Auschwitz-Birkenau, la Memoria nella testa di 830 ragazzi

    Cracovia, 11 febbraio. L'appuntamento è alle 6,15 del mattino al Monument of Military Proletariat. E' ancora buio e fa freddo ma la tensione emotiva è forte: si parte per Auschwitz e poi per Birkenau. Sull'autobus H sono già seduti 40 ragazzi delle scuole superiori e dell'Università di Trieste,

    – di Eliana Di Caro

    Armonia tra «ethos» e «polis»

    Si narra che Thelonious Monk (1917-1982), l'acclamato pianista e compositore jazz statunitense, animatore con Dizzy Gillespie del bebop dotato di accordi essenziali e percussivi, non di rado interrompesse le sue esecuzioni per un ballo attorno al pianoforte in modo da far echeggiare, verificare e

    – di Gianfranco Ravasi

    Sta andando tutto molto bene

    Un'iscrizione caldea del 3.800 a.C. recita: «Siamo precipitati in tempi orribili/Il mondo è diventato troppo decadente e malvagio/La politica è sempre più corrotta/I giovani non rispettano più i loro genitori». Sembra scritto oggi. Al tempo dei Caldei, però, l'aspettativa di vita era circa 25 anni

    – di Gilberto Corbellini

    Universalismo del papato

    Roma come «gran teatro del mondo» è metafora usuale per definire il complesso intreccio di trattative diplomatiche e linguaggi politici, di solenni liturgie sacre, di spettacolari imprese artistiche, di ambiziose iniziative culturali, di incalzanti notizie dall'Italia, dall'Europa e dai più remoti

    – di Massimo Firpo

    Donne scienziate, una minoranza in ascesa

    Le donne scienziate sono una minoranza e anche l'ONU si sta muovendo per spingere le ragazze a studiare materie scientifiche. Aumentare la percentuale di studentesse nelle materie STEM (per Science, Technology, Engineering, Mathematics) è il primo passo per cercare di avere un maggior numero di

    – di Patrizia Caraveo

    Staviski, il grande truffatore: e la Francia scese in strada

    Gli scandali giudiziari, il fallimento finanziario di Serge Stavisky, come di altri speculatori con appoggi politici all'interno del governo di centro, il prolungarsi della crisi economica che in Francia significa non solo recessione, ma anche stagnazione, e che tocca il suo punto più basso tra

    – di David Bidussa

    Salvini e il caso Diciotti: il primato della persona sullo Stato

    Qualche giorno fa il tribunale dei ministri di Catania ha chiesto al Senato di procedere nei confronti del ministro dell'Interno per sequestro di persona. Il fatto è noto: la nave italiana "Diciotti" era al porto di Catania, ma i 177 migranti a bordo non potevano lasciarla in quanto il dipartimento

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Temperare l'iperglobalizzazione

    Che la globalizzazione fosse un processo destinato, di per sé, a generare risultati positivi univoci, tali da dar luogo a una fase di crescita sicura e su vasta scala, per via dei vantaggi aggregati derivabili dalla liberalizzazione dei rapporti commerciali e dei movimenti di capitale, ha

    – di Valerio Castronovo

    Quando finirà il sabba delle streghe?

    Noi oggi ci troviamo ad aver compiuto questo processo: il mondo si è globalizzato. Il periplo si è compiuto. Ma lungi dall'apparirci finalmente razionalizzato, esplodono colossali, apparentemente insuperabili disuguaglianze. Il pianeta si è fatto Globo, ma ci appare l'opposto di quella repubblica

    – di Massimo Cacciari

    Il caso Lavorini, tra pedofilia e strategia della tensione

    Viareggio, 31 gennaio 1969. Un dodicenne, Ermanno Lavorini, figlio di commercianti, esce di casa alle 14.30, ma non torna più, scompare nel nulla. La famiglia e l'intera città iniziano una disperata ricerca del ragazzo, che verrà trovato senza vita il 9 marzo, seppellito malamente sulla spiaggia di

    – di Andrea Di Consoli

    Lezione di cultura democratica

    Il libro di Sabino Cassese, che raccoglie alcuni dei suoi articoli pubblicati sulla stampa nazionale, è in primo luogo un viatico che ci accompagna attraverso le complesse e contorte vicende della politica italiana, in particolare quella contemporanea, che va pressappoco dalla caduta del governo

    – di Pasquale Pasquino

    De profundis per la versione della maturità?

    Non c'è nulla da rimpiangere: saper tradurre un testo di 20 righe in greco antico o in latino, con il vocabolario, in un arco di 4 ore, era un obiettivo ben misero per un corso di studi della durata di 5 anni, con un monte orario settimanale più che abbondante per le lingue antiche (al biennio: 5

    – di Mariangela Caprara

    #Mettiamocelointesta, la campagna social per aiutare le bambine rifugiate

    Il numero di bambini rifugiati che non hanno la possibilità di andare a scuola è in crescita: sono circa 4 milioni, quasi 500 mila in più rispetto allo scorso anno. A diffondere il dato è l'Agenzia Onu per i rifugiati (UNHCR), secondo cui l'accesso all'istruzione è ancora più difficile per le

    – di Francesca Milano

    Derelitto chi strapazza il soffritto

    La presenza di trasmissioni dedicate alla cucina nei programmi televisivi non è certo nuova, e ancor di recente è stata ricordata nel suo sviluppo da un documentario di Rai 3: il quale non poteva evitare, sia pure con cautela e per cenni, di mettere in evidenza, se non un peggioramento, un

    – di Tullio Gregory

    Gli animali che ci rendono uomini

    Ci sono quelli medievali, i più celebri, ma ci sono anche quelli antichi, i più fortunati, e quelli moderni, numerosissimi anche se dal prestigio decaduto: di bestiari ce n'è per ogni evo. Tanto che se si avesse tempo di ragionarci sopra, cosa tutt'affatto esclusa tra spread, crescita zoppa,

    – di Luca Sebastiani

    La battaglia di Salo Muller contro le ferrovie della Shoah

    Ha avuto la rivoluzione fra le mani e, dopo quasi mezzo secolo, ne ha fatta un'altra con le sue mani. Salo Muller è olandese e ha 82 anni. La storia gli appartiene perché è stato il fisioterapista dell'Ajax che negli anni 70 fece tremare il calcio catapultandolo in una nuova era e portando la

    – di Maria Luisa Colledani

    Bonisoli: ecco come il "modello" Matera può servire per lo sviluppo di tutto il Sud

    Matera può far da traino a tutto il Mezzogiorno, l'ha sottolineato anche il premier Giuseppe Conte, parlando della città dei Sassi come simbolo di riscatto dell'intero Meridione. Già, ma in che modo? Il ministro della Cultura, Alberto Bonisoli, con pragmatismo tutto mantovano, sostiene che possono

    – di Eliana Di Caro

    Matera 2019: «Solo la cultura può creare una comunità»

    Nel 2023 la Capitale europea della Cultura sarà l'ungherese Veszprém, che ha vinto la corsa con le altre concorrenti del suo Paese, ed è la città in cui è nato il commissario europeo alla Cultura, Tibor Navracsics. Il quale, in questa intervista esclusiva al Sole 24 Ore a margine delle celebrazioni

    – di Eliana Di Caro

I più letti di Idee