Brexit, 250 aziende pensano al trasferimento in Olanda

    Il governo olandese ha riferito di essere in contatto con oltre 250 aziende riguardo al trasferimento delle loro operazioni dal Regno Unito all'Olanda prima dell'uscita di Londra dall'Ue. Lo scrive il Guardian. Il ministero olandese degli Affari economici ha detto di aver attirato nel Paese dalla

    Dietro i Gilets gialli l'ombra di Bernard Tapie

    E' come un'ombra che appare e scompare. Tormenta i Gilets Jaunes, li divide, ne asseconda una parte, quella con cui il vicepremier Luigi Di Maio cerca un accordo, la sostiene, anche. E' l'ombra di Bernard Tapie, discusso e controverso uomo d'affari francese, ex proprietario di Adidas, ex deputato

    – di Riccardo Sorrentino

    Berlino «salva» Nord Stream 2. Sarà garante sulle regole europee

    Dopo un lungo negoziato politico-diplomatico, Consiglio, Parlamento e Commissione hanno trovato finalmente nella notte qui a Strasburgo un accordo su una direttiva che regolerà la presenza sul mercato europeo di aziende di paesi terzi nel delicatissimo settore dell'approvigionamento del gas. Nei

    – di Beda Romano e Antonella Scott

    Finlandia, il reddito di base universale non crea lavoro

    Uno stipendio di base garantito crea maggior benessere e serenità ma non aiuta a reinserirsi nel mercato del lavoro. Questi, in sintesi, i risultati preliminari dell'esperimento biennale di reddito di base universale compiuto dal governo di centrodestra finlandese dal 2017 al dicembre scorso.

    – di Michele Pignatelli

    Germania campione dell'export 2018, crescerà meno nel 2019 (senza debito)

    FRANCOFORTE. La Germania si conferma campione dell'export. Nel 2018 le esportazioni complessive sono cresciute del 3% rispetto all'anno precedente toccando un nuovo record a quota 1.317,9 miliardi. Il surplus commerciale, per quanto monstre, è tuttavia calato l'anno scorso a 227,8 miliardi contro i

    – dalla corrispondente Isabella Bufacchi

    Italia-Francia, la mossa di Macron per riunificare la Nazione

    E' una crisi delicata. Il richiamo dell'ambasciatore francese in Italia, sia pure «per consultazioni» è una decisione davvero grave per il governo di Parigi che ha così voluto manifestare tutto il suo disappunto per il comportamento dell'Italia, e soprattutto per il rapporto che il vicepremier Luigi

    – di Riccardo Sorrentino

    Perché l'asse franco-tedesco è la risposta sbagliata all'euroscetticismo

    Le regole bocciano la fusione Alstom-Siemens? «Cambiamo le regole». Non sorprende la presa di posizione francese sulla vicenda della fusione tra i due colossi ferroviari: l'intero modello economico del Paese si è basato sui campioni nazionali, che oggi non possono che avere una scala continentale.

    – di Riccardo Sorrentino

    Brexit, Juncker e May tornano a trattare per sbloccare lo stallo

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - Dopo che Westminster ha votato due volte contro l'accordo di divorzio negoziato tra Londra e Bruxelles negli ultimi due anni, la Commissione europea e il governo May hanno annunciato oggi di voler tornare al tavolo delle trattative. Sul tavolo non c'è l'intesa

    – di Beda Romano

    Germania, anche l'Ue taglia le stime. Pesano i conflitti commerciali

    La frenata della Locomotiva d'Europa è stata confermata dall'ennesimo dato: la produzione industriale di dicembre, calata su base mensile dello 0,4 per cento, ha segnato il quarto mese consecutivo di declino. Mercoledì erano stati gli ordini all'industria a inviare segnali negativi. Intanto a

    – di Roberta Miraglia

    L'Ue boccia l'Italia: crescita quasi nulla nel 2019

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - E' un quadro deprimente, se non addirittura frustrante, quello tratteggiato stamani dalla Commissione europea nelle sue ultime previsioni economiche. Al di là di un calo drastico delle stime di crescita per il 2019, l'esecutivo comunitario ha espresso nel suo

    – di Beda Romano

    Germania: produzione giù per il quarto mese, rischio recessione

    L'industria tedesca continua a frenare più del previsto, una brutta notizia per l'Italia e l'Europa intera. A dicembre, secondo l'Ufficio federale di statistica, la produzione è infatti diminuita dello 0,4% rispetto al mese precedente. Si tratta del quarto mese consecutivo di flessione. Le

    – di G.Me.

    «I Brexiters meritano un posto all'inferno». Donald Tusk fa infuriare Londra

    Donald Tusk ha fatto infuriare tutto il Regno Unito con un tweet molto duro, con i sostenitori della Brexit: «Mi chiedo a cosa assomigli quel posto all'inferno per coloro che hanno promosso la Brexit senza nemmeno avere la bozza di un piano di come portarlo a termine in sicurezza», ha scritto il

    – di Luca Veronese

    Germania, ordini all'industria giù più del previsto. Rischio recessione in vista?

    La crescita economica in Germania rischia di rallentare più del previsto quest'anno, fino all'1% dall'1,5% del 2018: il timore è alimentato da nuovi dati sull'andamento della prima industria manifatturiera europea che confermano la debolezza della fine del 2018 e anche dell'avvio 2019. Gli ordini

    – di Isabella Bufacchi

    La locomotiva tedesca frena ancora. Ordini all'industria giù a sorpresa

    La locomotiva tedesca continua ad avere il freno tirato ed aumentano le preoccupazioni sul suo stato di salute. Un nuovo segnale del rallentamento dell'economia della Germania è giunto dagli ordini all'industria che a dicembre hanno accusato un calo dell'1,6% su novembre, il dato peggiore dal

    – di Giuliana Licini

    La Germania chiede garanzie a Huawei per partecipare all'asta 5G

    In Germania è partita l'offensiva contro Huawei, in vista dell'asta 5G in programma nella seconda metà di marzo. Oggi a Berlino è in agenda la prima riunione di Governo per stabilire se l'introduzione di regole più severe a tutela della sicurezza e l'eventuale firma di un patto di non spionaggio

    – di Roberta Miraglia

I più letti di Europa