inferiore al 10%: più bassa di quella della sola India. In questo quadro le economie di sette Paesi emergenti (Cina, India,

    – di Marcella Panucci e Antonio Matonti

    Perché la fiducia è il miglior alleato degli influencer

    Partiamo da quello che sappiamo: dati alla mano, il settore dell'influencer marketing è in espansione: investimenti sempre maggiori e continuativi da parte delle aziende sembrano confermare una generale fiducia nella possibilità di ricavo derivante da questa attività.Un'altra cosa che sappiamo è

    – di Alessandro Cola*

    Bitcoin, meglio legiferare presto

    Se Kettering, forse con velato pessimismo, affermava che "i problemi sono il prezzo da pagare per il progresso", a dodici lustri dalla sua scomparsa l'adagio rimane sempre attuale. Ma il punto è: chi dovrà pagare tale prezzo? E il parallelismo con il nostro argomento è pure fattuale; solo un

    – di Antonello Martinez

    Onu, il seggio Ue è un sogno (quasi) impossibile

    L'Italia, per un volta, ha provato a battere un colpo in favore dell'Unione europea. E' successo nei giorni scorsi, quando il presidente del Consiglio Conte ha rispolverato l'idea di conferire alla Ue un seggio nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. E lo ha fatto in risposta alla volontà

    – di Pietro Manzini

    L'insindacabilità dei ministri è nella carta

    Il dibattito pubblico degli ultimi giorni è stato polarizzato dalla richiesta di autorizzazione a procedere del Tribunale dei ministri di Catania nei confronti di Matteo Salvini, per la vicenda della nave Diciotti. Più in particolare, i giudici catanesi addebitano a Salvini - come si legge

    – di Francesco Saverio Marini

    Se la povertà arriva anche in Lombardia

    Può sembrare un salto ardito da un mio recente «Microcosmo» sul rione Sanità a Napoli alla povertà in Lombardia. Ma povertà, disagio, problemi sociali non sono solo al Sud, ma anche nel grande Nord.

    – di Aldo Bonomi

    Perché serve un'Europa più amica delle imprese

    Ho apprezzato l'intervento dei presidenti di Confindustria e di BusinessEurope, Vincenzo Boccia e Pierre Gattaz e condivido molte delle loro proposte.

    – di Antonio Tajani

    Addio a Guido Roberto Vitale, innovatore dell'economia con impronta anglosassone

    E' scomparso un protagonista della vita economica e finanziaria, culturale e politica del nostro Paese. A 81 anni, se n'è andato Guido Roberto Vitale. La sua biografia rappresenta bene la modernizzazione più aggressiva e di matrice anglosassone che, a partire dagli anni Sessanta, ha preso piede

    – di Paolo Bricco

    La Cina ridimensiona il Pil, non le ambizioni

    La crescita economica della Cina, per quanto ancora forte, ha rallentato e gli analisti prevedono che si indebolirà ulteriormente nel 2019. Eppure è probabile che, alla fine, le prospettive dell'economia cinese non saranno molto distanti da quelle volute da Pechino. Dopo tutto, il 2019 è il 70esimo

    – di Adriana Castagnoli

    La trasformazione digitale e il futuro del lavoro

    E' inutile girarci intorno. La questione principale, che nei prossimi anni turberà - rivoluzionandolo - il mondo del lavoro, riguarderà la necessità di conciliare le capacità delle macchine con la presenza umana. Nel percorso già ben avviato della digital transformation, ovvero di quell'insieme di

    – di Luca Tomassini

    Il tentativo della Fed di smontare il Qe potrebbe essere già finito

    I bilanci enormemente gonfiati delle banche centrali sono rimasti come ultima eredità della grande crisi, una sorta di "cicatrice" finanziaria per l'economia mondiale. Approfittando della fase positiva del ciclo economico, dal 2017 tutte le maggiori istituzioni monetarie hanno cercato di avviare

    – di Marcello Minenna

I più letti di Commenti