Bnl, utili e impieghi in crescita nel 2018

    Bnl (gruppo Bnp Paribas) arriva al test di chiusura d'anno con risultati che confermano la performance positiva registrata nei mesi scorsi. La banca guidata da Andrea Munari archivia così il 2018 con un utile ante imposte di 356 milioni, in crescita di 164 milioni rispetto all'anno prima, mentre

    – di Celestina Dominelli

    Traghetti, Moby al rimborso di rata da 50 milioni alle banche

    Il gruppo dei traghetti Moby procede verso una data importante nel suo cammino per rientrare sull'esposizione debitoria: entro il prossimo 11 febbraio dovrà infatti rimborsare una rata da 50 milioni di euro di finanziamento bancario, facendo passare quindi la sua esposizione verso un pool di banche

    – di Carlo Festa

    Carlo Messina: «Imprese più forti, no ad allarmismi sull'Italia»

    «C'e' troppa negatività sul rallentamento dell'economia italiana. Si trascura il fatto che le imprese italiane sono molto più solide finanziariamente dopo gli anni della crisi. Lo abbiamo già visto negli ultimi mesi, con il ritorno ai livelli minimi dei nuovi flussi di crediti in sofferenza». Il

    – di Alessandro Graziani

    Intesa, l'utile sale oltre 4 miliardi. A fine 2019 un'altra maxi cedola

    Il contesto rimane «sfidante». Ma anche in un quadro di crescita più bassa delle attese e di mercati volatili, Intesa Sanpaolo conferma la capacità di generare reddito: nel 2018 il gruppo guidato da Carlo Messina ha messo in cascina un utile pari a 4,05 miliardi, contro i 3,81 del 2017, con una

    – di Luca Davi

    Borsa: settore auto giù, previsioni Toyota e conti Daimler pesano

    Vendite in Borsa sui titoli del comparto auto che è il più penalizzato in Europa a causa del taglio dei target da parte di Toyota e delle indicazioni forniti da Daimler in occasione dei conti 2018. L'indice Stoxx 600 del comparto arretra dello 0,85%: pesano soprattutto le performance della stessa

    – di Andrea Fontana

    Dollaro australiano in netto ribasso, possibile un taglio dei tassi

    Netto ribasso del dollaro australiano che ha registrato una flessione di oltre l'1,8% sul dollaro americano (qui il grafico tasso di cambio) dopo che il governatore della banca centrale australiana Philip Lowe ha dichiarato al termine del direttivo di non escludere un taglio del costo del denaro.

    – di Andrea Franceschi

    Borse, Piazza Affari (+0,8%) stacca le rivali con le banche. Sprint di UniCredit

    Banche in primo piano oggi a Piazza Affari, risvegliate dalla stagione delle trimestrali. Il FTSE MIBha vantato la performance migliore d'Europa (+0,82%), spinto appunto dal comparto finanziario e festeggiando il successo dell'asta Btp a trenta anni. Lo spread, tuttavia, è salito in area 267 punti,

    – di Eleonora Micheli

    Perché i grandi capitali ora si spostano dalle azioni ai bond

    Il 2018 si è chiuso all'insegna della volatilità sui mercati mondiali. Nel 2019 la tendenza si è invertita. Azioni, bond, commodities... quasi tutte le classi di investimento hanno recuperato terreno. I capitali tuttavia non sono tornati ad affluire in maniera uniforme. Nonostante il rally delle

    – di Andrea Franceschi

    Tim-Open Fiber, incontro Gubitosi-Ripa. Ipotesi fusione delle reti

    Si è concluso nel tardo pomeriggi il primo confronto ufficiale tra l'amministratore delegato di Tim, Luigi Gubitosi, e Elisabetta Ripa, ad di Open Fiber, iniziato a Roma presso la sede di Corso d'Italia di Tim.Con questo appuntamento si procede dunque sulla via del dialogo tra i due operatori

    – di Simona Rossitto

    Mol Med in rialzo dopo via libera in Germania su rimborsabilità di un farmaco

    Il titolo di MolMed in rialzo quasi del 4% a Piazza Affari sulle notizie arrivate in giornata dalla Germania. La azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, ha annuncaito che il

    Intesa, utile 2018 a 4,05 miliardi. Ai soci cedola di 20 centesimi ad azione

    Intesa Sanpaolo chiude il 2018 con utile netto pari a 4,05 miliardi (in crescita rispetto ai 3,816 miliardi del 2017), e nell'ultimo trimestre mette in cascina 1,038 miliardi, dato in discesa rispetto agli 1,43 miliardi dello stesso periodo del 2017. Risultati che sono «pienamente in linea» con gli

    – di Luca Davi

    Satispay, round da 50 milioni nel 2019

    Satispay guarda all'espansione in altri Paesi europei, non disdegna abboccamenti con operatori Usa e studia il debutto nell'Rc auto. Il 2019 per la ormai ex startup italiana del fintech si preannuncia particolarmente intenso. Basta una chiacchierata di un'ora con il fondatore e amministratore

    – di Monica D'Ascenzo

    Salvataggio Astaldi, altra fumata nera: Salini Impregilo e IHI rinviano le offerte

    Il salvataggio di Astaldi arriva in zona Cesarini. La prossima settimana il big italiano delle grandi opere finito in concordato, sotto il peso di 2 miliardi di euro di debiti, dovrà presentare un piano di risanamento ed ha evidentemente bisogno di un sì. Ma intanto i tempi sembrano allungarsi.

    – di Simone Filippetti e Laura Galvagni

    Banche, König apre a Visco: «Sulle crisi regole da migliorare»

    «Vado oltre il detto "riparate il tetto quando c'è il sole". Alle banche oggi dico: riparatelo anche quando piove, perché potrà piovere di più. Il mio compito come regolatore è quello di spingere tutte le banche a fare di più e più velocemente. Siamo contenti dei progressi fatti negli ultimi dieci

    – di Isabella Bufacchi e Luca Davi

    «Apple compri Netflix», scrive Jp Morgan. Fermento a Wall Street

    A Wall Street (indice Nasdsaq nel dettaglio) da qualche ora c'è un po' di fermento. Quello tipico da febbre da acquisizioni. A solleticare l'umore degli investitori è stata una nota all'interno di un report di Jp Morgan, pubblicata dalla Cnbc, che dà un consiglio senze mezze misure alla Apple che

    – di Vito Lops

    Borsa, energetici in rialzo dopo i conti di Bp

    Il comparto energia traina al rialzo le principali Borse europee con un guadagno di oltre un punto e mezzo percentuale sull'indice settoriale. I rialzi premiano in particolare il titolo della britannica Bp arrivato a guadagnare oltre il 5% dopo la pubblicazione dei conti superiori alle attese e

    Tim svetta in attesa di novità sulla rete unica

    Telecom Italia sotto la lente a Piazza Affari, nell'attesa di novità che potrebbero emergere dall'incontro che oggi si terrà tra i vertici dell'azienda e quelli di Open Fiber. La scorsa settimana la numero uno di Open Fiber, Elisabetta Ripa, ha parlato chiaro: al momento sono sul tavolo dei manager

    – di Eleonora Micheli

I più letti di Finanza & Mercati